Israele è molto vicina a lanciare l'attacco militare a Rafah
Top

Israele è molto vicina a lanciare l'attacco militare a Rafah

Le forze di sicurezza israeliane si stanno preparando a iniziare l'operazione di terra a Rafah "molto presto", iniziando con una massiccia evacuazione di oltre un milione di palestines

Israele è molto vicina a lanciare l'attacco militare a Rafah
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Aprile 2024 - 12.41


ATF

Le forze di sicurezza israeliane si stanno preparando a iniziare l’operazione di terra a Rafah “molto presto”, iniziando con una massiccia evacuazione di oltre un milione di palestinesi. Lo ha riferito Kan 11, citando due funzionari americani, secondo quanto riporta il Jerusalem Post.

Secondo quanto riportato, nelle prossime quattro o cinque settimane i palestinesi dovranno evacuare nei complessi di tende allestiti dalle organizzazioni umanitarie internazionali. Il piano per l’operazione Rafah è stato presentato ai funzionari americani e ad altre agenzie nella regione, riporta ancora Kan.

Piano per l’operazione Rafah

Secondo il piano, l’operazione andrà avanti per fasi, sulla base di una divisione regionale della città di Gaza in aree definite. In ogni fase, l’IDF informerà la popolazione locale prima di avanzare in ciascuna area in modo che i civili possano evacuare prima che l’IDF si muova avanti.

Oggi l’IDF ha annunciato di aver reclutato due brigate di riserva per continuare la missione di difesa e attacco nella Striscia di Gaza sotto il comando della Divisione 99. La 2a Brigata di Riserva della 146a Divisione e la 679a Brigata di Riserva della 210a Divisione saranno trasferite dal nord di Israele, al confine con il Libano, alla Striscia di Gaza, scrive il Jerusalem Post.

Leggi anche:  Attacco israeliano a Rafah: gli sfollati sono già 360 mila

Opposizione degli Stati Uniti e negoziati sugli ostaggi

L’IDF ha approvato l’ultimo piano per l’operazione Rafah all’inizio di questa settimana, dopo che erano stati suggeriti tre piani precedenti. Il governo degli Stati Uniti ha espresso ferma opposizione ad un’operazione a Rafah senza un piano credibile per proteggere i civili.

Un funzionario ha dichiarato: “Ci stiamo preparando a stabilire un’operazione congiunta con gli Stati Uniti. Comprendiamo la preoccupazione, ma non potremo completare la missione senza entrare a Rafah, il che potrebbe anche contribuire ad alleviare la pressione sulla questione degli ostaggi”. Durante i preparativi per l’operazione di Rafah, secondo quanto riferito, i funzionari governativi continuano a discutere potenziali cambiamenti da parte di Israele nei negoziati per l’accordo sugli ostaggi per garantire l’avanzamento dell’accordo.

Native

Articoli correlati