A Gerusalemme squadracce fasciste in azione con il placet del governo
Top

A Gerusalemme squadracce fasciste in azione con il placet del governo

Lo squadrismo fascista nel cuore di Gerusalemme. Uno squadrismo al governo. Il governo d’Israele.

A Gerusalemme squadracce fasciste in azione con il placet del governo
Estremisti di destra a Gerusalemme
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

8 Giugno 2024 - 15.17


ATF

Lo squadrismo fascista nel cuore di Gerusalemme. Uno squadrismo al governo. Il governo d’Israele.

Allarme nero

Di cosa si tratti lo spiega bene un editoriale di Haaretz: “È impossibile guardare la documentazione fotografica dei manifestanti brutti e violenti durante la parata della supremazia ebraica di mercoledì per le strade di Gerusalemme senza sentire il monito del professor Yeshayahu Leibowitz che riecheggia in sottofondo. “L’orgoglio nazionale e l’euforia che hanno seguito la Guerra dei Sei Giorni sono temporanei e ci porteranno da un nazionalismo orgoglioso e crescente a un ultranazionalismo estremo e messianico. Il terzo stadio sarà la brutalità e lo stadio finale sarà la fine del sionismo”, ha detto il lungimirante filosofo.

Il processo di brutalizzazione è al suo culmine. “Lo spirito generale era quello della vendetta”, ha scritto il giornalista di Haaretz Nir Hasson, aggredito da una banda di adolescenti che lo ha scaraventato a terra e preso a calci. Il simbolo principale sulle magliette dei marciatori era il pugno kahanista, il canto popolare era una canzone di vendetta particolarmente cruenta, insieme a canti di “Morte agli arabi” e “Che il loro villaggio bruci”. Il ministro più popolare era Itamar Ben-Gvir e l’atmosfera generale era spaventosa”.Hasson non è stato l’unico ad essere aggredito. I rivoltosi hanno minacciato, imprecato, spinto e attaccato i passanti palestinesi e chiunque abbiano identificato come giornalista o abbia cercato di filmarli. Il motivo per cui hanno attaccato i giornalisti è che non sono riusciti a trovare abbastanza vittime palestinesi, dato che le famiglie palestinesi erano rintanate in casa. Hanno già imparato che quando gli ebrei celebrano la Giornata di Gerusalemme, è meglio lasciare l’arena per evitare che i festeggiati siano tentati di linciarli.

Non stiamo parlando di una manciata di erbacce selvatiche o di uno qualsiasi degli altri eufemismi usati da parti del movimento sionista religioso nella sua piena incarnazione kahanista. La brutalità non è più confinata ai margini o agli insediamenti e agli avamposti degli insediamenti; si è diffusa in ogni direzione. In modo spaventoso, è penetrata persino nell’esercito, nella Knesset e nel gabinetto.

Ministri del Gabinetto e membri della Knesset si sono uniti alle migliaia di marciatori e alcuni hanno persino ballato la sanguinosa canzone della vendetta, “Vendica uno solo dei miei due occhi sulla Palestina”, che parla della vendetta del biblico Sansone sui Filistei. I ministri Bezalel Smotrich e Miri Regev hanno marciato, così come i parlamentari Tzvi Succot, Simcha Rothman e Almog Cohen, e naturalmente il re dei kahanisti, Ben-Gvir, che ha approfittato dell’occasione per minacciare lo status quo sul Monte del Tempio (noto ai musulmani come Haram al-Sharif, il sito della Moschea di Al-Aqsa) e fomentare una guerra religiosa. Se il centro politico israeliano non agisce per riportare gli estremisti ai margini della società, eliminare il kahanismo e rimuovere la crescita maligna dell’occupazione dal corpo politico, la caduta definitiva di Israele sarà solo una questione di tempo. Il conto alla rovescia è iniziato”.

Leggi anche:  Una buona notizia da Israele: nascono i Democratici

La “messianizzazione” di una vittoria in guerra

Di straordinario spessore storico-politico è l’analisi, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, di Anshel Pfeffer.

Rimarca Pfeffer: “Tra le tante battaglie e date simbolo della Seconda guerra mondiale, l’invasione della Francia occupata dai tedeschi da parte degli Alleati il 6 giugno 1944 è diventato l’evento più celebrato nel mondo occidentale. Giovedì, l’ottantesimo anniversario del D-Day è stato celebrato con grandi eventi sulle spiagge dello sbarco in Normandia e in altri Paesi, in particolare in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, i cui soldati hanno partecipato.

L’operazione Overlord è stata la più grande invasione via mare della storia, ma in termini di uomini e di vittime, le operazioni e le battaglie più importanti della Seconda guerra mondiale sono state più numerose. Senza dubbio fu un momento chiave che portò alla vittoria finale degli Alleati sulla Germania nazista, ma non fu certo un punto di svolta nella guerra. Gli Alleati avevano già invaso l’Europa continentale nove mesi prima, quando sbarcarono in Italia, portando rapidamente alla resa dell’alleato tedesco. Sul fronte orientale, la situazione si era già ribaltata contro la Wehrmacht nelle battaglie di Stalingrado e Kursk, e nella seconda metà del 1943 l’Armata Rossa aveva iniziato a respingerla.

Perché il D-Day è diventato così centrale nella commemorazione della guerra? Infatti, perché non commemorare l’8 maggio 1945, giorno in cui la guerra in Europa è finita? l motivo principale per cui il VE Day riceve molta meno attenzione in Occidente è che la vittoria fu condivisa con l’Unione Sovietica, un alleato così problematico che non riuscirono nemmeno ad accordarsi sulla data precisa. L’8 maggio è la data di entrata in vigore dello Strumento di resa tedesco, firmato il giorno precedente presso il quartier generale alleato a Reims, in Francia. Ma i sovietici, nonostante il loro rappresentante avesse firmato il documento, insistettero per firmare una seconda resa, questa volta presso il quartier generale dell’Armata Rossa nella Berlino occupata. Da allora, il 9 maggio si celebra la vittoria nella Grande Guerra Patriottica che, a tutt’oggi, è una delle date principali del calendario russo, mentre il VE Day viene menzionato solo di sfuggita in Occidente.

Leggi anche:  Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente

Per i primi due anni l’Unione Sovietica aveva collaborato con i nazisti nell’ambito del Patto Molotov-Ribbentrop, finché i tedeschi non li attaccarono nel giugno 1941, mentre l’America pose fine alla sua neutralità solo sei mesi dopo essere stata trascinata in guerra dall’attacco di Pearl Harbor. Ma nonostante abbiano combattuto insieme contro la Germania per la maggior parte della guerra, non erano in grado di festeggiare insieme la vittoria. Non quando significava che mezza Europa sarebbe finita sotto il terrore stalinista. Il D-Day fu l’alternativa, che permise alle nazioni occidentali, allora, di festeggiare senza i sovietici e, oggi, senza un rappresentante del regime di Vladimir Putin.

Il modo in cui una guerra viene ricordata e commemorata spesso ci dice di più sul presente che sulla guerra stessa. Quest’anno i governi occidentali festeggiano l’anniversario del D-Day, aggrappandosi all’idea di un’alleanza che anticipa con disagio le elezioni di novembre in cui potrebbe essere rieletto Donald Trump, che ha minacciato di ritirarsi dalla Nato. Il mese scorso, all’altro capo del continente, la Russia di Putin ha dato prova di forza nazionalistica, giurando di continuare la “speciale operazione militare” contro i “nazisti” in Ucraina.

Oltre il successo militare

Un giorno prima, in Israele, si è celebrata la Giornata di Gerusalemme, la commemorazione ufficiale della Guerra dei Sei Giorni.

Nessuna delle altre guerre di Israele ha una giornata nazionale speciale, ed è facile capire perché. La Guerra dei Sei Giorni è la nostra Seconda Guerra Mondiale, una vittoria così totale che possiamo isolare e mitizzare come la nostra guerra perfetta, il tipo di guerra che vogliamo avere. Non macchiata da fallimenti o da finali inconcludenti come le altre guerre. E tra i molteplici fronti di quella guerra, la riunificazione di Gerusalemme era un simbolo attorno al quale la stragrande maggioranza degli israeliani poteva riunirsi.

Per i primi decenni dopo il 1967, la Giornata di Gerusalemme fu effettivamente un giorno di festa nazionale. Ma gli altri fronti di quella guerra si intromisero gradualmente. Israele cedette il Sinai, come prezzo della pace con l’Egitto, e sebbene la maggior parte degli israeliani lo accettasse di buon grado, ciò sottolineava lo status poco chiaro degli altri territori che erano stati conquistati: le alture del Golan, la Cisgiordania e la Striscia di Gaza e Gerusalemme est, e con essi il prezzo dell’occupazione.

Leggi anche:  Smotrich chiede a Netanyahu di annettere la Cisgiordania se l'Aia dichiarerà illegali le colonie israeliane

Non si trattava solo del futuro dei territori occupati. La stessa Gerusalemme stava cambiando, con la crescita della comunità ultraortodossa e l’abbandono degli israeliani laici. Mentre il Paese si divideva sempre più lungo linee politiche e religiose, Gerusalemme contro Tel Aviv personificava geograficamente la crescente divisione. Anni prima che la “Marcia delle Bandiere” attraverso la Città Vecchia si evolvesse nella violenta manifestazione di odio antiarabo che è diventata oggi, la Giornata di Gerusalemme era già principalmente una festa della destra religiosa.

La manciata di israeliani laici che ancora visitano la città nel Giorno di Gerusalemme sono principalmente politici che devono essere presenti e veterani invecchiati. Quest’anno, per sottolineare quanto il Giorno di Gerusalemme sia diventato appannaggio dell’estrema destra, giovani con la kippah hanno attaccato anche giornalisti e attivisti di sinistra durante la marcia, mentre i residenti palestinesi della Città Vecchia si nascondevano nelle loro case. Nel frattempo, l’Ufficio del Primo ministro ha cercato di impedire a Shai Hermesh, un veterano della battaglia del 1967 a Gerusalemme, che ha perso suo figlio e la sua casa il 7 ottobre nel Kibbutz Kfar Azza, di parlare all’evento ufficiale di commemorazione perché aveva criticato Benjamin Netanyahu”.

La conclusione di Pfeffer dà conto dei pericoli che corre Israele oggi. Pericoli interni, determinati da un fascismo messianico che detta legge, la legge della violenza, contro chiunque osi criticarlo.

“Nell’Israele di oggi – avverte Pfeffer –  non c’è più spazio per chi non condivide il fondamentalismo nazionalista ebraico di questo governo nella commemorazione della Guerra dei Sei Giorni. Ma potrebbe esserci anche un aspetto positivo. Banditi dalle celebrazioni, ora monopolizzate dall’estrema destra, un numero maggiore di israeliani inizierà a guardare oltre il brillante successo militare dei sei giorni di guerra, alle implicazioni di quelle vittorie con le quali Israele non è riuscito a fare i conti nei 57 anni successivi”.

Native

Articoli correlati