Dottor Netanyahu o mister Bibi: chi deciderà il destino dell'accordo per il cessate il fuoco a Gaza?
Top

Dottor Netanyahu o mister Bibi: chi deciderà il destino dell'accordo per il cessate il fuoco a Gaza?

È il titolo dell’approfondito punto su Haaretz su un passaggio cruciale non solo nella guerra di Gaza ma anche nelle dinamiche politiche interne a Israele, nonché nei tormentati rapporti tra il governo Netanyahu e l’amministrazione Biden. 

Dottor Netanyahu o mister Bibi: chi deciderà il destino dell'accordo per il cessate il fuoco a Gaza?
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

4 Giugno 2024 - 14.23


ATF

Dr. Netanyahu o Mr. Bibi: Chi deciderà il destino dell’accordo per il cessate il fuoco a Gaza?

È il titolo dell’approfondito punto su Haaretz su un passaggio cruciale non solo nella guerra di Gaza ma anche nelle dinamiche politiche interne a Israele, nonché nei tormentati rapporti tra il governo Netanyahu e l’amministrazione Biden. 

Dr.Netanyahu e Mr.Bibi

La riflessione è di uno dei più acuti e accreditati analisti politici israeliani: Amos Harel.

Annota Harel: “Lunedì pomeriggio l’Egitto ha annunciato che Hamas ha “risposto positivamente” all’ultimo piano di accordo con Israele per il rilascio di ostaggi e il cessate il fuoco, proposto venerdì scorso dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Non si tratta di una risposta del tutto positiva e a lunedì sera Hamas non aveva rilasciato una propria dichiarazione ufficiale.

Nell’ultima tornata di negoziati, gli egiziani hanno tentato lo stesso approccio, rilasciando dichiarazioni a nome delle varie parti nella speranza di metterle alle strette. Ma ricordate che il diavolo si nasconde nei dettagli. L’accordo richiede concessioni dolorose, soprattutto da parte di Israele. Israele dovrà rilasciare centinaia di prigionieri palestinesi che scontano l’ergastolo già nella prima fase, in cambio solo di una parte degli ostaggi. Il potere di veto sul rilascio degli assassini di massa sarà molto limitato.

Ma cosa vuole Israele? Proprio come facevano i sovietologi di un’altra epoca quando cercavano di decodificare gli articoli apparsi sulla Pravda per capire dove si stesse dirigendo l’Unione Sovietica, molti osservatori moderni di Israele guardano Canale 14. Domenica sera, a parte i tentativi di ripulire il buon nome del ministro dei Trasporti Miri Regev dopo l’inchiesta schiacciante di Raviv Drucker su di lei su una rete concorrente, i conduttori dell’house organ del primo ministro Benjamin Netanyahu hanno riservato qualche sorpresa agli spettatori. Hanno ammesso che la proposta di Biden era essenzialmente israeliana, che era importante completare almeno la fase 1 dell’accordo (il rilascio degli ostaggi viventi per motivi “umanitari”) e hanno promesso che, se necessario, la lotta contro Hamas sarebbe stata ripresa. Regev, che durante le delibere del gabinetto di sicurezza ha espresso il suo sostegno all’accordo, ha dichiarato su Canale 14 che avrebbe fatto di tutto per garantire l’approvazione dell’accordo. “Il ministro Regev cerca di riparare ai danni dell’indagine Drucker – e flirta con la sinistra”, ha scritto l’emittente sul proprio account X. Altri ministri hanno espresso opinioni contrastanti: Il ministro degli Esteri Israel Katz si è espresso positivamente sull’accordo, mentre il ministro dell’Uguaglianza sociale Amichai Chikli è stato negativo. Tra le varie reazioni, è difficile farsi un’idea completa della posizione di Netanyahu. Può darsi che i ministri, i legislatori della Knesset e gli altri adulatori stiano semplicemente cercando di sondare e indovinare cosa deciderà il Primo Ministro, e le loro reazioni sono di conseguenza molto diverse.

Leggi anche:  Netanyahu, Gallant, Smotrich, Be-Gvir, io vi avverto....": parla Ehud Olmert

Forse più interessanti sono le posizioni assunte dai due partner di estrema destra di Netanyahu. Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich si sono espressi contro l’accordo proposto. Ben-Gvir ha chiesto (e non ottenuto) il permesso di esaminare il testo completo della proposta israeliana (che paradossalmente Hamas ha).

Mentre lunedì le famiglie degli ostaggi chiedevano l’approvazione dell’accordo, una cattiva notizia è arrivata da un’altra parte: lunedì mattina le Forze di Difesa israeliane hanno annunciato di aver trovato i resti di Dolev Yehud, il medico del kibbutz Nir Oz, uscito per soccorrere i feriti il giorno del massacro. Finora si credeva che fosse tenuto in ostaggio a Gaza. Lunedì sera è stata annunciata la morte di altri quattro ostaggi tenuti prigionieri a Khan Yunis: Haim Perry, Yoram Metzger e Amiram Cooper di Nir Oz e Nadav Popplewell del Kibbutz Nirim. I quattro sono stati visti in video diffusi da Hamas a dicembre e sembrano essere morti poche settimane dopo in circostanze che non sono ancora state chiarite. C’è motivo di credere che siano stati colpiti accidentalmente dai bombardamenti dell’Idf. Questo avvalora la tesi delle famiglie secondo cui ogni ritardo nell’accordo mette in pericolo la vita degli ostaggi. Il numero degli ostaggi detenuti a Gaza è ora sceso a 124, di cui 43 sono stati dichiarati morti, anche se il numero reale è probabilmente molto più alto.

Come se non bastasse, lunedì ci sono state anche le dichiarazioni di Netanyahu alla Commissione Affari Esteri e Difesa della Knesset. Il primo ministro ha ribadito che non accetterà di fermare la guerra, non rinuncerà alla vittoria totale e che Israele potrebbe riprendere le operazioni dopo la prima fase dell’accordo, che prevede un cessate il fuoco di 42 giorni. Alcuni potrebbero sospettare che Netanyahu abbia invitato Hamas a rifiutare l’accordo. Netanyahu sta mantenendo aperte tutte le sue opzioni e, nel processo, confonde chiunque cerchi di capire quale sia il suo obiettivo.

Il discorso di Biden ha mostrato al mondo quanto sia grande il divario tra il Netanyahu del gabinetto di guerra e il Netanyahu del gabinetto di sicurezza. In quest’ultimo, che contiene ministri del Likud e dell’estrema destra, egli adotta una linea intransigente. Nel gabinetto di guerra, più piccolo, come emerge chiaramente dal discorso di Biden, il primo ministro è più aperto a nuove idee. Biden ha esposto la posizione di Netanyahu nel forum più ristretto, con un pizzico di interpretazione creativa. Il margine di manovra di Netanyahu si è quindi ridotto perché la sua posizione è stata messa a nudo. Sullo sfondo, ci sono altre variabili influenti: la minaccia del Partito di unità nazionale di lasciare il governo entro quattro giorni, il timore di Netanyahu che la Corte penale internazionale emetta un mandato di arresto e il proseguimento dell’operazione a Rafah.

Leggi anche:  Continua la marcia dei familiari degli ostaggi verso Gerusalemme da tutto Israele

Per quanto riguarda l’ultimo punto, vale la pena notare come l’assalto sia condotto in modo diverso dai precedenti. Washington non ha posto il veto all’ingresso dell’Idf a Rafah dopo che Israele aveva spinto circa un milione di civili fuori dalla città con le minacce. Ma non sta permettendo all’Idf di operare senza restrizioni.

L’operazione finora si è concentrata sull’occupazione (e solo in parte) del Corridoio Philadelphi lungo il confine egiziano e sui combattimenti alla periferia di Rafah, non nel centro della città. Il Wall Street Journal ha riportato martedì che, a causa dell’intervento statunitense, l’operazione è stata ridotta da due divisioni a una. Fonti israeliane hanno confermato la notizia.

Una fissazione pericolosa

L’amministrazione Biden è molto preoccupata per l’incremento delle ostilità al confine israelo-libanese. Gli scambi di fuoco tra l’Idf e Hezbollah si stanno intensificando e il fuoco si sta spingendo per decine di chilometri sempre più all’interno del territorio israeliano. Hezbollah sta intensificando i suoi attacchi nel tentativo di infliggere più vittime all’Idf in risposta alle molteplici perdite subite dall’organizzazione libanese. Il drone si è rivelato un’arma molto efficace nell’arsenale dell’organizzazione sciita, poiché l’aviazione israeliana è in grado di abbattere solo una parte dei droni lanciati quotidianamente. Inoltre, enormi incendi, causati dai bombardamenti di Hezbollah, stanno divampando nell’Alta Galilea.

I risultati frustranti e il continuo sfollamento di 60.000 israeliani stanno aumentando la pressione sul governo e sull’Idf affinché agiscano, anche se si dovesse arrivare a un’operazione di terra nel sud del Libano e a bombardare Beirut. Le tensioni sono state evidenti anche durante l’incontro tra i sindaci locali e il Comandante del Nord, il Magg. Uri Gordin. Il sindaco di Kiryat Shmona, Avichai Stern, se n’è andato con rabbia il giorno prima dopo un’aspra discussione con Gordin. In queste circostanze, con la guerra a Gaza sostanzialmente in stallo, è allettante per l’Idf considerare la salvezza in un attacco nel nord. Va comunque detto che è difficile prevedere come finirà una guerra del genere, che avrebbe un prezzo di un’intensità a cui Israele non è abituato. Nei numerosi elogi all’ex ministro degli Esteri David Levy, scomparso domenica, è sfuggito un episodio importante della sua vita politica. Nel 1982, allo scoppio della Prima guerra del Libano, fu uno dei pochi ministri del governo di Menachem Begin a insistere nel porre domande e a sollevare dubbi quando l’allora ministro della Difesa Ariel Sharon trascinò il Paese in un’avventura che si concluse con l’ingorgo dell’Idf a Beirut. Levy, che spesso sottolineava le differenze tra i comunicati di Sharon e degli ufficiali dell’esercito sui progressi della guerra e la reale situazione sul campo, aveva le sue fonti: due dei suoi figli che avevano prestato servizio con i paracadutisti e che, nelle conversazioni segrete dal fronte e durante le vacanze a casa, erano soliti descrivere al padre la triste realtà sul campo. In seguito, Levy ha avuto un ruolo chiave nelle decisioni di ritirarsi gradualmente dal Libano meridionale fino all’uscita definitiva nel maggio 2000, sotto il governo di Ehud Barak, nel quale Levy è stato vice primo ministro e ministro degli Esteri.

Leggi anche:  Cisgiordania, le verità scomode del generale Fuchs

Nessuno nell’attuale gabinetto, ad eccezione degli ex capi di stato maggiore dell’Idf Gadi Eisenkot e Benny Gantz, sta ponendo le domande giuste sulla base dell’esperienza o sta sfidando il pensiero di gruppo. Sono pochi anche i ministri con figli in uniforme al fronte (il figlio di Eisenkot, Gal, in servizio in una brigata di paracadutisti di riserva, è stato ucciso a Jabalya lo scorso dicembre). Forse possiamo imparare da questa apatia con cui vengono prese decisioni fatidiche. Molti ministri e parlamentari non si preoccupano nemmeno di mantenere i contatti con le famiglie dei lutti e degli ostaggi che hanno commesso il peccato di non votare per il Likud”.

Così Harel. Illuminante, e inquietante, è la conclusione del suo pezzo. Un tema che Globalist ha messo più volte in risalto: per i ministri ultranazionalisti che dettano legge nel governo Netanyahu, gli israeliani non sono tutti uguali. E non si tratta solo della già pur cinica ed etnocratica differenziazione tra ebrei israeliani e arabi israeliani, con questi ultimi (oltre 1 milione, più del 20% della popolazione d’Israele) considerati a tutti gli effetti, anche per legge, cittadini di serie B. La differenza, odiosa, introdotta dai ministri fascisti del governo in carica, riguarda anche gli ebrei israeliani: tra essi, i kibbutzim, laici, non orientati a destra, meritano meno attenzione, e protezione, dei coloni della Cisgiordania, inesauribile bacino elettorale per l’estrema destra. Il 7 ottobre 2023 racconta anche questa amara, tragica, verità. E la vicenda degli ostaggi la sviluppa ulteriormente.

Native

Articoli correlati