Israele, il senso del governo "Nyet-anyahu"
Top

Israele, il senso del governo "Nyet-anyahu"

Un gioco di parola che racchiude un’analisi approfondita, accurata, puntuta, condotta da Amos Harel su Haaretz. 

Israele, il senso del governo "Nyet-anyahu"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

27 Aprile 2024 - 18.05


ATF

Nyet-anyahu

Un gioco di parola che racchiude un’analisi approfondita, accurata, puntuta, condotta da Amos Harel su Haaretz. 

Annota Harel: “L’ala di estrema destra del governo ha anche costretto Netanyahu a rifiutare completamente di portare avanti qualsiasi processo diplomatico per il governo post-bellico di Gaza, a causa del suo totale rifiuto di qualsiasi soluzione che includa una rappresentanza dell’Autorità Palestinese. Questa è una ricetta sicura per sprecare tutti i risultati ottenuti dall’Idf nei combattimenti a Gaza, come i generali hanno ripetutamente avvertito il governo. Nelle discussioni interne, gli ufficiali dell’Idf hanno espresso un ardente sostegno alla proposta di un’alternativa ad Hamas, ovvero un governo gazawi che includa l’Autorità Palestinese. Sostengono che nulla preoccupa Hamas più della perdita del controllo. Ma Netanyahu non è impressionato.

L’unica cosa che è disposto a prendere seriamente in considerazione è un piano di normalizzazione con l’Arabia Saudita. L’amministrazione Biden sta investendo enormi sforzi in questo senso, con l’obiettivo di ottenere un clamoroso risultato diplomatico entro l’estate (e quindi di porre fine ai combattimenti sia a Gaza che in Libano).

Ma anche in questo caso Netanyahu dovrà pagare in moneta palestinese, ad esempio ribadendo la sua accettazione di principio della soluzione dei due Stati. Di conseguenza, possiamo sicuramente aspettarci molte più esitazioni.

Il presidente del partito Yisrael Beiteinu, Avigdor Lieberman, sostiene che sono in corso energici sforzi americano-israeliano-sauditi per finalizzare un accordo di normalizzazione nel prossimo mese. Sospetta che questo sarà il biglietto con cui Netanyahu si presenterà alle elezioni anticipate, nel tentativo di deviare l’agenda dai fallimenti della guerra ai possibili frutti della pace.

Nel frattempo, non avendo né l’Arabia Saudita né l’operazione Rafah, il primo ministro sta cercando di capire come presentare alcuni risultati ai suoi sostenitori. Tra le possibilità che sono state menzionate di recente ce n’è una pericolosa: annunciare l’istituzione di un governo militare israeliano nel nord di Gaza.

Il segretario militare designato da Netanyahu, il Brig. Gen. Roman Gofman, ha recentemente diffuso un documento da lui redatto sull’argomento, come riportato dal canale televisivo Channel 13. Il governo e l’idf si sono affrettati ad annunciare l’istituzione di un governo militare israeliano nel nord di Gaza. Il governo e l’Idf si sono affrettati ad annunciare che Gofman ha scritto il documento da solo e che non rappresenta altro che la sua opinione personale.

Gofman, tra l’altro, ritiene che Israele avrà bisogno di tre brigate per controllare Gaza anche se Hamas sarà sconfitto. Il coordinatore delle attività governative nei territori, il Magg. Gen. Ghasan Alyan, ha stimato in tre divisioni il numero di uomini necessari. Anche se accettiamo la cifra più bassa, si tratterebbe di un pesante fardello sia per l’economia israeliana che per l’establishment della difesa.

Invertire l’ordine

Amos Hochstein, l’inviato speciale di Biden per la crisi in Libano e per un potenziale accordo di normalizzazione israelo-saudita, visiterà la regione la prossima settimana. Come riportato qui la scorsa settimana, l’amministrazione è consapevole che il suo piano originale è andato a monte. Washington sperava innanzitutto di ottenere un cessate il fuoco e di liberare gli ostaggi.

Leggi anche:  Israele scatenata a Gaza: altra notte di bombardamenti e uccisioni

L’ipotesi era che non appena si fosse raggiunta la calma nel sud, il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah, desideroso di porre fine al confronto, avrebbe colto al volo l’occasione. Hochstein avrebbe escogitato una qualche soluzione e la calma sarebbe tornata a nord, almeno per un po’.

Ma i colloqui indiretti tra Israele e Hamas si sono arenati e le ostilità a Gaza potrebbero continuare a lungo. Nel frattempo, i combattimenti lungo il confine libanese si sono intensificati dopo gli attacchi di Hezbollah con droni e missili contro i carri armati che hanno ucciso un ufficiale e ferito diverse decine di soldati. I combattenti di Hezbollah vengono uccisi ogni giorno, ma questo non sembra scoraggiare l’organizzazione.

Questo è il contesto in cui si inserisce il nuovo sforzo di Hochstein, che sembra avere l’obiettivo di invertire l’ordine: prima una soluzione politica che includa un cessate il fuoco e il ritorno dei rifugiati interni su entrambi i lati del confine.

Per Israele, il tempo scorre. Il nuovo anno scolastico inizierà all’inizio di settembre e le iscrizioni avverranno subito dopo la fine della Pasqua ebraica, la prossima settimana. Per migliaia di famiglie provenienti dalle comunità di confine del nord, questo è un periodo critico. Se non sanno se saranno in grado di tornare a casa in sicurezza, potrebbero iscrivere i loro figli altrove, dando il via a un silenzioso e disperato abbandono delle comunità di confine.

In un certo senso, il fallimento del governo con le comunità del nord è ancora più grave dei suoi errori nel sud. È stata creata un’agenzia per la ricostruzione del sud, guidata da un generale di brigata in pensione, Moshe Edri. Ma non esiste un ente simile nel nord, nonostante tutte le promesse.

I membri del gabinetto visitano raramente le comunità abbandonate vicino al Libano. Oltre a Gallant, l’unico ministro che ha visitato di recente la città di Metula, nel nord, è Chili Tropper del Partito di Unità Nazionale di Benny Gantz. Altri ministri affermano di non poter visitare la città per motivi di sicurezza.

Quindi l’esercito sta entrando in questo vuoto. Il capo del Comando Nord Ori Gordin ha iniziato a tenere incontri settimanali con i residenti locali. In un incontro con le persone evacuate dal Kibbutz Manara, una giovane donna che si era trasferita nella comunità con la sua famiglia poco prima della guerra ha chiesto a Gordin se dovesse firmare il suo mutuo. Le persone presenti all’incontro ebbero l’impressione che Gordin non fosse troppo ansioso di dare consigli in merito; la giovane donna procedette con il contratto.

Leggi anche:  Gaza, un'inchiesta dell'Onu ha accusato l'esercito israeliano di aver "sterminato" i palestinesi

Oltre all’evacuazione e all’incertezza, una delle maggiori difficoltà per la popolazione locale deriva dallo sforzo sistematico di Hezbollah di distruggere centinaia di case nelle comunità israeliane di confine. Alcuni sostengono che la decisione dell’IDF di evacuare i residenti dalla striscia lungo il confine dopo il 7 ottobre sia stata fonte di panico.

Secondo questa visione, se i residenti fossero rimasti nei kibbutzim e nei moshavim e nelle città di Metula e Kiryat Shmona, Hezbollah non li avrebbe bombardati per paura di danneggiare i civili. Si tratta di una questione controversa anche per l’IDF, ma i sostenitori dell’evacuazione sostengono che non c’era scelta. Si profilava la possibilità che Metula potesse diventare un’altra Be’eri o Kfar Azza.

Nell’ultimo mese si è verificato un cambiamento strategico quando l’Iran si è unito direttamente ai combattimenti dopo l’assassinio, attribuito a Israele, di una figura di spicco delle Guardie Rivoluzionarie, il Gen. Mohammad Reza Zahedi. Dopo questo omicidio mirato a Damasco, l’Iran ha risposto lanciando circa 350 missili e droni contro Israele. Secondo quanto riferito, la risposta israeliana ha incluso un colpo preciso su un componente vitale del sistema di difesa aerea S-300 che protegge gli impianti nucleari di Isfahan e Natanz.

Israele è orgoglioso di aver sventato l’attacco e di aver organizzato la diplomazia che sta condannando l’aggressione iraniana. Ma è impossibile ignorare la linea rossa che è stata oltrepassata e il prezzo limitato pagato dall’Iran. Non è certo che la risposta israeliana possa influenzare la decisione iraniana di lanciare un attacco simile o più grande in futuro.

Dal 7 ottobre, più di 400 persone sono state uccise sul lato libanese del confine, oltre a più di 1.000 feriti gravi. Almeno 53 civili sono tra i morti.

Hezbollah ha perso circa 290 combattenti; gli altri uccisi appartengono all’organizzazione sciita Amal e a terroristi di organizzazioni palestinesi. Come nel caso di Gaza, le operazioni di assassinio contro i leader di Hezbollah li fanno comportare come dei ricercati, per cui passano gran parte del loro tempo a cercare di nascondersi.

Ma non bisogna commettere errori: I risultati ottenuti dall’Idf non sono sufficienti per un cambiamento strategico. Al momento, Nasrallah sta segnalando che continuerà a lanciare razzi finché Israele attaccherà Hamas a sud. Non è successo nulla a livello militare o politico per fargli cambiare idea.

Una questione di legittimità morale

La lettera di dimissioni presentata lunedì dal capo dell’intelligence militare Aharon Haliva ha avuto due effetti. Ha aumentato la pressione sugli altri alti funzionari della difesa affinché si dimettano (i leader politici si comportano come se l’intera faccenda non li riguardasse). E ha sollevato nuovamente la questione se Halevi sia legittimato a decidere sulle prossime nomine di alto livello nell’Idf.

Come Haliva, Halevi ha ammesso la sua responsabilità per la disfatta del 7 ottobre poco dopo lo scoppio della guerra e ha lasciato intendere la sua intenzione di dimettersi. Non l’ha ancora fatto e ora si appresta a decidere le nomine, tra cui quella del prossimo capo dell’Intelligence militare. Un candidato per questo posto è il capo della Divisione Operazioni dello Stato Maggiore, il Brig. Gen. Shlomi Binder.

Leggi anche:  L'estremista di destra ebraico che vuole applicare le teorie di Hitler contro gli arabi parlerà in Australia

Possiamo aspettarci un sano dibattito, sia all’interno dell’Idf che tra i politici, sul fatto che Halevi abbia il diritto di prendere una decisione così delicata e sul possibile ruolo di Binder nella lenta risposta dell’Idf nell’aiutare le comunità assediate il 7 ottobre.

Gli uomini di Netanyahu hanno da tempo indicato l’esercito e lo Shin Bet – con Halevi e Bar in cima alla lista – come bersagli per sminuire le responsabilità del primo ministro. Anche il ministro delle Finanze Smotrich, sia perché manca completamente di autocoscienza sia perché ha scelto di ignorare il suo ruolo nel disastro, si scaglia ogni giorno contro l’esercito su questo tema.

Smotrich sostiene che Halevi non ha l’autorità morale per decidere chi sarà estromesso e chi sarà nominato. Afferma che è giunto il momento di aprire la strada a una nuova leadership dell’Idf e a un esercito crudele, come ha detto lui stesso.

In qualche modo, sia i politici religiosi-sionisti che i giornali della comunità raccomandano soprattutto ufficiali che indossano la kippa. Per Smotrich e i suoi, questa è un’opportunità per rimodellare l’esercito come carne della carne della comunità Hardali – ebrei nazionalisti ultraortodossi. Faranno uscire le donne dai carri armati, da Gaza e torneranno negli uffici, allentando ulteriormente la supervisione morale e disciplinare della guerra a Gaza e dell’occupazione della Cisgiordania.

I vertici militari sono attualmente tormentati da tre direzioni. In primo luogo, le critiche sono accompagnate da giustificati sensi di colpa per le loro prestazioni del 7 ottobre e precedenti. In secondo luogo, i politici stanno attaccando i generali per i loro scopi, ignorando il ruolo del governo nel disastro. In terzo luogo, è cresciuto il rischio di provvedimenti legali contro gli alti ufficiali israeliani all’Aia.

La Corte Penale Internazionale sta deliberando iniziative che individuerebbero gli alti ufficiali come potenziali criminali di guerra per il loro ruolo a Gaza. L’esercito è molto preoccupato, ma Netanyahu non ha affrontato la questione. Questa settimana ha organizzato una riunione sugli sviluppi, ma all’ultimo minuto non si è presentato e ha inviato il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Tzachi Hanegbi. Il Primo Ministro sembra più preoccupato per altri casi penali”, conclude Harel.

E per un siffatto premier, nostra chiosa finale, prolungare la guerra, a intensità variabile, è un’assicurazione sulla propria vita politica. Sua e del governo di estremisti di destra che ne fanno parte. E sullo sfondo, poi, c’è la speranza , tutt’altro che campata in aria, che a novembre torni alla Casa Bianca l’amico Donald. Netanyahu tifa Trump. Oggi più che mai. Con lui presidente, tutto gli sarà possibile. Prospettiva che fa rabbrividire. 

(seconda parte, fine).

Native

Articoli correlati