Iran: quando un regime in crisi prova a far esplodere la polveriera mediorientale
Top

Iran: quando un regime in crisi prova a far esplodere la polveriera mediorientale

Iran, quando un regime alle prese con una grave crisi interna, politica, economica, sociale,  e internazionale, con una sempre maggiore dipendenza da Cina e Russia, prova a mascherare

Iran: quando un regime in crisi prova a far esplodere la polveriera mediorientale
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

23 Aprile 2024 - 14.28


ATF

Iran, ovvero quando un regime alle prese con una grave crisi interna, politica, economica, sociale,  e internazionale, con una sempre maggiore dipendenza da Cina e Russia, prova a mascherare con l’uso, peraltro inefficace, della forza militare un macroscopico deficit di strategia politica. In questa ottica, c’è una convergenza d’interessi tra gli opposti: come gli ayatollah iraniani, anche i falchi che governano Israele cercano di mascherare un vuoto di visione politica con la potenza di fuoco dispiegata a Gaza, accompagnata dalla retorica bellicista sulla “vittoria totale” contro i “nazisti di Hamas”.

Iran, il vuoto politico e le dipendenze internazionali

Di grande interesse, per la sua completezza e profondità analitica, è il quadro tratteggiato su Haaretz da Zvi Bar’el.

Annota Bar’el: “Le prime pagine della maggior parte dei giornali iraniani di giovedì riportavano immagini quasi identiche del leader supremo, Ali Khameini, seduto comodamente su una sedia ortopedica.

Davanti a lui, seduti in stile orientale o con le ginocchia rannicchiate, c’erano i vertici del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche e dell’esercito iraniano.

Si trattava di una riunione che Khamenei aveva convocato per esprimere il suo profondo ringraziamento all’esercito e all’IRGC e allo stesso tempo per cogliere l’occasione di incoraggiarli a “non dare nulla per scontato nemmeno per un momento, ad essere creativi nell’uso delle loro armi e a perfezionarsi nell’affrontare i nemici impiegando questa creatività”.

La sensazione di essere perennemente sotto minaccia è un tema costante della predicazione della Guida Suprema e trova eco nei media governativi e filogovernativi. La storia che racconta è che l’Iran si vede come un “grande paese circondato da nemici”, non diversamente da come si percepisce Israele, solo che è un paese piccolo.

Quando i responsabili della politica di difesa iraniana guardano al panorama politico che li circonda, vedono raggruppamenti di Paesi, alcuni dei quali mantengono normali relazioni con Teheran, ma sono comunque afflitti da sospetti e diffidenza.

Prendiamo ad esempio l’India e il Pakistan, entrambi dotati di comprovate capacità nucleari. Entrambi hanno buone relazioni con Teheran, ma dopo che l’Iran ha sequestrato la nave MSC Aries, in parte di proprietà israeliana, e ha minacciato la libertà di navigazione nello Stretto di Hormuz e nel Golfo Persico, l’India è entrata in allarme economico.

I membri dell’equipaggio indiano sono stati rilasciati, ma i commenti dei media indiani hanno messo in guardia dai danni che l’Iran aveva inflitto all’economia indiana e hanno suggerito di esaminare la natura delle relazioni di Nuova Delhi con Teheran.

Le relazioni tra Iran e Pakistan sono state tese a causa dei gruppi terroristici sunniti con sede in Pakistan che operano in territorio iraniano. Teheran ha accusato il Pakistan di incoraggiare attività sovversive nei suoi confronti.

Nel Golfo Persico, le navi della Marina statunitense trasportano armi nucleari. Il Qatar, che controlla insieme all’Iran il più grande giacimento di gas del mondo, ospita la più grande base militare statunitense in Medio Oriente.

A circa 1.500 chilometri a ovest si trova Israele, che secondo i media stranieri possiede anch’esso armi nucleari. Tutto questo si traduce in minacce da tutte le direzioni. Mentre Israele gode del sostegno militare, diplomatico ed economico americano, l’Iran non ha una superpotenza su cui poter contare nei momenti di difficoltà.

Leggi anche:  Iran: la morte di Raisi e la partita aperta nel regime ma a decidere resta la Guida Suprema

Questa settimana il sito web del giornale riformista Ettela’at ha pubblicato un’intervista a Morteza Ezzati, professore di economia all’Università Tarbiat Modares, in cui afferma che “lo sfruttamento dell’Iran da parte di Russia e Cina è intollerabile …. Il fatto che il governo sia inesperto significa che paesi come la Russia e la Cina possono garantirsi il massimo vantaggio dalla loro cooperazione con noi. Per noi questa è una situazione intollerabile”.

Ezzati – e non è l’unico – ritiene che il governo iraniano non solo non sia in grado di gestire la crisi economica del paese, ma che la sua politica estera sia inadeguata alla realtà internazionale e prigioniera dell’ideologia.

Così, mentre l’Occidente è solito vedere l’Iran come parte di un asse politico-militare con Cina e Russia, molti in Iran vedono le cose in modo diverso.

Nel 2020, la Cina e l’Iran hanno firmato un grandioso accordo di cooperazione economica e strategica da 400 miliardi di dollari per 25 anni, ma finora si è trattato di una festa di ospiti senza rinfresco.

L’Iran ha ricevuto circa 185 milioni di dollari di investimenti cinesi in un momento in cui la Cina ha investito più di 5 miliardi di dollari in Arabia Saudita.

Il parlamento iraniano si è arrabbiato per il divario enorme tra le grandi promesse e la realtà. A gennaio Teheran ha aumentato il prezzo del petrolio che vende alla Cina con uno sconto di 5-5,50 dollari al barile. La Cina non si è lasciata intimidire e ha ridotto drasticamente le quantità di petrolio acquistate dall’Iran.

Allo stesso modo, il progetto di punta iraniano della Cina, la mediazione che ha portato nel marzo 2023 l’Iran e l’Arabia Saudita a rinnovare le relazioni diplomatiche, non ha portato a nessun beneficio reale.

Riyadh non ha firmato alcun importante accordo di investimento o di sviluppo con l’Iran e, ovviamente, non c’è alcuna cooperazione in ambito militare.

Il rinnovo della normalizzazione con l’Arabia Saudita e, due anni fa, con gli Emirati Arabi Uniti, avrebbe dovuto fornire all’Iran un biglietto d’ingresso di lusso per il Medio Oriente arabo. L’Egitto avrebbe dovuto essere il grande premio. Ma gli egiziani, come i sauditi, non hanno avuto fretta di tagliare i nastri a Teheran.

Soprattutto dopo l’attacco iraniano a Israele, sventato in modo impressionante da Israele e dai suoi alleati, guidati dagli Stati Uniti, con la cooperazione militare della Giordania e l’intelligence di Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e altri paesi. Ma già prima di allora, l’Iran aveva capito che la sua appartenenza al “Club arabo”, nonostante il ripristino delle relazioni con i Paesi del Golfo, era condizionata. In occasione di un vertice congiunto islamico-arabo straordinario tenutosi a Riyadh lo scorso novembre per discutere degli aiuti a Gaza e di un cessate il fuoco, l’Iran non è riuscito a ottenere l’approvazione di una risoluzione che chiedeva aiuti militari per Hamas.

Leggi anche:  Chi era Ebrahim Raisi: il fondamentalista nemico della modernità e delle donne iraniane

Non è solo la Cina che l’Iran sa di non poter contare su un sostegno militare in caso di attacco: anche la Russia, nonostante la stretta collaborazione bilaterale, è un “paese sospetto”.

L’Iran, che ha venduto centinaia di missili balistici e droni alla Russia, ha firmato un accordo con Mosca per l’acquisto di aerei Sukhoi Su-35 e di elicotteri d’attacco MiG-28, oltre che di aerei da addestramento. Ma l’esperienza indica che la Russia non si affretterà ad effettuare le consegne.

Ad esempio, è passato molto tempo tra la firma dell’accordo per l’acquisto dei sistemi missilistici antiaerei russi S-300 e la loro effettiva consegna all’Iran.

Le relazioni tra Russia e Iran sono inoltre offuscate dalla giustificata sensazione dell’Iran di vedersi negati da Mosca i benefici economici in Siria a causa del suo sostegno al regime di Assad.

Il regime di Assad ha assegnato alla Russia concessioni di giacimenti petroliferi e lucrosi progetti di sviluppo infrastrutturale, mentre all’Iran sono rimasti i contratti per la costruzione di abitazioni, lo sviluppo di terreni agricoli e di terreni su cui costruire un terminale per gas e petrolio.

Lo scorso settembre, Hossein-Ali Haji-Deligani, un legislatore che è stato un membro di spicco dell’IRGC ed è un esponente del movimento conservatore, ha dichiarato al sito web Fars che “nonostante gli aiuti che abbiamo dato alla Siria, ci è stato assegnato solo un piccolo ruolo nella ricostruzione della Siria”. Invece, i paesi che sono stati la causa principale della guerra in Siria stanno guidando i progetti di ricostruzione”.

Si ritiene che la guerra in Siria sia costata all’Iran circa 50 miliardi di dollari e ancora oggi continua a fornire petrolio alla Siria a costo zero. La Russia non è solo un concorrente commerciale in Siria, ma permette anche a Israele di operare nello spazio aereo siriano contro obiettivi iraniani.

Mosca ha condannato l’assassinio di Mohammad Reza Zahedi, comandante della Forza Quds in Siria e in Libano, ma non ha parlato di porre fine al coordinamento delle azioni militari con Israele.

In Iraq, che, come il Libano, è considerato uno stato cliente dell’Iran, Teheran deve agire con grande cautela. Sebbene le milizie sciite filoiraniane godano di una notevole influenza politica grazie alle loro armi, il loro comportamento le ha rese oggetto di intense critiche da parte dell’opinione pubblica che a volte sono sfociate in violenti scontri.

Le milizie dispongono di ingenti fonti di finanziamento, riscuotendo tasse e tariffe, fornendo protezione alle imprese e agendo come partner del governo in grandi progetti infrastrutturali a spese delle imprese irachene. Inoltre, hanno diritto a gran parte del bilancio statale, poiché molte di esse fanno parte delle forze armate ufficiali.

Leggi anche:  E' morto il presidente iraniano Raisi, fatale lo schianto con il suo elicottero: morto anche il ministro degli Esteri

In tutto l’Iraq, ma soprattutto nel centro petrolifero di Bassora, di tanto in tanto scoppiano grandi proteste contro l’Iran, dove vengono bruciate immagini di Khamenei e di altri leader iraniani.

Nemmeno il comune sciismo dei due Paesi è sufficiente a garantire un sostegno integrato. Il più importante studioso di sharia (legge islamica) dell’Iraq, l’ayatollah Ali al-Sistani, si oppone al sistema di governo iraniano in cui un giurista guardiano è la guida politica suprema.

Sotto il patrocinio di al-Sistani operano milizie armate che rivaleggiano con quelle filoiraniane. Il prossimo anno si terranno le elezioni per il parlamento iracheno, in cui l’Iran investirà molte risorse per assicurarsi che si arrivi a un parlamento e a un governo di cui potersi fidare.

Si prevede che un giocatore chiave sarà Moqtada al-Sadr, il predicatore separatista che nel 2021 si è ritirato dalla politica, provocando violenti scontri tra i suoi sostenitori e altri, tra cui le milizie filoiraniane.

Al-Sadr avrebbe avuto di recente degli incontri con l’Ayatollah al-Sistani e in passato avrebbe protestato contro l’interferenza dell’Iran nella politica irachena.

Al-Sadr è noto per cambiare posizione (in passato ha aiutato un candidato filoiraniano a farsi eleggere in parlamento e a diventare primo ministro) ma l’Iran non può pensare che sarà sempre un alleato fedele.

Oltre alle pressioni regionali e internazionali che deve affrontare, l’Iran ha difficoltà a formulare una strategia per uscire dalla grave crisi economica in cui si trova.

“Quest’anno sarà l’anno in cui metteremo l’inflazione sotto controllo”, ha annunciato Khamenei all’inizio dell’anno fiscale nel marzo 2023.

Ma il bilancio statale approvato a questo scopo sembra più una fantasia che uno strumento realistico per risolvere la crisi.

In base ad esso, l’Iran avrebbe dovuto aumentare del 50% il gettito fiscale, che oggi si aggira tra il 40% e il 60% delle entrate statali, e aumentare la spesa del 40%, accelerare la crescita economica e ridurre l’inflazione, che oggi si attesta al 64%.

Il bilancio si basa sull’ipotesi che l’Iran venda 1,4 milioni di barili di petrolio al giorno a un prezzo medio di 85 dollari al barile. Ma questi numeri – in particolare l’aumento della riscossione delle tasse, che potrebbe provocare rivolte nelle strade – hanno poca base nella realtà.

Ora, con l’imposizione di ulteriori sanzioni economiche da parte dell’Occidente, le previsioni ottimistiche del bilancio si allontanano ulteriormente.

In assenza di potenze amiche che attenuino le minacce percepite dall’Iran, l’unica risorsa strategica del Paese continuerà a essere la minaccia militare che rappresenta, direttamente o attraverso i suoi proxy, nella regione. Detto questo, la deterrenza militare non può sostituire la stabilità economica e politica del paese”, conclude Bar’el. 

Una postilla è d’obbligo. Quando un regime è in crisi, e quello iraniano lo è certamente, per mantenersi al potere è disposto a tutto, anche a far esplodere la polveriera mediorientale. E lo stesso dicasi per chi governa oggi Israele. 

Native

Articoli correlati