I carri armati israeliani sferrano per il secondo giorno un attacco a Rafah
Top

I carri armati israeliani sferrano per il secondo giorno un attacco a Rafah

I carri armati israeliani sono avanzati per la prima volta nel cuore di Rafah dopo una notte di pesanti bombardamenti, sfidando l'appello della Corte internazionale di giustizia (ICJ) di porre fine al suo attacco alla città

I carri armati israeliani sferrano per il secondo giorno un attacco a Rafah
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Maggio 2024 - 12.29


ATF

Mercoledì i carri armati israeliani hanno condotto un secondo giorno di attacchi esplorativi a Rafah, dopo che Washington ha affermato che l’assalto non equivaleva ad una grande incursione di terra nella città meridionale di Gaza che i funzionari statunitensi avevano detto a Israele di evitare, riferisce Reuters.

Secondo l’agenzia di stampa, martedì i carri armati israeliani sono avanzati per la prima volta nel cuore di Rafah dopo una notte di pesanti bombardamenti, sfidando l’appello della Corte internazionale di giustizia (ICJ) di porre fine al suo attacco alla città, una delle ultimi luoghi di rifugio a Gaza.

Gli Stati Uniti, il più stretto alleato di Israele, hanno ribadito la loro opposizione ad una grande offensiva di terra israeliana a Rafah, ma martedì hanno affermato di non credere che un’operazione del genere fosse in corso.

A differenza delle tattiche usate nell’offensiva di terra israeliana nel resto di Gaza, i residenti di Rafah hanno detto a Reuters che i carri armati israeliani hanno effettuato incursioni a Tel al-Sultan nella parte occidentale di Rafah e Yibna e vicino a Shaboura nel centro prima di ritirarsi in posizioni vicino al confine con l’Egitto.

Leggi anche:  Israele bombarda Rafah dal cielo e da terra mentre i carri armati avanzano: strage in corso

Le ali armate di Hamas e della Jihad islamica hanno affermato di aver affrontato gli invasori con razzi anticarro e bombe di mortaio, nonché di aver fatto esplodere ordigni esplosivi precedentemente piazzati, riferisce la Reuters.

L’esercito israeliano ha detto che tre soldati sono stati uccisi e altri tre gravemente feriti in un combattimento nel sud di Gaza mercoledì, senza fornire ulteriori informazioni. Reuters cita l’emittente pubblica israeliana Kan radio che ha affermato che i soldati sono rimasti feriti da un ordigno esplosivo fatto esplodere in un edificio a Rafah.

Funzionari sanitari palestinesi hanno detto che diverse persone sono rimaste ferite mercoledì mattina dal fuoco israeliano nella zona orientale di Rafah, dove hanno anche detto che alcuni depositi di aiuti sono stati dati alle fiamme.

Secondo Reuters, i residenti hanno affermato che i costanti bombardamenti israeliani durante la notte hanno distrutto molte case nella zona, da dove la maggior parte delle persone è fuggita dopo l’ordine di evacuazione da parte di Israele.

Leggi anche:  Israele bombarda Rafah da cielo e terra ma Biden non sospende l'invio di armi

Alcuni residenti hanno riferito di aver visto quelli che hanno descritto come veicoli corazzati robotici senza pilota aprire il fuoco con mitragliatrici in alcune parti della città.

Reuters riferisce che l’agenzia di stampa pro-Hamas Shebab, così come alcuni residenti e giornalisti, hanno segnalato blackout di Internet e delle comunicazioni mobili in alcune aree sia dell’est che dell’ovest a causa dei pesanti bombardamenti aerei e terrestri israeliani. L’esercito israeliano ha affermato di non poter confermare le notizie.

Nel nord di Gaza, i carri armati hanno bombardato diversi quartieri di Gaza City, e le forze si sono spinte più in profondità a Jabalia, il più grande degli otto campi profughi storici più grandi di Gaza, con i residenti che affermano che grandi quartieri residenziali sono stati distrutti dall’esercito.

Native

Articoli correlati