Yoel Berger, una bella storia israeliana
Top

Yoel Berger, una bella storia israeliana

La storia di un combattente che ha saputo sconfiggere un “nemico” che si annida nel vissuto di qualsiasi persona che ha subito perdite che squassano l’esistenza.

Yoel Berger, una bella storia israeliana
Il villaggio di Netiv Haasara attaccato da Hamas
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

7 Giugno 2024 - 16.47


ATF

La storia d’Israele vista dagli occhi e dall’esperienza di uno splendido ottantunenne. La storia di un combattente che ha saputo sconfiggere un “nemico” che si annida nel vissuto di qualsiasi persona che ha subito perdite che squassano l’esistenza.

La storia di Yoel Berger

A raccontarla, magistralmente, su Haareiz è Israel Harel.

“Mercoledì 28 del mese ebraico di Iyar, i veterani del 28° Battaglione della 55° Brigata Paracadutisti si sono riuniti nella piazza davanti al monumento che commemora i loro 25 compagni caduti nella breve battaglia (36 ore) per liberare la Città Vecchia di Gerusalemme e il Monte del Tempio. La cerimonia annuale segue uno schema: Si tratta principalmente di una riunione, in cui amici e compagni ricordano i caduti dell’eroica battaglia. Quest’anno la convenzione è stata cambiata. Ai veterani del battaglione che vivono nel nord o nel sud di Israele è stato chiesto di condividere un po’ di ciò che hanno vissuto negli ultimi otto mesi.

Accompagnato dagli sguardi incoraggianti dei suoi compagni, Yoel Berger, 81 anni, si è alzato e ha raccontato quello che ha passato e sta ancora passando. Il 7 ottobre, i terroristi della forza Nukhba di Hamas hanno fatto irruzione nel suo moshav, Netiv Ha’asara. Yoel ha perso la moglie Marina, la nuora Nurit (moglie del figlio Alon) e il genero Haim (marito della figlia Merav). Gli hanno sparato quattro volte. Anche due delle sue nipoti sono state ferite. Da allora è in riabilitazione.

Le sue osservazioni sono penetranti e difficili da assimilare, ma alla fine ispirano anche speranza. Dice: Sono determinato a ricostruire la mia casa e a ripristinare la mia fattoria. Non si lascia la propria casa, non si abbandona il proprio campo. Netiv Ha’asara è una parte del mio essere. Dopo la cerimonia commemorativa, lo abbiamo circondato e abbracciato calorosamente. Nel 1967 gli uomini non si abbracciavano, nemmeno nelle circostanze speciali in cui si è formato il loro cameratismo. (Tra queste, l’inseguimento dei terroristi nella Valle del Giordano alla fine degli anni ’60 e la guerra di logoramento del 1968-70 nel Sinai, che ha raggiunto il suo apice 51 anni fa, con l’attraversamento del Canale di Suez che ha ribaltato le sorti della Guerra dello Yom Kippur). Ora, come è diventato consueto negli ultimi decenni, ci siamo tutti abbracciati e non abbiamo esitato ad abbracciarci forte. Più stretti che mai, mi è sembrato. Forse per l’incertezza di sapere se l’anno prossimo avremmo potuto abbracciare di nuovo questa persona, e forse per i terribili punti interrogativi che pendevano sulle nostre teste.

Leggi anche:  Sentenze Onu contro Israele: il problema è che la comunità internazionale non le fa rispettare

Dopo la Guerra dei Sei Giorni del 1967, e certamente dopo la Guerra dello Yom Kippur del 1973, eravamo sicuri di aver costruito con le nostre mani il “muro di ferro” immaginato da Jabotinsky e che nessuno avrebbe mai più potuto mettere in discussione l’esistenza ebraica in Terra d’Israele. Ma un’organizzazione terroristica è arrivata e ci ha fatto quello che i grandi Stati nemici e i loro eserciti non sono riusciti a fare. Anche dopo otto mesi non siamo riusciti a sconfiggerla, a liberare gli ostaggi e a rimandare a casa le molte migliaia di israeliani, molti dei quali membri del movimento degli insediamenti di lavoro (la maggior parte dei soldati e dei morti del battaglione nella Guerra dei Sei Giorni proveniva da kibbutzim e moshavim), che sono stati sfollati nel sud, come Yoel Berger, e nel nord.

Dopo che il governo ha presentato le sue proposte di riforma giudiziaria l’anno scorso, si è scritto molto sulle famiglie divise nelle loro opinioni, sulle profonde dispute ideologiche tra genitori e figli. Questa divisione non ci è sfuggita. Il cameratismo che ci ha legato per tanti anni si è incrinato. Nei gruppi WhatsApp dei veterani sono state scritte cose dure.

Ma mercoledì, quando è arrivato il momento di disperdersi, non c’è stata fine all’intensità degli abbracci, soprattutto tra persone di schieramenti politici rivali. Gli abbracci si sono susseguiti. Danny Shenkar, che non si perde mai una protesta contro il Primo Ministro Benjamin Netanyahu a Tel Aviv o a Gerusalemme, mi ha detto: “Nessuno potrà mai minare il nostro cameratismo.

Questa è, se vogliamo, la profonda e vera storia israeliana. Speriamo che sia anche la storia eterna”, conclude Harel.

Leggi anche:  Attacco con droni a Tel Aviv: un morto, due feriti e gli Houthi rivendicano l'azione

Una speranza che condividiamo dal profondo del cuore.

“Bibi” il delegittimatore

Annota, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Carolina Landsmann: Definire l’atteggiamento sprezzante dell’Israele di Benjamin Netanyahu nei confronti di Mahmoud Abbas un “abbaglio storico” presuppone che il primo ministro aspiri alla pace con i palestinesi, se solo ci fosse un partner. Ma questa è solo una proiezione: Il disgusto di Netanyahu per il presidente palestinese e il disprezzo che ha sempre mostrato nei suoi confronti, che continua ancora oggi, non è dovuto al fatto che Abbas non sia un partner, ma piuttosto al contrario: è perché lui è un partner, e Netanyahu stesso non lo è.

Netanyahu, il suo governo e i loro sostenitori hanno martellato Abbas e l’Autorità Palestinese senza pietà, ribadendo fin dal 7 ottobre che non c’è alcuna differenza tra l’Autorità Palestinese e Hamas (e i nazisti). Anche in questo caso, il tentativo di cancellare la distinzione tra l’Autorità Palestinese e Hamas è in realtà una reazione alla differenza tra loro, che è stata resa abbondantemente chiara il 7 ottobre. Si tratta di una negazione: L’obiettivo degli sforzi riversati nell’hasbara – la diplomazia pubblica – per creare un’equivalenza tra i due, è quello di negare la distinzione – per evitare che, Dio non voglia, la gente cominci a vedere Abbas e il suo movimento Fatah in modo diverso.

La prova decisiva di ciò è arrivata questa settimana. La guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, ha dichiarato lunedì che “questa guerra era necessaria per la regione, poiché ha sventato i tentativi di normalizzare le relazioni con l’entità sionista e il suo dominio nella regione”. Khamenei ha aggiunto che il massacro del 7 ottobre “è arrivato al momento giusto: i palestinesi sono riusciti ad assediare il governo dell’entità sionista, senza lasciargli alcuna via di fuga, e la questione palestinese è stata posta al centro dell’opinione pubblica mondiale”. Se Abbas avesse ringraziato Khamenei, Netanyahu e i suoi sostenitori avrebbero fatto leva sulle sue osservazioni, citandole a chiunque pensi che l’amministrazione della Striscia di Gaza debba essere trasferita all’Autorità Palestinese dopo la fine della guerra. C’era solo un piccolo problema. Abbas ha respinto con disgusto le parole di Khamenei, dicendo che dimostravano che l’obiettivo dell’Iran era quello di “sacrificare il sangue palestinese”. Abbas ha aggiunto che “il popolo palestinese ha combattuto e lottato per cento anni e non ha bisogno di altre guerre che non servono i suoi interessi”.

Leggi anche:  Palestina, la fine atroce di Mohammed Bhar: sbranato da un cane da combattimento dell’esercito d’Israele

Il totale disinteresse con cui sono state accolte le coraggiose e dirette parole di Abbas, dirette all’attacco di Hamas non meno che all’Iran, è un atto di negazione. Questo è ciò che accade in Israele a qualsiasi brandello di realtà che interrompa la soppressione del riconoscimento delle differenze tra Hamas e Fatah, o il mantra che non c’è nessun partner per la pace. Dio non voglia che si debba cambiare.

Netanyahu ha sabotato deliberatamente ogni possibilità di raggiungere la pace. Ha favorito gli estremisti e umiliato i moderati – tra i palestinesi e gli israeliani – che sostengono il compromesso, al fine di impedire una leadership unita in grado di prendere decisioni epocali come il compromesso a nome dell’intera nazione. Dal momento che Hamas non gli ha lasciato altra scelta se non quella di entrare in guerra contro di essa, e con le crescenti pressioni all’interno di Israele per “eliminare” l’organizzazione che aveva sfruttato per evitare un compromesso territoriale, Netanyahu è stato costretto a distruggere l’opera della sua vita. Per combattere il terrore, è necessario anche premiare chi crede nella lotta diplomatica piuttosto che in quella militare. Questo è esattamente il contrario della strategia distorta adottata e guidata da Netanyahu, il nemico della pace, e che abbiamo raccolto il 7 ottobre. Il mondo deve aiutare Israele e i palestinesi a liberarsi degli estremisti e a rafforzare i moderati.

È impossibile separare le argomentazioni di Abbas dal processo di riconoscimento unilaterale di uno Stato palestinese e dal coinvolgimento americano nella restaurazione dell’Autorità Palestinese per stabilire il suo coinvolgimento nella Striscia di Gaza del dopoguerra, nel quadro della normalizzazione delle relazioni tra Israele e Arabia Saudita. Quanto più la comunità internazionale tratterà l’Autorità Palestinese come uno Stato e chiederà che si assuma le responsabilità di uno Stato, tanto più lo diventerà”.

Native

Articoli correlati