Gaza, il "Vietnam" d'Israele
Top

Gaza, il "Vietnam" d'Israele

Globalist ne spiega le ragioni attraverso le considerazioni di uno dei più autorevoli analisti politico-militare israeliani: Amos Harel.

Gaza, il "Vietnam" d'Israele
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

17 Maggio 2024 - 17.54


ATF

Gaza, il “Vietnam d’Israele”. Uno scenario che si fa sempre più realistico. 

Il Vietnam d’Israele

Globalist ne spiega le ragioni attraverso le considerazioni di uno dei più autorevoli analisti politico-militare israeliani: Amos Harel.

Che su Haaretz annota: “Israele è entrato nell’ottavo mese di guerra e la sua situazione si sta aggrovigliando sempre di più. Nella Striscia di Gaza, il confronto con Hamas è tutt’altro che deciso, nonostante il fatto che l’equilibrio del potere militare sia chiaramente inclinato a favore delle forze di difesa israeliane. Al confine con il Libano, lo scambio di colpi con Hezbollah si è intensificato, senza una data in vista per il ritorno delle 60.000 persone che sono state esiliate dalle loro case da ottobre.

I disaccordi all’interno del governo sulla conduzione e le finalità della guerra sono ormai di dominio pubblico. L’accordo sugli ostaggi 

è in una situazione di stallo, date le disparità tra le parti e la convinzione di Hamas di poter sfruttare la spaccatura interna in Israele a suo vantaggio. La crisi politica al vertice, insieme alle rinnovate perdite di vite umane in combattimento, stanno mettendo a rischio il sostegno del pubblico per continuare la guerra. La crisi potrebbe anche essere vista dall’Iran e da Hezbollah come un’opportunità per montare una nuova provocazione, dopo l’attacco missilistico e drone senza precedenti lanciato dall’Iran il mese scorso.

Le critiche che il ministro della Difesa Yoav Gallanti ha espresso mercoledì   lo stanno macerando da molto tempo. Le discussioni dei due gabinetti – il gabinetto di guerra e il gabinetto di sicurezza – sono state piuttosto tempestose nelle ultime settimane. Nonostante le differenze di approccio e di attrito personale, l’asse Gallant, Benny Gantz e Gadi Eisenkot è stato ricostituito come contrappeso alla linea guidata dal primo ministro Benjamin Netanyahu. Come parte della sua lotta per la sopravvivenza e in conformità con le richieste dei suoi partner all’estrema destra, Netanyahu ha insistito per avanzare a Rafah e si è rifiutato di mostrare flessibilità nei negoziati sugli ostaggi (anche Hamas ha adottato una posizione ostinata).

I tre ministri – due ex capi di stato maggiore e uno che quasi lo era – preferivano cercare di far avanzare prima l’accordo per gli ostaggi. Alla luce della grave disputa con gli Stati Uniti, hanno messo in guardia contro una spinta a conquistare Rafah e hanno sottolineato la necessità di fissare un obiettivo politico per la guerra – un accordo in cui l’Autorità palestinese avrebbe preso parte al controllo di Gaza, se Hamas fosse stato effettivamente sconfitto e l’Idf si ritirasse. Un certo numero di parlamentari del Likud sostiene questa visione, ma non hanno il coraggio di unirsi alla critica pubblica di Netanyahu.

La ragione principale della dichiarazione di Gallant risiede nella disputa sulla possibile istituzione di un governo militare israeliano che governerebbe la Striscia di Gaza al posto di Hamas. Per quanto pericoloso possa sembrare, è l’idea che Netanyahu stia ora rimuginando. E un nuovo attore chiave è recentemente entrato negli eventi in via di sviluppo, vale a dire Brig. Gen. Roman Gofman, segretario militare del primo ministro designato. Gofman, un eccezionale ufficiale di combattimento che era comandante della base Tze’elim, è stato gravemente ferito il 7 ottobre mentre era impegnato nello sforzo di contenere l’attacco di Hamas alle comunità vicino a Gaza. Mentre si stava riprendendo, ha temporaneamente ricoperto un posto di alto livello presso il coordinatore delle attività governative nei territori. In quella veste, come riportato su Channel 12 News, ha scritto un documento, che ha raggiunto Netanyahu, contenente una proposta di istituire un governo militare provvisorio come soluzione per soppiantare Hamas.

Leggi anche:  Bologna ospita i ritratti dei giornalisti uccisi a Gaza

Come opinione professionale, il suggerimento di Gofman può essere visto come un’idea che giustifica una discussione. Ma Netanyahu sta promuovendo la proposta per le sue ragioni, e naturalmente l’idea era musica per le orecchie dei leader dei partiti di estrema destra nella coalizione di governo, il ministro della sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir e il ministro delle finanze Bezalel Smotrich. Dal loro punto di vista, non c’è niente di più permanente di quello temporaneo (come dimostrato dal caso degli avamposti dei coloni in Cisgiordania), e quindi la strada sarà spianata per ristabilire gli insediamenti nella Striscia di Gaza. La dichiarazione di Gallant era in gran parte volta a silurare quella mossa.

Un’altra considerazione che ha spinto Gallant è la profonda frustrazione dell’Idf per la decisione di insediare un quartier generale di divisione  a Rafah per prendere il controllo della sezione sud-orientale del corridoio Philadelphi e del valico di frontiera in Egitto, senza affrontare le implicazioni strategiche della mossa. Anche se l’esercito ha avvertito della necessità di decidere in anticipo cosa sarebbe stato fatto con l’attraversamento una volta sequestrato, sembra che nulla sia stato davvero concluso con l’Egitto. Le forze che avanzano a Rafah sono ancora lente e limitate, alla luce dell’opposizione di Washington, ma il potenziale di intreccio lì è considerevole. Già ora, l’esercito sembra essere andato avanti oltre le linee che sono state segnate nei piani che sono stati presentati ai decisori politici.

Il pericolo sta crescendo anche nelle operazioni che si svolgono nella parte settentrionale della Striscia, dove l’Idf sta subendo perdite. In alcuni casi è colpa dell’esercito stesso: mercoledì, cinque soldati della Brigata paracadutisti sono stati uccisi da due proiettili di carri armati sparati erroneamente da una forza vicina, e otto soldati sono stati feriti, tre dei quali gravemente.

L’incidente si è verificato durante un’operazione a Jabalya, in un’area in cui l’Idf è ora entrata per la terza volta. Hamas sta ancora una volta montando una resistenza significativa, incluso un maggiore uso di granate a razzo che non sono state viste nel nord di Gaza negli ultimi mesi. I miliziani palestinesi armati sono relativamente organizzati e sembrano operare come parte di un meccanismo di comando e controllo che l’organizzazione sta gestendo. I ranghi di Hamas si stanno riempiendo di nuovo, anche se finora l’organizzazione ha perso più di 10.000 combattenti nella guerra (secondo alcune stime, Hamas ha subito 14.000 morti e migliaia di feriti).

L’intelligence militare e il servizio di sicurezza Shin Bet sostengono che questo non è un caso. I giovani di Gaza non vedono altra alternativa a Hamas e si stanno arruolando nell’organizzazione al posto dei terroristi che sono stati uccisi. Entrare a far parte dell’organizzazione promette una migliore possibilità di sopravvivenza della famiglia, anche nelle dure condizioni di vita nella Striscia. Gli abitanti di Gaza stanno apparentemente presumendo che Hamas sopravviverà alla guerra e rimarrà al potere. Da ottobre, Gallant, a sostegno dei capi della sicurezza, chiede che entrambi i gabinetti discutano gli accordi del giorno dopo, ma Netanyahu, che ha l’autorità di fissare l’ordine del giorno, ha esitato a questo. La proposta del ministro della Difesa include l’ingresso di una coalizione araba internazionale che includerà “palestinesi locali che guardano a Ramallah”, una formulazione complicata intesa ad aggirare il veto di Netanyahu sul coinvolgimento dell’Autorità Palestinese.

La linea di fondo, agli occhi di Gallant e degli altri alti funzionari della difesa, è che Israele sta sperdendo il credito generato dalle mosse militari. Hamas non è stato sconfitto, ma si sta riformando nelle aree da cui l’Idf si ritira. E in assenza di qualsiasi alternativa governativa, l’organizzazione potrebbe effettivamente diventare più forte. La frustrazione aumenta quando sempre più soldati vengono uccisi in luoghi in cui l’Idf è tornata per la seconda e la terza volta, inutilmente e senza meta, a parte le vuote promesse di Netanyahu di una vittoria totale. “È una vera Vietnamizzazione”, dice una persona che partecipa alle consultazioni di sicurezza.

Leggi anche:  Gaza, Israele blocca le forniture dell'Oms agli ospedali di Gaza: una condanna a morte per molti malati

L’impasse strategica indotta da Israele è anche frustrante per i partner strategici. Gli Emirati Arabi Uniti, che hanno mostrato un interesse per gli accordi del giorno dopo, e sono anche in grado di finanziare una ripresa e assistere in un piano di deradicalizzazione, non si avvicineranno al luogo finché esisterà la situazione attuale. E gli Stati U niti, che inizialmente parlavano di un’AP rinnovata, stanno ora spingendo Israele ad accettare qualsiasi soluzione a Gaza, a condizione che ponga fine ai combattimenti. Giovedì sera, il molo costruito dall’esercito statunitense è stato inaugurato nella Strip settentrionale. Questa è una decisione che l’amministrazione Biden ha imposto a Netanyahu a causa delle difficoltà che Israele sta creando per quanto riguarda il trasferimento di aiuti umanitari a Gaza.

Ci sono alcuni nel governo, e nell’amministrazione degli Stati Uniti, che sospettano che il rifiuto di Netanyahu di lavorare sugli accordi del giorno dopo non derivi solo dall’argomento (legittimo) secondo cui Hamas non ha ancora assorbito un colpo sufficientemente duro per consentire una discussione sulla situazione del dopoguerra. Il sospetto è che Netanyahu stia in qualche modo cercando di aspettare che il presidente Joe Biden, che la scorsa settimana ha interrotto la consegna di migliaia di bombe a Israele, ceda il suo posto a Donald Trump se il grande amico e sodale di Bibi vincerà a novembre. Questa è una scommessa a lungo termine: Trump è stato severamente critico nei confronti di Israele negli ultimi mesi e ha criticato Netanyahu dopo che il primo ministro ha riconosciuto la vittoria di Biden nelle elezioni del 2020. La volontà di Trump di abbandonare l’Ucraina nella sua guerra con la Russia, e il suo atteggiamento negativo nei confronti della Nato, dovrebbero preoccupare anche Israele.

Nel frattempo, Netanyahu sta facendo infuriare gli americani con il suo approccio agli aiuti umanitari a Gaza. Con una mano, Israele sta promettendo agli Stati Uniti che non creerà difficoltà per la consegna degli aiuti (soprattutto con l’Egitto che blocca l’ingresso dei camion dal suo territorio, in segno di protesta conquista israeliana del valico di Rafah. D’’altra parte, i ministri e i parlamentari della coalizione stanno incoraggiando le milizie di estrema destra ad attaccare i camion degli aiuti in Cisgiordania per impedire loro di arrivare a Gaza. E la polizia, che è subordinata al ministro della Sicurezza nazionale Ben-Gvir, sta osservando gli eventi con interesse puramente accademico.

La dichiarazione di Gallant ha aggravato le sue già molto tese relazioni con Netanyahu. È probabile che in altre circostanze, Netanyahu avrebbe cercato di licenziarlo. Ma il primo ministro ha già bruciato quell’opzione nel marzo 2023, quando masse di israeliani sono scese in piazza per protestare contro il licenziamento di Gallant durante il tentativo del governo di indebolire la magistratura, e Netanyahu ha dovuto ritrattare. Il licenziamento di un ministro della Difesa in tempo di guerra ha implicazioni ancora più pesanti. Il licenziamento di Gallant, le dimissioni di Gantz e Eisenkot, o entrambi gli sviluppi insieme darebbero a Washington motivi per aumentare la pressione politica su Netanyahu e potrebbero anche accelerare i processi contro Israele all’Aia.

Leggi anche:  Hamas chiede garanzie agli Usa per un cessate il fuoco permanente e il ritiro delle truppe israeliane

Come non bastasse, sullo sfondo incombe il disegno di legge per arruolare giovani ultraortodossi nell’esercitoIl brillante stratagemma di Netanyahu mercoledì si è rapidamente rivelato essere un altro “trucco puzzolente”. Nessuno, a parte alcuni commentatori e giornalisti politici, ha acquistato la manovra del primo ministro, quando ha annunciato (apparentemente in coordinamento con i partiti ultraortodossi) che avrebbe presentato il disegno di legge che Gantz ha presentato come ministro della Difesa due anni fa. Gallant ha annunciato che, come ministro della Difesa, non avrebbe sostenuto il disegno di legge sponsorizzato da Netanyahu e dai ministri di estrema destra,  Gantz ha giustamente detto che i tempi sono cambiati e richiedono una nuova legge che richiederà di più alla comunità ultra-ortodossa. La stessa posizione viene assunta, sulla base di considerazioni legali, dal procuratore generale Gali Baharav-Miara.

L’atmosfera cupa non si limita esclusivamente al governo. La situazione nello Stato Maggiore non è migliore. Non è solo una questione di frustrazione per l’andamento della guerra e di colpa per i fallimenti che hanno portato al 7 ottobre. L’esercito, anche più di altre organizzazioni gerarchiche, ruota attorno alle sue nomine. Anche in circostanze di crisi nazionale e terribili tragedie personali, e con lo Stato Maggiore ancora in preda a qualcosa che assomiglia a un trauma collettivo, gli alti ufficiali sono ancora turbati dalle domande di promozioni e allontanamenti. Subito dopo il massacro, il sentimento pubblico era che tutti loro – quelli nell’arena politica insieme ai migliori ottoni – avrebbero dovuto dimettersi   alla luce della portata del disastro e degli errori che lo hanno causato. Non è quello che è successo, però. Netanyahu, come sappiamo, si è rifiutato del tutto di assumersi la responsabilità; gli alti ufficiali e i capi di Shin Bet si sono assunti la responsabilità pubblica, ma finora non l’hanno attuata, ad eccezione del direttore dell’intelligence militare, il maggior generale. Aharon Haliva, che ha annunciato le sue dimissioni il mese scorso (e il capo del Comando Centrale, il maggiore generale Anche Yehuda Fuchs, se ne sta andando, senza connessione con i fallimenti della guerra).

Nel frattempo, il capo di stato maggiore delle Idf Herzl Halevi ha annunciato la nomina di cinque nuovi maggiori generali nello Stato maggiore, tra cui il successore di Haliva. Ciò significa il ritiro di altri tre maggiori generali, che Halevi ha mostrato la via d’uscita. E c’è un altro gruppo di cinque o sette maggiori generali che sono in attesa di riassegnamento o pensionamento, alcuni dei quali alla luce dei posti che hanno ricoperto il 7 ottobre. Ancora un altro gruppo include generali di brigata veterani, che sono stati informati da Halevi che non saranno promossi. Così un nuovo stato maggiore sta prendendo forma durante il tour dell’attuale capo di stato maggiore, che molti avevano pensato si sarebbe già preparato a togliere la sua uniforme in questa fase. Ora lo Stato Maggiore ha l’impressione opposta: alcuni degli alti ufficiali sospettano che Halevi intenda cercare di servire l’intero mandato.

Con i Bibi-isti che lo assalgono selvaggiamente e malvagiamente, per distogliere l’attenzione dalla responsabilità del loro signore e padrone, il cuore è incline a difendere il capo di stato maggiore. Eppure, molti troveranno difficile accettare l’idea  di un ufficiale, per quanto preparato e brillante, che completi il suo servizio come previsto  dopo il più grande disastro nella storia dell’Idf sotto il suo comando”.

(parte prima, continua)

Native

Articoli correlati