I disperati di Rafah: oscurati dall'Iran, sacrificati nel patto scellerato tra Netanyahu e gli Usa
Top

I disperati di Rafah: oscurati dall'Iran, sacrificati nel patto scellerato tra Netanyahu e gli Usa

Dimenticati dalla comunità internazionale. Traditi dai fratelli-coltelli arabi (Arabia Saudita in primis) e musulmani (l’Iran).

I disperati di Rafah: oscurati dall'Iran, sacrificati nel patto scellerato tra Netanyahu e gli Usa
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

21 Aprile 2024 - 20.10


ATF

Dimenticati dalla comunità internazionale. Traditi dai fratelli-coltelli arabi (Arabia Saudita in primis) e musulmani (l’Iran). Oggetto di un “patto scellerato” tra i falchi di Tel Aviv e l’amministrazione Biden: contenere la ritorsione contro l’Iran in cambio di un sostanziale via libera americano per affondare il colpo a Rafah. 

Dolore e disincanto

Ne scrive su Haaretz Jack Khoury, tra i giornalisti israeliani più addentro alla realtà palestinese. 

“Mentre il mondo attende la risposta israeliana all’attacco dell’Iran 

o si chiede quando entreranno a Rafah, stanno distruggendo il nostro campo profughi”, ha scritto Aiman Al-Khafi, un residente del campo profughi Nuseirat di Gaza, sulla sua pagina Facebook, nel tentativo di ricordare che gli scontri persistono nella Striscia di Gaza.

Le sue osservazioni riflettono fortemente il diffuso senso di frustrazione e di grande delusione che si è diffuso a Gaza nell’ultima settimana a causa di due fattori correlati: lo stallo dei negoziati per il cessate il fuoco e l’attacco dell’Iran a Israele.

Un dipendente di una delle organizzazioni assistenziali controllate da Hamas ha dichiarato ad Haaretz che, per tutta la scorsa settimana, a Gaza c’era la speranza che la guerra si stesse avvicinando alla fine e che la pressione internazionale, soprattutto da parte degli Stati Uniti, avrebbe incoraggiato un cessate il fuoco graduale.

Ha detto che la sensazione si è rafforzata dopo il vertice dei rappresentanti dei paesi mediatori e dei capi dell’intelligence al Cairo e l’aumento degli aiuti umanitari che entrano a Gaza.

Inoltre, ha affermato che l’attacco iraniano e la risposta israeliana sono stati percepiti come un altro fattore che avrebbe intensificato la pressione per porre fine alla campagna, perché i gazawi credono che le potenze mondiali cercheranno di evitare un generale deterioramento regionale.

“Questo è il modo in cui abbiamo letto la mappa, che ha incoraggiato la popolazione a uscire per le strade, a passeggiare un po’ per i mercati, soprattutto durante l’Eid al-Fitr, e a lasciare le tende o i luoghi in cui sono stati espropriati e a pianificare di tornare a nord”, ha raccontato.

Leggi anche:  Gaza, il "Vietnam" d'Israele

“All’improvviso, l’illusione è crollata, i negoziati si sono arenati e ogni parte ha incolpato l’altra per il fallimento”. Ha aggiunto che, nonostante le aspettative che l’attacco iraniano avrebbe incoraggiato a calmare le acque, ha solo distolto l’attenzione da Gaza. “Negli ultimi due giorni si sono resi conto che la guerra crudele continuava, ancora bombardamenti, ancora corpi, distruzione, sangue e lacrime”, ha detto.

Negli ultimi giorni ci sono stati bombardamenti massicci nella Striscia di Gaza, soprattutto nella zona centrale e a Nuseirat. Interi edifici sono stati distrutti e decine di persone sono state uccise nella Striscia di Gaza.

N., un’attivista sociale, ha affermato che la maggior parte degli attacchi sono stati effettuati dall’aria. “È vero, non vediamo molti carri armati e soldati, ma la crudeltà non è diminuita. Quello che fa male è che i media sono meno interessati”, ha detto, aggiungendo che Israele ha sfruttato l’opportunità creata. “Gli è stato impedito di attaccare l’Iran, ma nessuno si è fermato dall’attacco a Gaza”.

Il giornalista Mahmoud Al-Amoudi, che si trova ancora nel nord della Striscia di Gaza, è stato filmato con in mano un falafel e ha dichiarato che questa è la prima volta in sei mesi che riesce a ottenere un pasto del genere.

“È un sogno che si è realizzato e forse c’è un motivo di speranza e un segno della fine della guerra”, ha scritto. Ma anche se nei mercati di Gaza ci sono apparentemente dei beni, la maggior parte delle persone non ha denaro.

Molti hanno iniziato a vendere oggetti personali, oro o gioielli, e coloro che non ne hanno più sono costretti a vendere oggetti domestici per guadagnare qualche decina o centinaia di shekel per comprare cibo. Altri, che non hanno più nulla da vendere, devono sperare di ricevere aiuti e pacchetti di cibo”.

La “comfort zone” d’Israele

Di cosa si tratti lo spiega molto bene, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Raviv Drucker. 

Leggi anche:  Gaza, nuova strage israeliana con 26 morti dopo un raid aereo: 15 erano bambini

Annota Drucker: “Siamo tornati nella nostra zona di comfort. “La colpa è di Hamas”, “Hamas ha rifiutato l’offerta”. Almeno questo è ciò che ha detto una “fonte diplomatica” in un briefing. È vero che a febbraio Hamas ha accettato un accordo a condizioni migliori ed è vero che ha indurito le sue posizioni. Ma perché allora Israele ha rifiutato l’offerta di Hamas?

Il peccato originale, ovviamente, è il rifiuto di Benjamin Netanyahu di permettere alle forze armate dell’Autorità Palestinese di entrare nel nord della Striscia di Gaza, appoggiate e sostenute da paesi arabi e non, sulla base della volontà di riprendere i negoziati diplomatici.

Ma anche se sono trascorsi due mesi inutili prima che Israele allentasse la sua posizione, dobbiamo verificare se la risposta di Hamas sia davvero un secco no, come presentato qui da attori con interessi acquisiti.

Prima di tutto, siamo scioccati, e giustamente, dal fatto che Hamas parli di 20 ostaggi vivi sui 40 che abbiamo contato. La “scomparsa” di altri 20 è esasperante, ma Hamas non ha mai affermato che i 40 ostaggi considerati “casi umanitari” fossero vivi e sotto il suo controllo.

Si trattava di negoziati che abbiamo condotto con noi stessi, e ora siamo delusi dal fatto che la realtà non sia in linea. In effetti, le stime di Israele non si discostano molto dai numeri citati da Hamas. E soprattutto, se questo è il numero degli ostaggi ancora in vita, non è meglio trovare un accordo ora, prima che il loro numero si riduca ulteriormente?

In secondo luogo, Hamas chiede che l’Idf si ritiri dai centri urbani. Qual è il problema? Non siamo nella maggior parte dei centri urbani e nessuno ci impedisce di tornarci dopo il completamento dell’accordo.

In terzo luogo, Hamas chiede che ogni gazawi possa tornare a casa propria. Non è una richiesta facile, ma in assenza di un’agenzia governativa alternativa nel prossimo futuro, prima o poi torneranno alle loro case, a meno che qualcuno non stia sognando di stabilire un insediamento sulle rovine di Gaza City.

Leggi anche:  Israele sfida la comunità internazionale e bombarda Rafah nonostante l'ordine di fermarsi dell'Aia

La “fonte diplomatica” ha riferito che Hamas vuole collegare la prima fase umanitaria dell’accordo alla seconda fase, che porta alla fine della guerra. Per quanto ne sappiamo, questa non è una precondizione per l’avvio dell’accordo. Israele può tornare in guerra dopo la prima fase, se sa cosa vuole ottenere in questo modo, a parte qualche altro mese di Netanyahu al potere.

Le richieste di Hamas si sono effettivamente inasprite, ma la vera domanda è se questo sia un buon accordo per Israele e la risposta è un sonoro sì. È sicuramente migliore dell’alternativa, per il semplice motivo che non c’è alternativa. Tutta la strategia di Israele si basa sull’attuazione di questo accordo, con una pausa per rinfrescare i combattenti e risolvere la situazione lungo il confine settentrionale.

Potrebbe essere una sorpresa, ma le intese raggiunte per risolvere la questione stanno progredendo molto più di quanto sembri. È già in corso un accordo tra Libano e Israele, con la mediazione degli americani. È difficile sapere se Hezbollah abbia davvero acconsentito, ma senza un cessate il fuoco a Gaza sarà difficile portare a termine questo processo.

Un alto membro del gabinetto si è sfogato con me di recente, citando critiche spesso sentite a porte chiuse. Perché il Mossad si occupa dei negoziati? In passato non era così. Nell’affare Gilad Shalit, c’era il servizio di sicurezza Shin Bet e un coordinatore speciale. Il motivo, ha detto questo alto funzionario, è solo perché il capo del Mossad risponde direttamente a Netanyahu, che si sente a suo agio con lui”, conclude Drucker.

Non c’entrano le capacità, l’esperienza maturata sul campo. Per “Bibi” conta la fedeltà, il sentirsi a proprio “agio” con chi ha di fronte a sé. L’importante è che non discuta i suoi ordini. Anche se essi mettono a rischio la sicurezza d’Israele. 

Native

Articoli correlati