Israele, la retorica bellicista e la liberazione dei 4 ostaggi
Top

Israele, la retorica bellicista e la liberazione dei 4 ostaggi

È il caso della liberazione di quattro ostaggi in un’operazione condotta dall’esercito israeliano a Nuseirat, nel centro di Gaza. 

Israele, la retorica bellicista e la liberazione dei 4 ostaggi
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

11 Giugno 2024 - 14.28


ATF

La retorica della forza “liberatrice” alimenta una tragedia. 

È il caso della liberazione di quattro ostaggi in un’operazione condotta dall’esercito israeliano a Nuseirat, nel centro di Gaza. 

La retorica bellicista

Rimarca un editoriale di Haaretz: “Dov’era l’Idf?” È difficile contare il numero di volte in cui questa domanda è stata posta dal 7 ottobre. La questione rimane aperta, ma grazie all’operazione di sabato per il salvataggio di quattro ostaggi di Hamas, in cui le forze di sicurezza sono riuscite a riportare a casa sani e salvi Noa Argamani, Shlomi Ziv, Almog Meir Jan e Andrey Kozlov, la fiducia dell’opinione pubblica nella capacità delle Forze di Difesa Israeliane di proteggere i cittadini del Paese si è leggermente ristabilita, dopo essere andata in frantumi a ottobre.

Ma allo stesso tempo, è importante sottolineare che il modo per liberare i 120 ostaggi ancora detenuti da Hamas, di cui solo circa la metà sono ancora vivi, è attraverso un accordo. Questa è anche la posizione dei militari e degli alti funzionari della difesa. Non solo i rischi per la sicurezza, ma anche il numero di civili palestinesi uccisi nell’operazione, compresi i bambini, devono essere considerati.

Otto mesi di guerra hanno dimostrato che l’idea che la pressione militare avrebbe favorito il rilascio degli ostaggi è una vera e propria menzogna. Non dobbiamo permettere a coloro che vogliono prolungare la guerra di sfruttare il successo dell’operazione per continuare a mettere la continuazione della guerra in cima alla nostra agenda nazionale, prima del ritorno degli ostaggi. Non dobbiamo permettere che seminino l’illusione che sia possibile riportare a casa il resto degli ostaggi con ulteriori operazioni di salvataggio, come ha sostenuto il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir quando ha twittato: “Solo attraverso una massiccia e continua pressione militare saremo in grado di riportare a casa il resto degli ostaggi”. Sta gettando sabbia negli occhi dell’opinione pubblica. Questo è il discorso di una persona che è disposta a sacrificare gli ostaggi sull’altare di un piano per reinsediare Gaza ed espellere i palestinesi.

La lotta estrema non si preoccupa degli ostaggi e delle loro famiglie, e i suoi rappresentanti non riescono più a nasconderlo. Lunedì, il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich si è scontrato con i parenti degli ostaggi durante una riunione della commissione Finanze della Knesset, affermando che non sosterrà l’accordo con Hamas che è ora sul tavolo. “Quello che [Yahya] Sinwar sta chiedendo attualmente – rilasciare centinaia di assassini con le mani sporche di sangue in cambio della liberazione degli ostaggi – potrebbe… portare all’uccisione di un numero molto elevato di ebrei”, ha detto, e ha aggiunto: “Non lasceremo nulla di intentato nel tentativo di riportare indietro tutti gli ostaggi, ma non ci suicideremo collettivamente”.

In un’altra commissione della Knesset, il deputato Yitzhak Pindrus (United Torah Judaism), che presiedeva la commissione, si è scontrato con Esther Buchshtab, il cui figlio Yagev Buchshtab è un ostaggio. Dopo aver chiesto la parola, Pindrus ha detto: “Vuoi fare politica?”. Più tardi le ha detto: “Qui non siamo a Canale 2”.

Non dobbiamo permettere che l’estrema destra sacrifichi gli ostaggi rimasti sull’altare delle sue ambizioni messianiche. Dopo il successo del salvataggio, Israele deve cooperare con gli Stati Uniti e proporre un accordo sugli ostaggi in tutta serietà”.

Leggi anche:  Una buona notizia da Israele: nascono i Democratici

Perdonatemi se non riesco a gioire

Di grande impatto emozionale, oltre che politico, è lo scritto di Odeh Bisharat. “Ogni liberazione dalla prigionia alla libertà – annota Bisharat sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv – apre le più profonde sorgenti di gioia dell’universo, a maggior ragione quando si tratta di prigionieri o ostaggi le cui condizioni fisiche ed emotive sono avvolte nella nebbia, di cui non si conosce il luogo di prigionia, ma di cui si sa chiaramente che sono in costante pericolo – proprio come i residenti della Striscia di Gaza, che sono sotto bombardamento da otto mesi. L’immagine di Noa Argamani, con il suo volto tranquillo e il suo sorriso timido, è l’antitesi della crudele realtà in cui viviamo, ed è per questo che genera sentimenti così forti di solidarietà. È solo una giovane donna che è andata a divertirsi a una festa. È chiaro che non meritava di essere rapita e di subire un inferno, e ha il diritto di essere felice e di tornare a casa sana e salva. Più in generale, la sofferenza delle famiglie degli ostaggi suscita una profonda solidarietà in chiunque, arabo o ebreo, abbia compassione nel cuore. Ma il sospiro di sollievo per la fuga dei quattro ostaggi dalla prigionia è evaporato all’istante. Dopo tutto, come si può essere felici quando il prezzo, secondo le autorità palestinesi, è stato di almeno 270 morti e quasi 700 feriti, la maggior parte dei quali civili?

Perdonatemi per la mia ottusità nel non saper essere felice quando i corpi di 270 persone giacciono davanti a me. Perdonami se non esco a ballare per le strade quando in sottofondo si sentono le grida agonizzanti di centinaia di feriti. Vedo scene da brivido alla televisione (anche se non quella israeliana): corpi di bambini, donne e uomini, alcuni già morti, altri in un percorso tortuoso verso una morte che sarà una liberazione. Perdonatemi se i miei sensi sono ottusi e non riesco a gioire di questa situazione. Davvero, perché le autorità qui non chiudono tutte le stazioni televisive straniere, lasciando solo quelle israeliane? Le cose che sono lontane dagli schermi televisivi delle persone sono lontane dai loro cuori. In Israele il pubblico è protetto. Non vede quelle scene o sente quelle urla; vede solo feste di gioia e patriottismo.

Mi sono chiesto: sono l’unico a vedere la tragedia dall’altra parte? Sono l’unico a guardare quelle scene di centinaia di morti e feriti? La mia eccessiva sensibilità – e mi scuso davvero con i miei lettori annoiati per queste descrizioni fastidiose – è forse radicata nel sangue palestinese che scorre nelle mie vene?

Ma dopo avermi esaminato, si scopre che non è questa la ragione. Dopo tutto, anche le scene orribili del 7 ottobre hanno suscitato repulsione, da un lato, e profonda solidarietà con le vittime e le loro famiglie, dall’altro. Il mio problema, e quello di molti altri, sia ebrei che arabi, è che siamo bloccati nella scatola di “entrambe le parti”. Non c’è ingiustizia, sia essa commessa da un palestinese o da un israeliano, che non susciti la nostra repulsione. Forse è giunto il momento di passare a una nuova fase: invece di “entrambe le parti”, passare alla casella di “una o l’altra”. Ovvero, sentire il dolore della propria parte e ignorare quello dell’altra.

Leggi anche:  Israele, il bi-colpo di stato

I media israeliani sono impazziti e hanno attribuito a questa operazione aggettivi eroici: esemplare, audace, sofisticata. Ma prima di tutto, se fosse stata così sofisticata, non avrebbe dovuto portare alla morte di centinaia di civili. In secondo luogo, questa operazione ha effettivamente liberato quattro ostaggi, ma non farà altro che stringere l’assedio intorno ai 120 rimasti. La politica di Israele è sempre quella della forza. Dopotutto, da mesi sono state avanzate proposte per uno scambio di prigionieri e ostaggi, ma Israele ha rifiutato. Questo perché l’uomo che prende le decisioni, il Primo ministro Benjamin Netanyahu, ha interesse a continuare la guerra.

La sua ancora di salvezza (politica) è parallela a quella della guerra. E se, per carità, la guerra dovesse finire, si ritroverebbe fuori dalle pagine della storia. Sta vivendo (e giocando) su un tempo preso in prestito. Scompare quando vengono trovati i corpi degli ostaggi, ma corre freneticamente per incontrare gli ostaggi vivi che sono stati liberati.

È tutto trasparente e ridicolo, eppure la gente gli gira intorno. Non è forse giunto il momento di interrompere questa orribile danza? Ma non fate questa domanda al presidente del Partito di Unità Nazionale Benny Gantz”.

Così Bisharat. Da noi, un grande applauso e abbraccio.

Visto da Washington

Molto interessante è il report di Ben Samuels, corrispondente dagli Usa di Haaretz: “Dopo l’iniziale elogio a pieni polmoni da parte dell’amministrazione Biden della drammatica operazione di salvataggio di ostaggi da parte di Israele in un campo profughi di Gaza – scrive Samuels – la retorica degli alti funzionari statunitensi si è leggermente spostata per riconoscere il bilancio delle vittime palestinesi, che secondo quanto riferito è significativo. La linea di comunicazione generale ora assomiglia a quanto segue: elogiare l’operazione lamentando le vittime civili palestinesi (senza riconoscere il totale del ministero della Sanità di Gaza gestito da Hamas) e assicurandosi di sottolineare che gli Stati Uniti non sono stati esplicitamente coinvolti nel raid. I funzionari insistono inoltre sul fatto che gli eventi dimostrano la necessità di garantire l’accordo di cessate il fuoco per il quale l’amministrazione Biden ha puntato tutto. La vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris è stato il primo alto funzionario americano a riconoscere la natura mortale della missione di salvataggio, pur mantenendo il sostegno all’operazione stessa. “Fortunatamente, quattro di questi ostaggi sono stati riuniti alle loro famiglie questa notte. E piangiamo tutte le vite innocenti che sono state perse a Gaza, comprese quelle tragicamente uccise oggi”, ha detto sabato alla cena del Partito Democratico del Michigan.

Le osservazioni della Harris sono state seguite da un raro chiarimento esplicito da parte del Comando centrale degli Stati Uniti, che ha negato con forza che il suo molo temporaneo – “compresi i suoi equipaggiamenti, il personale e i beni” – sia stato utilizzato nell’operazione, insistendo sul fatto che “qualsiasi affermazione contraria è falsa”. Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, ha rappresentato la Casa Bianca nel circuito dei talk show domenicali ore dopo, durante i quali ha riconosciuto ampiamente le vittime civili – cosa che non ha fatto nella sua dichiarazione iniziale di sabato, in cui elogiava l’operazione di Israele.

Leggi anche:  Smotrich chiede a Netanyahu di annettere la Cisgiordania se l'Aia dichiarerà illegali le colonie israeliane

“Sappiamo che persone innocenti sono state tragicamente uccise in questa operazione. Il numero esatto non lo sappiamo, ma sono state uccise persone innocenti e questo è straziante e tragico”, ha detto Sullivan, pur attribuendo esplicitamente la colpa ad Hamas.

“Il popolo palestinese sta vivendo un vero e proprio inferno in questo conflitto, perché Hamas sta operando in modo da metterlo nel fuoco incrociato, da tenere ostaggi proprio nel cuore di aree civili affollate, da piazzare postazioni militari proprio nel cuore di aree civili affollate”, ha continuato Sullivan.

Anche Sullivan ha negato con forza che gli Stati Uniti abbiano partecipato “militarmente” all’operazione, anche se ha fatto notare che “gli Stati Uniti hanno fornito supporto a Israele per diversi mesi nei suoi sforzi per aiutare a identificare la posizione degli ostaggi a Gaza e per sostenere gli sforzi per cercare di assicurarne il salvataggio o il recupero”. Nel corso di un’intervista separata a “This Week” della Abc, tuttavia, Sullivan ha insistito sul fatto che gli Stati Uniti “sosterranno Israele nel prendere provvedimenti per cercare di salvare gli ostaggi che sono attualmente in pericolo, detenuti da Hamas”. E continueremo a lavorare con Israele per farlo. Continueremo anche a ribadire che tutte le loro operazioni militari, comprese quelle di salvataggio degli ostaggi, devono prendere tutte le precauzioni per ridurre al minimo il numero di danni ai civili o di vittime civili. Questo è un punto che rafforzeremo in tutti i nostri impegni con gli israeliani”.

Ha poi osservato che “ogni giorno che vediamo perdere altre persone civili è un altro orribile e tragico giorno. I nostri cuori si spezzano per questo, ma c’è solo una risposta per impedire che questo accada: un cessate il fuoco/un accordo sugli ostaggi che ponga fine alle operazioni militari, riporti a casa gli ostaggi e ci metta in condizione di dare ai palestinesi l’opportunità di un futuro migliore per il loro popolo”.

Lo spostamento dell’attenzione dalle lodi dell’operazione al riconoscimento delle vittime civili palestinesi e alla necessità di un cessate il fuoco arriva alla vigilia dell’arrivo in Medio Oriente del Segretario di Stato americano Antony Blinken. Durante la sua visita, Blinken continuerà a fare pressioni sui principali alleati affinché Hamas accetti i termini del cessate il fuoco, consultandosi anche con altri Paesi e organismi internazionali sui piani di ricostruzione di Gaza. La misura in cui l’operazione di Israele complicherà entrambi gli sforzi resta da vedere, come riconosciuto da Sullivan: “È davvero difficile dire in questo momento – è difficile dire come Hamas elaborerà questa particolare operazione e cosa comporterà per la sua determinazione di dire sì o no”.

Native

Articoli correlati