Gaza, Israele blocca le forniture dell'Oms agli ospedali di Gaza: una condanna a morte per molti malati
Top

Gaza, Israele blocca le forniture dell'Oms agli ospedali di Gaza: una condanna a morte per molti malati

La carenza di carburante sta spingendo gli ospedali di Gaza sull’orlo del collasso, con le persone che affrontano disidratazione, malattie e fame, ha avvertito l’organizzazione benefica ActionAid.

Gaza, Israele blocca le forniture dell'Oms agli ospedali di Gaza: una condanna a morte per molti malati
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Giugno 2024 - 12.57


ATF

La carenza di carburante sta spingendo gli ospedali di Gaza sull’orlo del collasso, con le persone che affrontano disidratazione, malattie e fame, ha avvertito l’organizzazione benefica ActionAid.

Il dottor Mohammad Salha, direttore ad interim dell’ospedale al-Awda nel nord di Gaza, ha detto che molti servizi dell’ospedale sono stati compromessi dalla mancanza di carburante. In un messaggio vocale, ha detto ad ActionAid:

L’[Organizzazione Mondiale della Sanità] [stava] fornendo carburante, forniture mediche e medicinali. [Ma] dal 22 aprile [fino ad ora] non lo hanno più fornito perché i [militari] israeliani si sono rifiutati di [lasciare] [entrare] il carburante e le forniture mediche. . Quindi, [per] più di 50 giorni l’ospedale è senza carburante e forniture mediche e il carburante che stanno portando è [sufficiente] solo per due settimane.
[Di conseguenza] stiamo diminuendo il nostro intervento e non gestiamo i grandi generatori. Stiamo facendo funzionare i piccoli generatori solo per ricaricare le batterie. E [su questo] stiamo eseguendo gli interventi chirurgici legati al salvataggio di vite umane”.

Leggi anche:  Massacro di Al-Mawasi: il disprezzo assoluto d'Israele per la vita dei palestinesi

Salha ha detto che molti servizi, compresi i servizi di maternità e ginecologia dell’ospedale, sono stati colpiti dalla mancanza di carburante. Ha descritto la sala operatoria dell’ospedale come “non funzionante a piena capacità”.

Anche il nostro laboratorio è interessato. Non possiamo fare molte analisi, relative alle analisi ortopediche [e] abbiamo a che fare con molti pazienti… il 70% delle persone che [sono] colpite dall’aggressione israeliana necessitano di un intervento chirurgico ortopedico”.

ActionAid riferisce che solo 17 ospedali di Gaza sono ora parzialmente funzionanti, e il Ministero della Sanità palestinese ha avvertito che potrebbero andare fuori servizio se non riceveranno più carburante immediatamente. La carità

Secondo l’agenzia di stampa palestinese Wafa, fonti mediche hanno avvertito che l’unica stazione di ossigeno nell’area di Gaza City rischia di essere chiusa per mancanza di carburante.

Riham Jafari, coordinatore della difesa e delle comunicazioni di ActionAid Palestine, ha dichiarato:

Il carburante è assolutamente cruciale per mantenere operative le infrastrutture necessarie per sostenere la vita a Gaza. È scioccante che gli ospedali debbano ridurre i loro servizi a causa della carenza e che le attrezzature salvavita possano essere messe fuori servizio.

Leggi anche:  A Gaza continuano i raid israeliani: i pochi ospedali semi-distrutti non reggono il flusso di feriti

Il rivolo di aiuti che attualmente entra a Gaza non è affatto sufficiente a soddisfare l’enorme e sempre crescente bisogno umanitario.

Chiediamo che il valico di Rafah venga riaperto immediatamente, che più aiuti e carburante possano entrare a Gaza senza ostacoli e che sia garantita la sicurezza degli operatori umanitari che distribuiscono gli aiuti. Continuiamo a sollecitare tutte le parti ad accettare subito un cessate il fuoco permanente”.

Native

Articoli correlati