I medici di Gaza salvano una bambina dal grembo di sua madre uccisa dagli israeliani mentre era incinta
Top

I medici di Gaza salvano una bambina dal grembo di sua madre uccisa dagli israeliani mentre era incinta

I medici di Gaza hanno salvato una bambina dal grembo di sua madre mentre giaceva morente per le ferite alla testa riportate in un attacco aereo israeliano.

I medici di Gaza salvano una bambina dal grembo di sua madre uccisa dagli israeliani mentre era incinta
La bambina salvata a Gaza dal grembo della madre uccisa
Preroll

globalist Modifica articolo

22 Aprile 2024 - 16.09


ATF

I medici di Gaza hanno salvato una bambina dal grembo di sua madre mentre giaceva morente per le ferite alla testa riportate in un attacco aereo israeliano. La ragazza è nata tramite un taglio cesareo d’urgenza in un ospedale di Rafah.

La donna, Sabreen al-Sakani, era incinta di 30 settimane quando la casa della sua famiglia è stata colpita da un attacco aereo. Sono morti anche suo marito, Shoukri, e la loro figlia di tre anni, Malak.

“Siamo riusciti a salvare la bambina”, ha detto a Sky News Ahmad Fawzi al-Muqayyad, un medico dell’ospedale kuwaitiano di Rafah. “La madre era in condizioni molto critiche. Il suo cervello è stato esposto, quindi abbiamo salvato uno dei due.”

Domenica il bambino giaceva dimenandosi e piangendo in un’incubatrice nell’unità neonatale del vicino ospedale degli Emirati. L’etichetta attorno al suo polso portava il nome della madre morta.

La bambina rimarrà in ospedale per tre o quattro settimane, ha detto domenica alle agenzie di stampa il dottor Mohammad Salama, capo dell’unità.

Leggi anche:  Mandato d'arresto per Netanyahu e il capo di Hamas, Bonelli: "Buona notizia, ora la Cpi lo ratifichi"

«Dopo vedremo se se ne andrà e dove andrà questa bambina, dalla famiglia, dalla zia o dallo zio o dai nonni. Ecco la tragedia più grande: anche se questa bambina sopravvive, è nata orfana”, ha detto.

La nonna della bambina, Mirvat al-Sakani, ha detto all’Associated Press che si sarebbe presa cura di lei.

“Lei è un ricordo di suo padre. Mi prenderò cura di lei”, ha detto. “Con loro c’era anche mio figlio. Mio figlio è diventato parti del corpo e non l’hanno ancora trovato. Non hanno niente a che fare con niente. Perché li prendono di mira? Non sappiamo perché, come? Noi non sappiamo.”

Native

Articoli correlati