La politica di Biden su Gaza? Un falllmento
Top

La politica di Biden su Gaza? Un falllmento

La politica di Biden su Gaza? Semplicemente, fallimentare. A motivare questa sonora bocciatura è un’autorità assoluta del giornalismo americano. Nicholas Kristof.

La politica di Biden su Gaza? Un falllmento
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

27 Maggio 2024 - 02.21


ATF

La politica di Biden su Gaza? Semplicemente, fallimentare. A motivare questa sonora bocciatura è un’autorità assoluta del giornalismo americano. Nicholas Kristof.


Kristof è diventato editorialista dell’Opinion desk del New York Times Times nel 2001 e ha vinto due Premi Pulitzer. Il suo nuovo libro di memorie è “Chasing Hope: A Reporter’s Life”.


Esame di riparazione
Scrive Kristof sul NYT: “In un discorso tenuto a Varsavia due anni fa, il Presidente Biden ha dichiarato che “la grande battaglia per la libertà” è quella “tra un ordine basato sulle regole e uno governato dalla forza bruta”.
Ora vedremo se diceva sul serio.


Con un voto di 13 a 2, la Corte internazionale di giustizia ha ordinato a Israele di “fermare immediatamente la sua offensiva militare” a Rafah e di aprire i valichi di frontiera per “fornire senza ostacoli” gli aiuti umanitari. Ma l’ordine della Corte, pur essendo vincolante, non ha un meccanismo di applicazione, il che significa che in pratica spetta al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e in particolare a Biden farlo rispettare.


Questa dovrebbe essere una decisione facile e offre a Biden la possibilità di salvare la sua politica fallimentare su Gaza, perché, in questo caso, Biden e la Corte mondiale sono fondamentalmente allineati: entrambi si oppongono a un’invasione totale di Rafah e vogliono che Israele permetta l’ingresso di più aiuti umanitari. Ma per sette mesi, Biden si è lasciato ignorare e schiacciare dal Primo ministro Benjamin Netanyahu, e ora si tratta di capire se la sentenza della Corte aiuterà Biden a trovare il coraggio di fare pressione su Israele affinché rispetti la decisione.
La leva di Biden è ovvia: può sospendere la fornitura di tutte le armi offensive a Israele fino a quando questo sfugge al diritto internazionale, basandosi sulla sua pausa nel trasferimento di bombe di grandi dimensioni. Questo consentirebbe comunque il trasferimento di armi difensive, in modo che Israele non sia in pericolo significativo da missili o altre minacce, ed è un passo che 40 Democratici della Camera, tra cui Nancy Pelosi, richiesto il mese scorso. Quando il Presidente Ronald Reagan si trovò di fronte a una situazione simile durante la catastrofica invasione del Libano da parte di Israele nel 1982 (che portò all’ascesa di Hezbollah), sospese alcuni trasferimenti di armi e avvertì che le relazioni tra America e Israele erano in pericolo. Il DNA di Biden potrebbe non consentirgli di esercitare pressioni simili. Sebbene Biden sia un profondo conoscitore delle relazioni internazionali e abbia generalmente supervisionato una politica estera intelligente, in particolare in Asia, ha combinato un pasticcio in Medio Oriente e ha danneggiato l’autorità morale dell’America. Quando difende l'”ordine internazionale basato sulle regole” in Ucraina contro un nemico che viola il diritto internazionale, mina le norme di guerra e attacca le infrastrutture in modo da far soffrire i civili, ma poi fornisce armi e protezione diplomatica alla guerra di Netanyahu a Gaza, gran parte del mondo vede solo ipocrisia.

Leggi anche:  Eid: Biden chiede l'accordo sul cessate il fuoco per salvare i civili dagli orrori della guerra


Per essere schietti, la politica di Biden a Gaza è stata un fallimento morale, pratico e politico. Ha reso gli Stati Uniti complici della morte di civili, compresa la morte per fame dei bambini. Ha minato la nostra posizione in Ucraina. A mio avviso, non ha aiutato Israele a eliminare Hamas, a recuperare gli ostaggi o a migliorare la sicurezza a lungo termine. E potrebbe danneggiare le possibilità di Biden di vincere Stati chiave come il Michigan.
Una finestra sul fallimento di Biden: il molo temporaneo che ha ordinato all’esercito degli Stati Uniti di istituire per consegnare gli aiuti a Gaza. Invece di fare pressione su Israele affinché permettesse alle migliaia di camion al confine di entrare a Gaza, l’amministrazione Biden a dicembre ha bloccato di fatto una risoluzione delle Nazioni Unite che avrebbe istituito un sistema Onu per aggirare la strozzatura delle ispezioni israeliane. Così i bambini sono morti di fame. Biden ha quindi inviato l’esercito americano a creare il molo, al costo dichiarato di 320 milioni di dollari. Dopo più di due mesi, il molo è stato realizzato, ma non c’è un buon sistema per far arrivare effettivamente il cibo alle persone che ne hanno bisogno, quindi ha fatto poca differenza. Si è trattato di un gesto costoso, che ha sostituito l’azione piuttosto che spronarla.

Leggi anche:  Biden ipotizza un negoziato diretto con Hamas per la liberazione dei cinque ostaggi americani


Nel frattempo, il Programma alimentare mondiale avverte che in alcune zone di Gaza è in atto una vera e propria carestia. E le Nazioni Unite indicano che la situazione è peggiorata da quando Israele ha iniziato l’operazione di Rafah. “Il Programma alimentare mondiale ha dichiarato questa settimana che “le operazioni umanitarie a Gaza sono quasi al collasso”.
Nella sua argomentazione davanti alla Corte, Israele ha fatto una considerazione legittima: “Resta il fatto che la città di Rafah serve anche come roccaforte militare per Hamas, che continua a rappresentare una minaccia significativa per lo Stato di Israele e i suoi cittadini”. Gli israeliani sono stati sconvolti dalla brutalità dell’attacco terroristico del 7 ottobre e capisco la loro determinazione a sradicare ogni residuo di Hamas. Ma, come ho già detto, è improbabile che il radicamento al suolo di Rafah porti a questo risultato o al recupero degli ostaggi (secondo quanto riferito, gli Stati Uniti ritengono che i leader di Hamas si trovino a Khan Younis, non a Rafah). Prolungare questa guerra è nell’interesse di Netanyahu, ma non degli israeliani, degli americani o dei palestinesi.

Leggi anche:  Hunter Biden giudicato colpevole di possesso illegale di armi: cosa rischia


Questa settimana, quando il procuratore della Corte penale internazionale ha chiesto mandati di arresto per i leader israeliani e di Hamas per crimini di guerra, Biden ha definito l’azione “oltraggiosa”. Avrei preferito che si fosse concentrato sulla distribuzione di cibo ai bambini affamati, ma ora ha di nuovo la possibilità di sostenere il diritto internazionale e di iniziare a uscire da un incubo politico.


Senza un piano chiaro per il post-conflitto di Gaza o per la Cisgiordania, la politica mediorientale di Biden è a pezzi. È possibile che il suo obiettivo di un accordo a tre con Israele, Arabia Saudita e Stati Uniti si unisca e crei una via d’uscita da questo pasticcio, ma sembra un azzardo e non c’è un piano B evidente.
Suggerisco quindi a Biden di agire con fermezza e di ritirare tutte le armi offensive come approccio imperfetto che potrebbe essere un passo avanti per alleviare la catastrofe umanitaria, porre fine alla guerra e sostenere quell'”ordine basato sulle regole” in cui dice di credere”, conclude Kristof.


Più chiaro di così non si può.
Chiosa finale, diventata il tormentone di Globalist: anche il doppio premio Pulitzer è un antisemita?

Native

Articoli correlati