Gaza: così hanno raso al suolo il sistema sanitario della Striscia
Top

Gaza: così hanno raso al suolo il sistema sanitario della Striscia

Un documento eccezionale. Una radiografia dello stato del sistema sanitario a Gaza dopo quasi sette mesi di attacchi israeliani, ospedale per ospedale, malattia per malattia

Gaza: così hanno raso al suolo il sistema sanitario della Striscia
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

4 Maggio 2024 - 14.30


ATF

Un documento eccezionale. Una radiografia dello stato del sistema sanitario a Gaza dopo quasi sette mesi di attacchi israeliani, ospedale per ospedale, malattia per malattia, che va nei dettagli come mai è capitato leggere. Globalist lo pubblica integralmente, in due puntate.

Un appello urgente per la protezione delle strutture sanitarie rimaste a Gaza tra gli attacchi in corso

Dichiarazione congiunta dei membri dell’Iniziativa per la Salute a Gaza approvata dall’Associazione Medica Nazionale Arabo-Americana

Scritto da: Michelle Nemati, Maya Hatoum 30 aprile 2024

Gli attacchi indiscriminati e i bombardamenti delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) contro gli ospedali di Gaza hanno provocato il collasso totale del sistema sanitario e un’enorme disparità di accesso ai servizi sanitari: ad oggi solo 10 ospedali su 36 sono parzialmente funzionanti. L’attacco deliberato agli ospedali e alle cliniche mediche, secondo quanto riferito, non solo è moralmente riprovevole, ma rappresenta anche una chiara violazione del diritto umanitario internazionale (IHL) ai sensi dell’articolo 19 delle Convenzioni di Ginevra.

Lo scopo di questa dichiarazione è quello di delineare i seguenti obiettivi.

I. Tutte le strutture mediche e sanitarie rientrano nell’ambito delle entità protette ai sensi del diritto internazionale; i rappresentanti delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) sono stati notati solo per fornire una possibile causa o giustificazione per una manciata di questi attacchi, sebbene altamente contestati, condannati e sotto indagine.

II. Gli effetti dannosi che questo ha già avuto sulla popolazione in generale, con particolare attenzione ai (a) risultati diretti sulla popolazione in generale e (b) all’interruzione dell’accesso a trattamenti specifici.

III. Utilizzo di dati e dichiarazioni di esperti per prevedere il probabile esito di un attacco anche a una sola di queste strutture sanitarie rimaste, con l’obiettivo di evitare che queste morti siano evitate proteggendo le strutture rimaste.

IV. Punto d’azione – Invito a dichiarare le strutture sanitarie rimaste a Gaza come entità protette in ogni circostanza, negando ogni possibilità di ulteriori attacchi a quel poco che resta delle infrastrutture sanitarie di Gaza.

V. Appendice con un elenco di ciò che rimane delle strutture sanitarie di Gaza e l’importanza di questi ospedali.

Iniziativa per la salute a Gaza

In difesa degli ospedali rimasti a Gaza

Data: 30/04/2024 Pagina 1

 33 ospedali a Gaza attaccati dalle forze israeliane dal 7 ottobre

Le indagini delle organizzazioni umanitarie sulle affermazioni dell’IDF di voler colpire Hamas nei suoi bombardamenti rivelano un’incapacità di considerare la sicurezza dei pazienti e del personale medico, oltre alla mancanza di prove di un attacco calcolato. Sebbene i 10 ospedali rimasti siano parzialmente funzionanti, questi centri non sono in grado di fornire la maggior parte dei servizi medici a causa della mancanza di carburante, energia elettrica, personale sanitario e danni alle forniture mediche. Queste limitazioni aggravano ulteriormente lo sforzo, già notevole, di dover soddisfare le crescenti esigenze di 2,2 milioni di civili sempre più a rischio. (17,18)

Risultato degli attacchi

Le gravi interruzioni dell’accesso all’assistenza sanitaria sono il risultato diretto del blocco in corso e dei danni alle infrastrutture perpetrati dalle forze israeliane. Al 29 marzo 2024,

24 ospedali sono fuori servizio e 2 funzionano solo in minima parte.

● ~24% delle strutture sanitarie primarie sono funzionanti.

● Il 33% (8 su 24) dei centri sanitari dell’UNRWA è operativo.

Leggi anche:  L'Onu denuncia le uccisioni illegali israeliane in Cisgiordania: 528 palestinesi, 133 dei quali bambini

(Fonte: oPT Emergency Situation Update, Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)) (1) Focolai di malattie dovuti allo sfollamento

Il grave sovraffollamento dovuto al continuo sfollamento nella Striscia di Gaza ha causato un forte picco di gravi epidemie, tra cui infezioni del tratto respiratorio, epatite, pidocchi, diarrea acquosa acuta, scabbia e altre malattie. Il blocco in corso da parte delle forze israeliane ha interrotto gravemente la gestione dei rifiuti medici negli ospedali, aumentando ulteriormente il rischio di materiali pericolosi e di infezioni. I dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mostrano un aumento dei focolai di malattia presenti nella Striscia di Gaza, in particolare per quanto riguarda le malattie diarroiche e l’epatite A. Dalla metà di ottobre sono stati registrati:

● 586.402 casi di infezioni respiratorie

● 81.259 casi di scabbia e pidocchi

● 46.195 casi di eruzioni cutanee

● 19.117 casi di itterizia (presunta epatite A dopo che i campioni sono risultati positivi)

● 7.037 casi di varicella

(Fonte: Aggiornamento sulla situazione d’emergenza del TPP, Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)) (1)

La distruzione dell’infrastruttura sanitaria di Gaza ha reso praticamente impossibile la sorveglianza delle malattie per le organizzazioni sanitarie globali, ponendo maggiori sfide alla prevenzione delle epidemie. I pazienti che soffrono di problemi medici comuni come polmonite, infezioni alla vescica o ai reni, attacchi cardiaci, polmonite

infezioni della vescica o dei reni, infarti, polmonite, reazioni allergiche, infezioni addominali, ictus o altre lesioni non legate alla guerra.

ferite non legate alla guerra potrebbero andare incontro alla morte o a gravi malattie. I servizi che un tempo erano facilmente disponibili per i gazawi sono ora estremamente difficili da garantire sotto il quasi assedio di Israele. (19)

Iniziativa per la salute a Gaza

In difesa dei rimanenti ospedali di Gaza

Data: 30/04/2024 Pagina 2

 Interruzione dell’accesso a trattamenti specifici

Cancro

Il 30 ottobre 2023, la distruzione dell’unico ospedale oncologico di Gaza, l’Ospedale dell’Amicizia Turco-Palestinese, ha portato al completo collasso delle cure oncologiche nella regione. Prima della guerra, Gaza curava dai 1800 ai 2000 pazienti oncologici all’anno, di cui circa il 6-8% erano bambini. Attualmente, solo l’1-5% dei pazienti ha accesso a cure oncologiche adeguate. Si stima che un cessate il fuoco negli ospedali oncologici di Gaza aumenterebbe l’accesso alle cure oncologiche del 19-45%. (2,14)

Ostetricia

L’ultimo rapporto dell’Unicef del marzo 2024 stima che 50.000 donne e ragazze incinte a Gaza rischiano di perdere l’assistenza prenatale a causa di un parto senza elettricità o forniture mediche. Le possibilità di sopravvivenza sono diminuite in modo significativo sia per le madri che per i neonati a causa di tassi sconcertanti di malnutrizione e di cure prenatali e postnatali inadeguate. Attualmente, il 15-25% delle donne incinte ha accesso a strutture sanitarie con prodotti disponibili (MgSO4, antibiotici, uterotonici) per il parto, ma questa percentuale può scendere fino al 5-15% senza interventi. (14)

Nefrologia

Secondo una recente valutazione di Forensic Architecture, gli ordini di evacuazione dell’occupazione israeliana nella Striscia di Gaza hanno provocato un massiccio spostamento e una maggiore restrizione a trattamenti specifici, tra cui i centri di cura dei reni. Si stima che l’accessibilità dei pazienti all’emodialisi diminuirà del 35-45% se gli attacchi contro gli ospedali di Gaza continueranno. (1,14)

Leggi anche:  Il capo della Federcalcio palestinese accusa Israele per gli attacchi allo sport

Ferite da trauma

Si prevede che l’impossibilità di accedere tempestivamente ai centri traumatologici a causa della cessazione del funzionamento degli ospedali causerà 7.560 morti nei primi 3 mesi di un’ulteriore escalation. Entro 6 mesi, si stima che si verificherà un totale di 15.110 morti a causa dell’ulteriore distruzione dei restanti centri traumatologici di Gaza. (14)

Gestione delle condizioni croniche

Gli attacchi che hanno coinvolto il personale e le strutture sanitarie hanno reso i servizi ambulatoriali essenzialmente inesistenti, esacerbando quindi queste condizioni e causando morti evitabili secondarie ai continui attacchi al sistema sanitario. (14,19)

Ospedali rimasti fino ad oggi

Ospedale arabo Al-Ahli

Al 23 febbraio 2024, l’Ospedale Arabo Al-Ahli è l’unico ospedale funzionante nel nord della Striscia di Gaza. Ha continuato a fornire assistenza ai bambini sottopeso e malnutriti sotto il blocco israeliano, oltre ad altri servizi come il trattamento delle ustioni e la terapia occupazionale. Sebbene l’ospedale sia minimamente funzionante, le operazioni per curare adeguatamente i pazienti sono fortemente limitate dalla carenza di carburante e dalla capacità massima dei pazienti. Qualsiasi tentativo da parte delle forze israeliane di interrompere ulteriormente le operazioni o di rendere l’ospedale non funzionante potrebbe avere conseguenze devastanti per la salute.

Iniziativa per la salute a Gaza

In difesa dei restanti ospedali di Gaza

Data: 30/04/2024 Pagina 3

Per tutti i pazienti dell’ospedale e, in particolare, per le migliaia di pazienti e individui che rimangono nelle aree settentrionali di Gaza. (3)

Ospedale europeo di Gaza

L’European Gaza Hospital è uno degli ultimi centri traumatologici rimasti a fornire interventi chirurgici parziali ai pazienti e uno dei pochi centri in cui gli operatori umanitari sono in grado di eseguire interventi chirurgici. È già al massimo della capacità a causa dell’afflusso di pazienti che hanno cercato riparo dopo il bombardamento dell’ospedale Nasser. (19)

Ospedale Al-Awda

L’ospedale di Al-Awda è stato oggetto di numerosi attacchi, tra cui sparatorie indiscriminate e bombardamenti. Il Dr. Adnan Rami, capo del Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia, ha riferito che alcune donne incinte sono state uccise nel tentativo di accedere all’ospedale. Si prevede che l’escalation sui centri per le nascite di Gaza, tra cui Al-Awda è l’ultimo rimasto, comporterà una riduzione del 30% dell’accesso alle cure. (10)

Ospedale Mohammed Yousef Al-Najjar

L’ospedale Mohammed Yousef Al-Najjar è uno dei pochi ospedali rimasti che fornisce cure limitate per il cancro e la ginecologia, oltre a fungere da centro di dialisi principale.

Ospedale dei Martiri di Al-Aqsa

L’ospedale Al-Aqsa è l’unico ospedale situato al centro della Striscia di Gaza ed è la principale fonte di assistenza per i palestinesi che cercano rifugio. (18)

Ospedale da campo Jordan

Il Jordan Field Hospital è uno degli ultimi centri traumatologici a fornire interventi chirurgici parziali. Attualmente serve anche come fonte di rifugio per l’afflusso di sfollati palestinesi in seguito alle continue escalation. (12)

Ospedale del Kuwait

L’ospedale specializzato del Kuwait è un piccolo ospedale con una capacità estremamente limitata. È stato continuamente oggetto di incursioni israeliane e ad oggi offre solo servizi medici e gestione di base. (25)

Ospedale Kamal Adwan

L’ospedale Kamal Adwan rimane aperto per servire oltre 700.000 persone nel nord di Gaza, nonostante i pesanti bombardamenti nell’area. (15)

Leggi anche:  Abu Mazen chiede l'aiuto dell'Onu perché Israele lasci entrare gli aiuti umanitari dai valichi di Gaza

Ospedale Al Sahaba

L’ospedale Al Sahaba funziona in minima parte a causa degli attacchi in corso, ospita centinaia di sfollati palestinesi e offre servizi di maternità nell’area. A dicembre funzionava con soli tre medici in grado di praticare il parto cesareo ai pazienti. (27)

Iniziativa per la salute a Gaza

In difesa dei restanti ospedali di Gaza

Data: 30/04/2024 Pagina 4

Prevenzione di attacchi futuri

È assolutamente necessario proteggere gli ospedali rimanenti che sono già al massimo della capacità. Si stima che le conseguenze dell’inazione per preservare le operazioni rimanenti dall’escalation israeliana causeranno un totale di 19.030 morti evitabili tra febbraio e agosto 2024. (22)

“Permettere che questa violenza abbia luogo ha inviato un chiaro messaggio al mondo e alla comunità internazionale: la popolazione di Gaza non ha il diritto alla salute e ai determinanti critici della salute adeguati alla propria esistenza”.

Tlaleng Mofokeng, Relatrice speciale del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite (6)

Appello all’azione

Chiediamo alle istituzioni e ai leader internazionali di dare priorità alla protezione degli ospedali rimasti a Gaza. Dichiariamo la necessità che le restanti strutture sanitarie di Gaza siano classificate come entità protette in ogni circostanza, senza eccezioni, per evitare ulteriori aggressioni e devastazioni al fragile sistema sanitario di Gaza.

Giovedì 2 maggio 2024

In questo giorno, i membri dell’Iniziativa per la Salute di Gaza hanno ricevuto la devastante notizia che il loro amato collega Dr. Adnan Albursh, primario di chirurgia ortopedica presso l’Ospedale Al Shifa, è tragicamente morto sotto la custodia delle Forze di Difesa Israeliane in seguito alla sua detenzione avvenuta lo scorso dicembre mentre lavorava presso l’Ospedale Al-Awda, nel centro di Gaza.

Vorremmo cogliere questo momento per rendere omaggio al Dr. Adnan, che era ben noto per la sua costante dedizione ai suoi pazienti, ma soprattutto a Gaza. Dopo essersi laureato in medicina in Romania, aver fatto un tirocinio presso l’Islamic Hospital in Giordania e aver seguito una formazione come chirurgo ortopedico specializzato in medicina dello sport in Inghilterra, il Dr. Adnan avrebbe potuto esercitare la professione medica ovunque, ma ha scelto di tornare a Gaza. Qui, la sua eredità di fornire cure eccezionali a pazienti con ferite di guerra durante cinque diversi massacri dal 2005 è leggendaria. I suoi atti di eroismo sono ben noti alla popolazione e ai colleghi. Il Dr. Adnan è rimasto fedele al suo giuramento di curare e fornire un’eccellente assistenza medica fino a quando non ha avuto altra scelta. Quando è stato costretto a evacuare l’ospedale Al-Shifa durante uno dei numerosi attacchi alle strutture sanitarie, ha continuato a lavorare all’ospedale Al-Awda. Il Dr. Adnan Albursh è l’incarnazione di ciò che significa essere un operatore sanitario e sarà per sempre ricordato per i suoi atti di coraggio e compassione. Inviamo le nostre preghiere e le nostre condoglianze alla famiglia e agli amici del Dr. Adnan e alla popolazione di Gaza per questa grave perdita”.

Così il Rapporto. In memoria del dottor Adnan Albursh, morto in un carcere israeliano. La sua colpa era di essere medico e palestinese. Un palestinese di Gaza.

(prima parte, continua)

Native

Articoli correlati