L'Onu accusa Israele: "Non c'è nessun posto sicuro dove andare a Gaza"
Top

L'Onu accusa Israele: "Non c'è nessun posto sicuro dove andare a Gaza"

Lo ha detto il portavoce delle Nazioni Unite, rispondendo alle domande dei giornalisti riguardo la notizia dei 600 mila palestinati spostati da Rafah, a sud della Striscia.

L'Onu accusa Israele: "Non c'è nessun posto sicuro dove andare a Gaza"
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Maggio 2024 - 01.50


ATF

«Non c’è nessun posto sicuro dove andare a Gaza». Lo ha detto il portavoce delle Nazioni Unite, rispondendo alle domande dei giornalisti riguardo la notizia dei 600 mila palestinati spostati da Rafah, a sud della Striscia. «Ci sono posti – ha aggiunto – che non hanno accesso ad acqua, elettricità e servizi di base necessari per mantenere in vita un ampio numero di persone»

Dal 6 maggio a oggi sono 600 mila i rifugiati palestinesi che hanno lasciato o sono stati spostati da Rafah, a sud di Gaza, in vista dell’attacco di terra che Israele ha annunciato da tempo.

Secondo l’ufficio Onu di coordinamento degli affari umanitari, incursioni delle forze militari israeliane sono segnalate a Deir al Balah, nella zona centrale di Gaza, e a Jabaliya, a nord.

Leggi anche:  Israele uccide 17 palestinesi in due raid nel campo profughi di Nuseirat: tra loro vecchi, donne e bambini
Native

Articoli correlati