L'Onu accusa ancora Israele di ostacolare la distribuzione di cibo e aiuti umanitari a Gaza
Top

L'Onu accusa ancora Israele di ostacolare la distribuzione di cibo e aiuti umanitari a Gaza

L’Onu ha affermato che Israele sta ostacolando la distribuzione di cibo nella Striscia di Gaza più di ogni altra forma di aiuto umanitario.

L'Onu accusa ancora Israele di ostacolare la distribuzione di cibo e aiuti umanitari a Gaza
Bambini a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Aprile 2024 - 14.22


ATF

L’Onu ha affermato che Israele sta ostacolando la distribuzione di cibo nella Striscia di Gaza più di ogni altra forma di aiuto umanitario.

“Le consegne di cibo coordinate dalle Nazioni Unite hanno molte più probabilità di essere ostacolate o negate l’accesso… rispetto a qualsiasi altra missione umanitaria”, ha affermato Jens Laerke, portavoce dell’Ufficio per il coordinamento degli affari delle organizzazioni umanitarie (Ocha), a Ginevra. .

Ciò significa, ha aggiunto, citando le statistiche di marzo, che “i convogli alimentari destinati a dirigersi soprattutto al nord, dove il 70% della popolazione versa in condizioni simili alla carestia, hanno tre volte più probabilità di essere rifiutati rispetto ad altri convogli umanitari.

Israele è sotto una crescente pressione internazionale affinché conceda maggiori aiuti nella Striscia di Gaza devastata dalla distruzione e minacciata dalla carestia, sei mesi dopo l’inizio della guerra innescata il 7 ottobre da un sanguinoso attacco del movimento islamico palestinese Hamas sul suolo israeliano.

Lo ha riferito martedì sul social network la Cogat, l’agenzia del ministero della Difesa israeliano responsabile per gli affari civili palestinesi.

Leggi anche:  Irlanda, Norvegia e Spagna riconoscono lo Stato di Palestina: Israele ritira gli ambasciatori dalle Capitali

“Solo 267 camion di aiuti sono stati distribuiti dalle agenzie umanitarie delle Nazioni Unite all’interno di Gaza (di cui 146 trasportavano cibo)”, ha aggiunto.

Il signor Laerke ha spiegato che questi confronti erano “privi di significato” per diverse ragioni.

“Prima di tutto, i camion ispezionati da Cogat sono generalmente pieni solo per metà. Questo è un requisito che hanno posto in essere”, ha detto, spiegando che una volta che questi camion vengono ispezionati vengono ricaricati dall’ONU per più della metà, e che è quindi normale che “i numeri non coincidano mai”.

“In secondo luogo, contare e confrontare giorno per giorno” i camion ispezionati e gli aiuti consegnati “non ha molto senso perché non tiene conto dei ritardi che si verificano” tra queste due fasi, ha aggiunto.

Questi ritardi sono causati in particolare dagli orari di apertura dei valichi di frontiera e dal fatto che Israele esige che “gli autisti e i camion egiziani non possano mai trovarsi nella stessa zona contemporaneamente agli autisti e ai camion palestinesi” che ritirano la merce, ha spiegato. disse.

Leggi anche:  Mandato d'arresto per Netanyahu e il capo di Hamas, Bonelli: "Buona notizia, ora la Cpi lo ratifichi"

La settimana scorsa Israele ha annunciato di voler consentire la consegna “temporanea” di aiuti a Gaza attraverso il porto israeliano di Ashdod, 40 km a nord di Gaza, e il valico di Erez nel sud del Paese.

Native

Articoli correlati