Israele, la "guerra santa" è in Giudea e Samaria: l'analisi di Olmert
Top

Israele, la "guerra santa" è in Giudea e Samaria: l'analisi di Olmert

Olmert è un moderato, tendente a destra ma è anche uno statista, attento al bene del Paese. A differenza del suo successore, Benjamin Netanyahu, che agli interessi d’Israele antepone i suoi personali. 

Israele, la "guerra santa" è in Giudea e Samaria: l'analisi di Olmert
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Maggio 2024 - 15.52


ATF

I lettori di Globalist attenti al conflitto israelo-palestinese hanno imparato a conoscere Ehud Olmert. Già Primo ministro, figura storica del Likud, Olmert è un moderato, tendente a destra ma è anche uno statista, attento al bene del Paese. A differenza del suo successore, Benjamin Netanyahu, che agli interessi d’Israele antepone i suoi personali. 

Le due guerre 

Annota Olmert su Haaretz: “Lo Stato di Israele è nel mezzo di due guerre: una nella Striscia di Gaza e al confine settentrionale, l’altra in Giudea e Samaria, lontano dagli occhi della maggior parte dell’opinione pubblica israeliana.

L’Operazione Spade di Ferro continua a rimbalzare nel nord, nel centro e ora anche nel sud di Gaza, a Rafah. Giovani soldati coraggiosi hanno intrapreso con determinazione i combattimenti a terra nel tentativo di eliminare o espellere i combattenti di Hamas rimasti. Pensavano di esserci riusciti, ma gli uomini armati sono tornati e continuano a combattere. I nostri soldati continuano a pagare con la vita, così come tanti palestinesi, molti dei quali sono civili finiti nell’occhio del ciclone. I convogli alimentari che cercano di portare aiuti ai due milioni di gazawi continuano a farsi strada sulla terraferma e attraverso il nuovo porto che gli Stati Uniti hanno costruito per facilitare gli aiuti a centinaia di migliaia di gazesi, che Yahya Sinwar ha deliberatamente trasformato in uno scudo umano per proteggere lui e i suoi combattenti.

Stretto tra le pressioni di entrambe le parti, Israele ha collaborato con chi forniva aiuti – non con entusiasmo, ma con la consapevolezza che è inevitabile e può giustificare e fornire una validità morale al proseguimento della guerra fino alla “vittoria totale”, anche se è improbabile che questa arrivi mai.

Ma allo stesso tempo, senza che nessuno se ne accorga, si sta sviluppando una guerra che minaccia di oscurare tutta la tragedia, il sangue e la distruzione di Gaza. Si tratta della guerra in Cisgiordania, i territori che storicamente chiamiamo Giudea e Samaria, dove circa 3 milioni di palestinesi vivono da molte generazioni. Non sono immigrati lì, anzi considerano la zona come la loro patria. Sono nati lì, come i loro genitori e i loro nonni. Non hanno un altro Paese. Stiamo facendo di tutto per espellerli, per costringerli a lasciare le loro case e i paesaggi in cui hanno sempre vissuto, per annettere i territori allo Stato di Israele e realizzare i sogni di una minoranza messianica, estremista, reazionaria e assassina che sta gradualmente prendendo il controllo del governo dello Stato di Israele.

L’ho già detto e lo ripeto: La guerra nella Striscia di Gaza non è davvero il desiderio del cuore di Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich e dei loro amici. I loro appelli per la conquista di Rafah sono secondari rispetto alla guerra in Cisgiordania. Rafah è nella loro bocca, mentre la Giudea e la Samaria sono nei loro cuori.

La guerra dei coloni e dei loro sostenitori che si sta svolgendo in Cisgiordania è un crimine commesso sotto l’egida del governo, che sta deliberatamente chiudendo un occhio con un’impudenza moralista che non può coprire la sua crudeltà, le sue nefandezze e le sue scioccanti conseguenze, non solo per le sue vittime nelle città, nei campi e nei frutteti, nei luoghi di lavoro e negli altri centri della vita palestinese, ma anche nel nostro Paese.

Prima del 7 ottobre, ci sono stati casi di terribile violenza dei coloni contro i palestinesi. Il pogrom di Hawara ha ottenuto una notevole copertura mediatica per aver superato ciò che l’opinione pubblica israeliana era disposta a tollerare. Il voto di Smotrich di “cancellare Hawara”, non da parte dei giovani vigilantes delle colline e dei loro sostenitori più anziani, ma da parte del governo di Israele, ha scioccato il mondo e ha scatenato una rabbiosa reazione internazionale che ha incluso i leader nazionali guidati dal Presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Tutti hanno capito che il governo di distruzione di Benjamin Netanyahu stava minando le fondamenta della nostra esistenza e contemporaneamente cercava di distruggere le fondamenta dell’esistenza del popolo palestinese – un popolo che vive su una terra con cui il popolo ebraico ha un profondo legame storico, ma che per loro non è altro che la loro terra. Non ne hanno un’altra.

Leggi anche:  Hamas ammette di non sapere quanti ostaggi israeliani a Gaza siano ancora vivi

È nella natura delle cose che siamo concentrati sulla guerra a Gaza, sullo strazio che tutti proviamo, sugli annunci del portavoce dell’esercito che “ora si può riferire” e sulle lacrime versate per i bambini i cui nomi vengono annunciati e che vengono condotti a una degna ma angosciosa sepoltura. È importante ascoltare le storie eroiche di guerrieri coraggiosi che rischiano la vita in operazioni sorprendenti per trovare i resti di ostaggi uccisi mesi fa, per liberarli dalla loro sepoltura temporanea e portarli al loro riposo finale in Israele.

Allo stesso tempo, non possiamo lasciarci distrarre dalla guerra in corso in Giudea e Samaria, che fa parte della guerra per preservare uno Stato di Israele democratico e illuminato e contro bande organizzate di vandali assassini, pervasi da una missione messianica, che minacciano di schiacciarlo per realizzare il sogno di impadronirsi delle parti di terra che vogliono annettere, eliminando coloro che vivono lì da generazioni.

Se qualcuno pensava che potessimo nascondere questi eventi in Cisgiordania e ignorarli, Ronen Bergman e Mark Mazzetti del New York Times (Bergman è anche reporter di Yedioth Ahronoth) hanno rivelato ciò che viene fatto in tutta la sua brutalità. Il loro rapporto investigativo è un modello di coraggio, coscienza umana e responsabilità morale. Ora l’immagine è visibile, non più nascosta dagli sforzi di offuscamento della Polizia israeliana o di quella nei territori, o delle Legioni Ben-Gvir – ed è scioccante.

Dal 7 ottobre, circa 7.000 israeliani, la maggior parte dei quali ha prestato servizio nell’esercito in passato, sono stati reclutati e dotati di armi, assegnati a proteggere gli insediamenti e i coloni, a impedire il blocco delle strade e a lavorare in modo trasparente. In realtà, molti di loro non sorvegliano gli insediamenti; piuttosto, mascherano i loro volti ed entrano in scontri violenti con i palestinesi che spesso finiscono con feriti e distruzione, e talvolta con la morte.

Il sistema di applicazione della legge israeliana applica standard completamente diversi per indagare sui palestinesi sospettati di terrorismo rispetto agli israeliani sospettati dello stesso reato. Questi ultimi stanno usando i poteri apparentemente conferiti loro per realizzare l’obiettivo del governo Netanyahu di stabilire il completo controllo ebraico sui territori della nostra patria storica, a spese dei palestinesi che vi abitano, attraverso una campagna spietata.

Dagli eventi del 7 ottobre nella regione di confine con Gaza, i coloni giovani e anziani hanno messo in scena 848 attacchi in Cisgiordania che si sono conclusi con gravi danni o feriti, secondo i rapporti delle organizzazioni internazionali che monitorano attentamente ciò che accade in un luogo in cui lo Stato di Israele dovrebbe essere responsabile del mantenimento della sicurezza, della legge e dell’ordine.

Leggi anche:  Gaza, Unicef contro Israele: "Ai palestinesi viene negato aiuto, protezione e dignità"

Inoltre, 18 comunità palestinesi sono state espulse completamente dalle loro case e altre sette parzialmente dai coloni violenti. Nessuna di queste comunità è riuscita a ritornare alla propria casa – i loro residenti vivono in condizioni insopportabili. È un altro passo verso la realizzazione della grande Terra d’Israele – senza palestinesi. Dal 7 ottobre, attacchi terroristici di Hamas sono stati compiuti in Giudea e Samaria, causando molte vittime tra gli ebrei, i residenti dei territori e altri. È chiaro che lo Shin Bet, la polizia e l’esercito devono trovarli, catturarli e, se necessario, eliminarli senza esitazione. Le forze di sicurezza lo stanno facendo e per questo meritano apprezzamento e rispetto. Ma gli altri eventi che si stanno verificando contemporaneamente nei territori hanno conseguenze molto più ampie e pericolose.

Quello che sta accadendo ora nei territori è una campagna organizzata – violenta e omicida – intrapresa da molti coloni che sanno di avere l’appoggio di alcuni dei ministri più potenti del governo. Sono liberi di agire perché la polizia e l’esercito guardano deliberatamente dall’altra parte. Fanno finta di non vedere o sentire ciò che sta accadendo e di non essere stati informati in tempo. Ciò equivale a complicità in questi crimini. Nei giorni scorsi, i telespettatori israeliani hanno potuto vedere come decine di giovani che indossavano la kippà, con mazze di legno e metallo in mano, hanno attaccato decine di camion che trasportavano aiuti umanitari nella Striscia di Gaza. Questi giovani hanno fermato i camion, hanno aggredito gli autisti, li hanno costretti a scendere dalle loro cabine e hanno gettato a terra e calpestato il cibo che i camion trasportavano. La polizia non ha fatto nulla per fermarli; l’esercito non ha fatto nulla per dissuaderli. I rivoltosi hanno agito in piena libertà, senza preoccuparsi di coprirsi il volto, ma nessuno è stato arrestato, interrogato o detenuto.

È giunto il momento di chiamare le cose con il loro nome: con l’appoggio del governo di Israele, con il suo sostegno e supporto, a volte attivo e a volte passivo, in Giudea e Samaria si sta combattendo una battaglia che potrebbe scatenare una guerra finalizzata all’espulsione dei milioni di palestinesi che vi abitano.

Questo è il nocciolo della questione. È impossibile comprendere gli eventi in Giudea e Samaria se non come parte di uno sforzo destinato, in fin dei conti, ad accendere un fuoco che si diffonderà in tutto Israele e porterà a una guerra totale. Questo è l’obiettivo finale di Ben-Gvir e Smotrich e dei loro alleati.

Sembra che, per quanto riguarda i coloni e i loro sostenitori nel governo, finché la guerra a Gaza continuerà, finché i nostri soldati combatteranno inutilmente a Rafah e altrove nella Striscia, finché una guerra limitata continuerà nel nord, finché decine di migliaia di residenti del nord non vivranno nelle loro case, e soprattutto finché gli ostaggi non saranno riportati a casa (e i capi della banda che controlla lo Stato, Ben-Gvir in particolare, stanno lavorando per impedire un accordo che lo faccia), possono scatenarsi in Cisgiordania. Possono molestare i residenti palestinesi e ucciderli, anche quelli che non sono coinvolti nel terrorismo e nella violenza.

Leggi anche:  Una indagine delle Nazioni Unite accusa Israele di “sterminio” nella guerra a Gaza

È ora di fermare questa violenza. La responsabilità di ciò ricade innanzitutto sul governo e sul suo leader. Ma è chiaro che Netanyahu non è pronto o disposto a fermarla. Potrebbe persino chiudere un occhio e fingere di appoggiare il presunto piano di Ben-Gvir per prevenire il terrorismo e fornire sicurezza ai coloni.

Pertanto, il compito è affidato ad altri due leader, membri del gabinetto di guerra. Benny Gantz e Gadi Eisenkot sono ora l’ultima speranza dei molti israeliani che non vogliono vivere in uno Stato di apartheid. Entrambi sono persone degne e dignitose, combattenti coraggiosi e patrioti nel senso più positivo del termine.

Quando si sono uniti a questo governo di distruzione, ho pensato che avessero sbagliato. All’epoca dissi che quando sarebbe arrivato il giorno in cui Netanyahu sarebbe stato rimosso dal potere, com’è giusto che sia, sarebbero stati loro, insieme a Yair Lapid, a costruire un nuovo governo e a riportare lo Stato di Israele ai suoi valori fondamentali prima che sia troppo tardi. Più di una volta mi sono aspettato che, alla luce degli inganni di Netanyahu e della mancanza di visione e di orizzonte politico dell’attuale governo, sarebbero giunti alla conclusione che non c’era altra scelta che abbandonare.

Ho ascoltato le ragioni che si suppone abbiano per restare: senza Gantz ed Eisenkot, il governo sarebbe completamente soggetto alla follia dell'”evasore”, come Eisenkot chiama Ben-Gvir, e che un gabinetto di guerra con Gantz ed Eisenkot è meglio di uno con Ben-Gvir. Ma basta. Quello che sta accadendo nei territori non è una questione di operazione militare, come quella per eliminare i battaglioni di Hamas a Rafah. Ci possono essere opinioni diverse al riguardo – Gantz ed Eisenkot ne hanno una, io e molti altri (che nella nostra vita pubblica hanno preso molte decisioni su attacchi militari, operazioni e liquidazioni) ne abbiamo un’altra. Il loro punto di vista è legittimo, anche se io credo che abbiano torto. Ma il loro silenzio di fronte a ciò che sta accadendo in Giudea e Samaria è incomprensibile, ingiustificato e intollerabile. Quando si parla dei crimini commessi dallo Stato di Israele, dai suoi cittadini, dai suoi coloni, dalla sua polizia e forze di sicurezza nei territori, non c’è spazio per la tolleranza, l’accettazione o il silenzio.

Gantz e Eisenkot, siete responsabili. O lasciate questo governo sanguinario oggi, o sarete incolpati della distruzione che provoca”.

Così Olmert. 

Mattanza di bambini

Estratto dal profilo X di Adele Khodr, Direttrice regionale Unicef per il Medio Oriente e il Nord Africa: Almeno 8 persone sono state uccise, fra cui 2 bambini, nell’operazione militare in corso a Jenin. Questo porta il numero totale di bambini palestinesi uccisi nelle ultime 32 settimane in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, a 129, triplicando il numero di bambini uccisi in tutto il 2022. Nello stesso periodo, sono stati uccisi anche 2 bambini israeliani.

I bambini non dovrebbero mai essere obiettivo di violenza e deve essere sempre garantita loro protezione speciale secondo il diritto internazionale. Le gravi violazioni contro i bambini, in particolare l’uccisione e il ferimento, sono inaccettabili. Porre fine alla violenza ricorrente è il modo migliore per garantire che i bambini possano crescere in pace e sicurezza”, conclude Khodr.

Non dovrebbero, ma lo sono. A Gaza, in Cisgiordania. E il mondo sta a guardare.

Native

Articoli correlati