Usa, la rivolta dei campus non è un fuoco di paglia: è la "Primavera studentesca"
Top

Usa, la rivolta dei campus non è un fuoco di paglia: è la "Primavera studentesca"

Quella protesta non è un fuoco di paglia. Quel “fuoco” si sta diffondendo in tutti i campus universitari americani. Non è un fuoco di paglia. È la “Primavera studentesca”. In nome della Palestina martoriata.

Usa, la rivolta dei campus non è un fuoco di paglia: è la "Primavera studentesca"
Manifestazioni pro Palestina nelle Università Usa
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

28 Aprile 2024 - 15.27


ATF

Quella protesta non è un fuoco di paglia. Quel “fuoco” si sta diffondendo in tutti i campus universitari americani. Non è un fuoco di paglia. È la “Primavera studentesca”. In nome della Palestina martoriata.  

Da dove tutto ebbe inizio

Lo ricostruisce, con grande equilibrio e precisione, Judy Maltz per Haaretz.

Scrive Maltz da New York: “Israele ha ritirato la maggior parte delle sue truppe da Gaza e un flusso costante di aiuti umanitari sta finalmente arrivando nella Striscia devastata.

Con il peggiore dei combattimenti tra Israele e Hamas alle spalle, perché ora, più che mai, le tensioni innescate dalla guerra stanno improvvisamente sfuggendo al controllo nei campus di tutta l’America?

È emerso che un evento a Washington, che non avrebbe nemmeno dovuto svolgersi in questo periodo, ha scatenato alcune delle più grandi proteste in tutto il Paese dai tempi della guerra del Vietnam.

L’evento che ha messo tutto in moto è stata un’audizione del 17 aprile al Congresso sui crescenti episodi di antisemitismo alla Columbia. Nemat Minouche Shafik, presidente dell’università, era stata inizialmente invitata a partecipare all’audizione tenuta dalla commissione per l’istruzione superiore della Camera a dicembre, insieme a tre suoi colleghi, i presidenti di Harvard, dell’Università della Pennsylvania e del MIT. Ha comunicato alla commissione che in quel periodo sarebbe stata fuori dal Paese e la data dell’audizione è stata riprogrammata per il 17 aprile.

La Shafik ha avuto quattro mesi per imparare dagli errori dei suoi colleghi, due dei quali hanno perso il lavoro a causa della loro disastrosa testimonianza. Affiancata dai copresidenti del Consiglio di amministrazione della Columbia e dal co-direttore della task force dell’università sull’antisemitismo, la Shafik si è preparata con molte delle risposte che la commissione controllata dai repubblicani voleva sentire. Ha riconosciuto che la Columbia non ha fatto un lavoro abbastanza buono nel reprimere l’antisemitismo le ha promesso di fare meglio.

Per evitare che la loro presidente rubasse le luci della ribalta alla loro lotta, i gruppi studenteschi filopalestinesi del campus sono entrati in azione poche ore prima che Shafik si imbarcasse sul suo volo per la capitale. Hanno piantato decine di tende sul prato est della Columbia senza ottenere i permessi necessari. Lo hanno chiamato “Gaza Solidarity Encampment”. E anche quando, più volte nel corso della giornata, è stato loro ordinato di andarsene o di subire un’azione disciplinare, sono rimasti fermi.

Dopo essere tornata a New York il giorno seguente, Shafik vide l’opportunità di dimostrare alla commissione del Congresso che faceva sul serio. Chiese aiuto al Dipartimento di Polizia di New York per sgomberare gli studenti. Più di 100 sono stati sospesi e arrestati in questa straordinaria repressione. Se Shafik sperava che le foto e i filmati degli studenti ammassati nelle camionette della polizia, con le mani legate dietro di loro, avrebbero spento la ribellione, hanno ottenuto l’esatto contrario.

Nel giro di poche ore, centinaia di studenti hanno occupato il prato ovest, proprio di fronte alla passerella. In pochi giorni hanno piantato di nuovo le tende. Dall’inizio della scorsa settimana, la Columbia ha limitato l’accesso al campus principale di Morningside Heights ai possessori di un documento universitario. Dopo gli arresti, centinaia di attivisti antisraeliani si sono radunati sul marciapiede di Broadway, appena fuori dai cancelli chiusi del campus, organizzando le loro proteste ad alta voce, a volte in coordinamento con gli studenti accampati all’interno.

Leggi anche:  L'Onu denuncia le uccisioni illegali israeliane in Cisgiordania: 528 palestinesi, 133 dei quali bambini

Ispirandosi alla Columbia, i gruppi studenteschi filopalestinesi di tutto il Paese hanno allestito i propri accampamenti in solidarietà con Gazaa, in barba alle regole universitarie. Negli ultimi giorni, il movimento è diventato internazionale, con la creazione di tendopoli in università lontane come l’Australia.

Mentre le proteste si sono diffuse in tutto il Paese, la repressione si è intensificata. Giovedì scorso la polizia avrebbe usato gas lacrimogeni per respingere i manifestanti alla Emory University di Atlanta. Mercoledì, le truppe statali sono state chiamate a contenere i manifestanti all’Università del Texas ad Austin.

Giovedì, l’Università della California del Sud ha annunciato la chiusura del campus fino a nuovo avviso e l’annullamento della principale cerimonia di laurea di quest’anno, dopo che quasi 100 studenti sono stati arrestati in seguito a scontri con la polizia del campus e la polizia di Los Angeles. Alla New York University, l’amministrazione ha eretto un muro di compensato per bloccare la piazza principale del campus, dopo che diversi manifestanti sono stati arrestati questa settimana, mentre ad Harvard il principale gruppo studentesco palestinese è stato espulso.

Il campus si sta preparando a un’altra possibile resa dei conti tra l’amministrazione e i manifestanti venerdì. Dopo che i manifestanti hanno ripetutamente ignorato l’ordine di smantellare il nuovo accampamento, martedì alle 22 la Shafik ha annunciato che avrebbe dato loro due ore di tempo per disperdersi o subire conseguenze. Si è diffusa la voce che questa volta intendesse chiamare la Guardia Nazionale. Centinaia di studenti si sono recati al campus nel cuore della notte, preparandosi a un possibile evento storico.

Verso le 3 del mattino, l’amministrazione ha prorogato la scadenza alle 8. Proprio mentre il tempo stava per scadere, è stata segnalata una svolta nelle trattative tra i leader studenteschi e l’amministrazione, e l’ultimatum è stato prorogato di altre 48 ore. Secondo l’amministrazione, i manifestanti hanno accettato di smontare le tende e di fare altre concessioni.

I manifestanti, nel frattempo, affermano di non avere intenzione di fare le valigie finché l’università non soddisferà le loro richieste di disinvestimento da Israele e non concederà l’amnistia a tutti gli studenti e ai membri della facoltà che sono stati sospesi o licenziati per aver partecipato alle proteste.

Shafik si trova in una posizione difficile. L’intervento della Guardia Nazionale o della Polizia di New York probabilmente alimenterebbe ulteriormente le fiamme. Potrebbe anche costare il posto al presidente, dato che molti membri della facoltà e del senato universitario sono furiosi per aver convocato la polizia nel campus la scorsa settimana.

D’altra parte, se consentirà ai manifestanti anti-israeliani – la cui retorica ha talvolta sconfinato nell’antisemitismo –  la sua autorità e sarà vista come una violazione della sua promessa di rendere la Columbia un luogo sicuro per gli studenti ebrei.

La scadenza delle 8.00 di venerdì è già passata. La Columbia non è ancora intervenuta per liberare il prato sud, come aveva minacciato. Questo non significa che non lo farà.

Potrebbe esserci un’altra ragione per cui tutto questo sta accadendo ora?

Di sicuro. È primavera, il clima si sta scaldando, gli alberi stanno fiorendo e chi non vuole stare all’aperto in questo periodo dell’anno? Non è una coincidenza che nel freddo pungente di dicembre, quando i presidenti di Harvard, Penn e MIT hanno affrontato un’interrogazione ostile al Congresso sull’antisemitismo nelle loro scuole, nessuno studente manifestante abbia piantato tende nel campus cercando di rubare la scena”, conclude Maltz.

Leggi anche:  Abu Mazen chiede l'aiuto dell'Onu perché Israele lasci entrare gli aiuti umanitari dai valichi di Gaza

E non è nemmeno una coincidenza che l’ultima volta che la polizia ha arrestato degli studenti alla Columbia sia stata in aprile, nell’aprile del 1968. La primavera è sempre una grande stagione per le proteste”, conclude Maltz.

Israele ha perso la “guerra dei campus”

È l’opinione, espressa sul quotidiano progressista di Tel Aviv, daEfrat Rayten .

Parlamentare, la Rayten dirige il caucus del Partito Laburista nalla Knesset.

Il 7 ottobre siamo stati colti di sorpresa dal punto di vista militare. L’8 ottobre abbiamo scoperto di essere una nazione meravigliosa con un governo non funzionante.

Ora il terzo grande fallimento si sta dispiegando davanti a noi in tutta la sua gloria: il fallimento delle relazioni pubbliche israeliane. È chiaro che il Paese avrà difficoltà a sopravvivere a un mandato sotto il governo di estrema destra.

Quello che è iniziato come un accampamento di studenti filopalestinesi alla Columbia University, dove la polizia di New York ha effettuato decine di arresti, si è rapidamente diffuso nelle università di tutti gli Stati Uniti e altrove. Abbiamo assistito a un’ondata di appelli come “Fate saltare in aria Tel Aviv e Israele”, “Radete al suolo Tel Aviv” e “I prossimi obiettivi di Al-Qasam”, riferiti ai manifestanti pro-Israele e all’ala militare di Hamas

L’evento di punta è stato quello della Columbia, che ha bloccato l’ingresso del professore israeliano di economia Shai Davidai, sostenendo che la sua sicurezza non può essere garantita. Sono immagini scioccanti che stentiamo a credere si stiano verificando nell’America del 2024.

È vero che gli Stati Uniti hanno dimostrato il loro forte sostegno a Israele questa settimana, quando il Senato ha approvato a grande maggioranza un pacchetto di aiuti. Ma le immagini dei campus, insieme alle tendenze a lungo termine dell’amministrazione, dei media e della società in generale, stanno mettendo a rischio questo sostegno.

Israele ha perso le università. Ciò è avvenuto nel corso di una lotta sociopolitica durata molti anni nella società americana, una lotta ampiamente radicata nei concetti e nella cultura progressista che hanno travolto i giovani americani. Questi concetti sono ampiamente diffusi nelle istituzioni accademiche e alla fine hanno cambiato l’inquadramento del conflitto israelo-palestinese. La nuova narrativa identifica il sionismo con l’oppressione e l’imperialismo, fino a negare il diritto all’esistenza di Israele e il legame del popolo ebraico con la Terra d’Israele.

Tutto questo, insieme al fallimento pluriennale delle pubbliche relazioni israeliane, che non hanno affrontato seriamente la questione, ha prodotto la situazione odierna: un mostruoso e finanziato appello alla distruzione di Israele.

Il declino del sostegno a Israele è visibile nei sondaggi condotti dal 7 ottobre tra gli americani di età compresa tra i 18 e i 24 anni: la metà esprime sostegno a Hamas e la maggior parte si oppone alla politica del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden nei confronti di Israele. Sono gli stessi giovani che nelle università d’élite ora sventolano cartelli “Dal fiume al mare” e invocano l’intifada.

Leggi anche:  L'appello di 350 Ong israeliane e palestinesi: costruire la pace attraverso la società civile

In futuro, potremmo vedere questi giovani al Senato, nei tribunali, nella leadership economica e persino alla Casa Bianca. È ovvio che la posizione antisraeliana/antisemita sta influenzando la politica degli americani, soprattutto in un anno elettorale in cui i candidati non possono ignorare i potenziali elettori.

Abbiamo visto il trailer della possibile perdita di sostegno un mese fa, quando gli Stati Uniti non hanno posto il veto su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva un immediato cessate il fuoco umanitario e il rilascio degli ostaggi senza condannare Hamas. Questo ha provocato una spaccatura nelle relazioni tra Stati Uniti e Israele che ha indotto l’Ufficio del Primo Ministro a cancellare una delegazione israeliana a Washington.

Israele si trova ora a un bivio nelle sue relazioni con gli Stati Uniti. L’amministrazione americana sta fornendo un sostegno militare straordinario, ma sta anche applicando sanzioni agli attivisti di estrema destra e ai leader degli avamposti illegali, con sanzioni in arrivo conto il battaglione ultraortodosso Netzah Yehuda, 

L’indebolimento del sostegno americano e la possibilità che questo rallenti il flusso degli aiuti sono un pericolo chiaro e presente per Israele. Gli ultimi mesi hanno dimostrato il grado di dipendenza dal sostegno diplomatico, economico e militare degli Stati Uniti e, nell’attuale delicata situazione di Israele, un indebolimento degli sforzi statunitensi è sufficiente a danneggiare seriamente la nostra difesa.

Il governo e l’establishment della difesa israeliani devono agire immediatamente per correggere la situazione; in realtà, avrebbero dovuto agire già da tempo. Le risorse dovrebbero essere convogliate per assumere le persone migliori – esperti di relazioni estere, in particolare di relazioni con Washington – e incaricarle di identificare le fonti di influenza. Anche se molto tardi, questi esperti riorienterebbero il dialogo americano.

Nel frattempo, invece di correggere le cose, imparare le lezioni e assumersi le proprie responsabilità come un leader, il ministro della Diaspora ha attaccato il presidente degli Stati Uniti. E il primo ministro, “Mr. Different League”, che per anni ha affermato di essere un genio delle relazioni estere, è impegnato – anche nell’arena internazionale – a fare pressioni per se stesso, non per il Paese.

Netanyahu deve immediatamente lavorare con i legislatori e i governatori statunitensi per promuovere una legislazione appropriata, stabilire relazioni con i donatori, lanciare un piano in collaborazione con l’amministrazione statunitense, combattere in modo creativo sui social media e rafforzare le organizzazioni ebraiche statunitensi, le comunità e gli amici di Israele.

In definitiva, il mondo vuole un Israele militarmente forte – ma democratico – che non collabori con gli esponenti dell’estrema destra Itamar Ben-Gvir e Bezael Smotrich. 

Il danno del “governo di piena destra” è quindi immenso anche dal punto di vista delle pubbliche relazioni. Se la leadership non verrà cambiata al più presto, quella di Biden potrebbe essere l’ultima amministrazione democratica a sostenere Israele”, conclude la parlamentare laburista.

Chiosa finale. La caduta dell’amministrazione Biden è uno dei sogni coltivati da Netanyahu. Lui tifa per il suo grande amico e sodale Donald Trump. E non fa nulla per nasconderlo. 

Native

Articoli correlati