Mosca vuole ampliare le acque territoriali russe nel Mar Baltico
Top

Mosca vuole ampliare le acque territoriali russe nel Mar Baltico

Le autorità russe hanno deciso di ampliare le acque territoriali del Paese nel Mar Baltico vicino al confine di Stato con la Lituania e la Finlandia

Mosca vuole ampliare le acque territoriali russe nel Mar Baltico
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Maggio 2024 - 01.28


ATF

Le autorità russe hanno deciso di ampliare le acque territoriali del Paese nel Mar Baltico vicino al confine di Stato con la Lituania e la Finlandia, secondo un progetto di decreto governativo pubblicato online. Lo riferisce il sito del Moscow Times.

In base al documento preparato dal Ministero della Difesa, la Russia intende dichiarare come proprie acque interne una parte dello specchio d’acqua a est del Golfo di Finlandia e nei pressi delle città di Baltiysk e Zelenogradsk nella regione di Kaliningrad.

A tal fine, saranno modificate le coordinate geografiche dei punti che determinano la posizione delle linee di base da cui si misura l’ampiezza del mare territoriale della Federazione Russa, così come la zona adiacente alla costa e alle isole.

Al confine con la Finlandia, il governo russo intende adeguare le coordinate nella zona delle isole di Jahi, Sommers, Holland, Rodsher, Maly Tyuters, Vigrund, nonché in prossimità del capo d’ingresso settentrionale del fiume Narva, come risulta dall’allegato alla risoluzione del Consiglio dei Ministri.

Leggi anche:  Europee, la 'vendetta' russa: "Macron e Scholz puniti per aver sostenuto la guerra ucraina contro Mosca"

Al confine con la Lituania, sono in corso di esame l’area dello Spiedo Curoniano, le aree di Capo Taran, Capo a sud di Capo Taran e lo Spiedo del Baltico. 

Native

Articoli correlati