Sanchez condanna la risposta 'sproporzionata' di Israele a Gaza e invoca uno stato di Palestina
Top

Sanchez condanna la risposta 'sproporzionata' di Israele a Gaza e invoca uno stato di Palestina

 La «risposta sproporzionata» di Israele a Gaza nella guerra contro Hamas rischia di «destabilizzare il Medio Oriente e, di conseguenza, il mondo intero»

Sanchez condanna la risposta 'sproporzionata' di Israele a Gaza e invoca uno stato di Palestina
Pedro Sanchez
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Aprile 2024 - 15.23


ATF

 La «risposta sproporzionata» di Israele a Gaza nella guerra contro Hamas rischia di «destabilizzare il Medio Oriente e, di conseguenza, il mondo intero». Lo ha affermato il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, intervenendo in Parlamento. 

Lo stato di Palestina

“La Spagna è pronta a riconoscere lo Stato palestinese”, ha annunciato mercoledì Pedro Sánchez al Congresso, prima di iniziare domani un nuovo tour europeo attraverso Polonia, Norvegia e Irlanda per continuare ad aggiungere alleati al suo obiettivo di promuovere il riconoscimento della Palestina come Stato. la prossima estate.

“Lo farò perché è giusto”, ha giustificato il presidente del governo, che in questa iniziativa è sostenuto da “una maggioranza sociale” in Spagna. “La comunità internazionale non potrà aiutare lo Stato palestinese se prima non riconoscerà la sua esistenza”, ha difeso.

Sánchez ha proclamato il suo ruolo in questa crisi in Medio Oriente. “Siamo stati noi che, fin dalle prime fasi del conflitto a Gaza, abbiamo chiesto a Bruxelles che fosse proclamato un cessate il fuoco nella Striscia. Quelli di noi che chiedono l’immediata apertura di corridoi umanitari e il mantenimento del sostegno all’UNRWA”, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi.

Leggi anche:  In Spagna torna a crescere la produzione di olio d'oliva: in prospettiva i prezzi sono destinati a scendere

“Quelli di noi che hanno proposto lo svolgimento di una conferenza internazionale per la pace. E quelli di noi che hanno difeso la soluzione dei due Stati come l’unico modo per israeliani e palestinesi di vivere in pace e sicurezza”, ha affermato.

Il capo dell’esecutivo ha sottolineato di essersi fatto carico di questo sforzo quasi da solo. “Pochissimi ci hanno accompagnato e alcuni leader, spagnoli ed europei, si vedono ancora oggi”, ha osservato. “Ma, fortunatamente, la maggioranza degli Stati membri ha aperto gli occhi e ha aderito alla nostra posizione, come era evidente nelle conclusioni dell’ultimo Consiglio europeo”, ha sottolineato.

“Si fa strada anche il nostro giusto appello per il riconoscimento dello Stato palestinese”, ha sottolineato Sánchez, prima di confermare che nelle prossime settimane continuerà questo sforzo con una serie di visite e appelli ad altri leader internazionali.

Sánchez ha tracciato un panorama geopolitico molto complesso e minaccioso: “La nostra area è sempre più instabile e conflittuale”, ha assicurato. La Russia di Vladimir Putin “ha intrapreso una deriva imperialista che ha già causato migliaia di vittime” in Ucraina. E a Gaza, dopo la “risposta assolutamente sproporzionata del governo israeliano all’attacco terroristico di Hamas”, il 7 ottobre 2023, “si sta verificando uno dei disastri umanitari più deplorevoli di questo secolo”, con già più di 33.000 morti palestinesi .

Leggi anche:  Madrid vieta a una nave che trasportava armi per Israele di attraccare in un porto spagnolo

E nel vicinato meridionale, ha aggiunto, “la situazione è altrettanto preoccupante”, con la regione del Sahel immersa in “una fase di instabilità senza precedenti”.

Native

Articoli correlati