Israele in guerra: "per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti"
Top

Israele in guerra: "per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti"

Un incipit che calza perfettamente con le amare considerazioni di Yuli Tamir. La professoressa Tamir è presidente del Beit Berl Academic College ed ex ministra dell'Istruzione.

Israele in guerra: "per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti"
Peace now in Israele
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

8 Aprile 2024 - 12.43


ATF

“Per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti”. Così contava il grande Fabrizio De Andrè. Un incipit che calza perfettamente con le amare considerazioni di Yuli Tamir. La professoressa Tamir è presidente del Beit Berl Academic College ed ex ministra dell’Istruzione. È stata una delle fondatrici di Peace Now.

Quel limite varcato

Osserva la professoressa Tamir: “Creare una fame di massa è moralmente proibito e mina il diritto morale dello Stato di Israele di esistere. Ogni guerra giusta ha i suoi limiti e l’affermazione che il fine giustifica i mezzi è tanto maliziosa quanto errata.

Innumerevoli dibattiti filosofici hanno affrontato la questione dei limiti di ciò che è lecito da una prospettiva morale e utilitaristica. Ma anche se non c’è un accordo teorico su dove si trovi il limite, c’è un accordo generale sul fatto che ce ne sia uno.

Questo limite è la sofferenza umana. Gli esseri umani non sono destinati a causare sofferenza agli altri.

Noi israeliani dobbiamo agire ora per porre fine alla crisi umanitaria a Gaza che abbiamo contribuito a creare.

Il numero di morti palestinesi a Gaza è il più grande tabù di Israele. In fuga, a piedi nudi: Gli sfollati di Gaza vanno senza scarpe in una zona di guerra

Hamas ha superato questo limite il 7 ottobre. Non esistono giustificazioni per le orribili atrocità che ha commesso, per aver bruciato vive delle persone, per aver distrutto intere comunità – anche se la lotta per l’esistenza di una nazione indipendente per il popolo palestinese è una lotta giusta. Ecco perché Hamas sarà eternamente disonorato.

Ma anche il nostro governo e le azioni che oggi vengono commesse a nostro nome a Gaza. La situazione nella Striscia di Gaza ha superato ogni limite; una bandiera nera sventola sopra di loro e sopra di noi.

All’inizio di gennaio, Arif Husain, economista capo del Programma Alimentare Mondiale, ha dichiarato che l’80% delle persone che soffrono la fame in modo catastrofico vive nella Striscia di Gaza. “Non ho mai visto nulla di simile, sia in termini di scala, sia in termini di grandezza, ma anche per il ritmo con cui si è svolta la situazione”. La situazione a Gaza è unica rispetto ad altre crisi perché le persone che vivono a Gaza sono confinate nel territorio e non possono cercare cibo altrove.

Leggi anche:  Video delle soldatesse israeliane rapite da Hamas: accuse a chi ha riconosciuto lo stato di Palestina

A febbraio, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha dichiarato che “a Gaza si registrano livelli senza precedenti di insicurezza alimentare acuta, fame e condizioni simili alla carestia”. Un altro rapporto di marzo affermava che 670.000 gazawi soffrivano la fame e più di 870.000 erano in emergenza umanitaria. Il rapporto affermava che se la situazione non cambierà entro la metà di luglio, la metà dei residenti di Gaza soffrirà la fame. La fame di massa di esseri umani, bambini, donne e adulti, è inaccettabile.

La fame danneggia anche i nostri ostaggi, che soffrono la fame. E come possiamo lamentarci che gli ostaggi hanno fame quando lasciamo che centinaia di migliaia di persone soffrano di malnutrizione?

L’attuale leadership israeliana ci rende tutti complici. Siamo complici del fatto che le persone muoiono di fame e di sete, che si uccidono a vicenda per una fetta di pane, che mangiano cibo per uccelli e bevono acqua stantia. Siamo complici del fatto che gli operatori umanitari vengono uccisi durante l’azione più umana e morale possibile: distribuire pasti caldi.

Quando beviamo il caffè al mattino e scegliamo il tipo di latte che vogliamo (e se berlo in un bicchiere o in una tazza di carta), siamo complici della fame. Quando pensiamo alla tavola della Pasqua e all’Esodo dall’Egitto, siamo complici della fame. Quando discutiamo se servire il pesce alla marocchina o il pesce gefilte, siamo complici della fame. Anche quando dormiamo di notte, siamo complici.

Non dovremmo quindi chiederci perché il mondo ci condanna, perché i docenti israeliani non possono tenere lezioni all’estero, perché il mondo non vuole commerciare con Israele o visitare Israele, perché tutte le “brave persone” non ci accettano e non ci capiscono. Le azioni che vengono compiute oggi sono evidentemente atti immorali che minano l’identità morale dell’intero Stato di Israele e dei suoi cittadini.

Leggi anche:  Militari israeliani 'talpe' dei coloni di estrema destra: davano indicazioni sui convogli da assaltare

Dopo il 7 ottobre, molti israeliani hanno affermato che tutti i gazawi erano colpevoli perché avevano eletto Hamas ed erano complici del suo dominio. Hanno detto che non c’erano innocenti a Gaza perché i gazawi sapevano e hanno taciuto. In questo senso, come i gazawi siamo tutti complici.

Tutto questo non significa che loro o noi meritiamo di morire di fame, di essere uccisi da un razzo, da un coltello o da una bomba. Ma significa che siamo responsabili e che dobbiamo parlare contro un governo che ci rende complici contro la nostra volontà.

I buoni vacanza che molti di noi ricevono dovrebbero essere convertiti in cibo e trasferiti a Gaza, se non altro come dichiarazione personale e umana che si addice alla festività e allo spirito dell’ebraismo. Invieremo cibo e acqua a coloro che si trovano alla periferia dell’Egitto e che non hanno alcuna possibilità di riscatto. Siamo stati schiavi in Egitto – dovremmo sperare che questo ci abbia insegnato una lezione morale sulla libertà e sulla responsabilità”.

Una violenza unidirezionale

La descrive così Haaretz in un editoriale: “Nonostante tutti i tentativi di distorcere la verità e di creare una falsa simmetria, la violenza politica in Israele continua a essere unidirezionale: da destra contro sinistra. Non c’è abbastanza spazio sul muro per tutte le scritte e gli avvertimenti che questa minaccia fornisce e che si materializzano sempre: L’incitamento della destra uccide. È solo una questione di tempo.

Perché le ultime proteste anti-Netanyahu non sono ancora diventate un movimento di massa

Il responsabile di sabato sera è Haim Sirotkin, un allenatore di calcio di 52 anni, che ha investito i manifestanti a Tel Aviv mentre manifestavano contro il governo e a favore della liberazione degli ostaggi. Cinque di loro hanno riportato ferite lievi o moderate. Durante l’udienza per la libertà provvisoria, ha dichiarato che il pedale dell’acceleratore si è inceppato e che non aveva intenzione di investire nessuno. Ma ciò che sembra essergli rimasto impresso nella mente è l’incitamento e la divisione seminata dai leader della destra.

Il Ministro delle Comunicazioni Miri Regev ha fornito un esempio eccellente. Certo, ha condannato l’incidente, ma solo per poter diffondere una calunnia su coloro che protestano contro il Primo Ministro Benjamin Netanyahu. Li considera gli aggressori e Netanyahu la vittima. “Condanno la violenza da qualsiasi parte – questo grave incidente di stasera, i manifestanti che attaccano le forze di sicurezza e anche coloro che hanno cercato di entrare nella casa del primo ministro con torce accese”, ha twittato.

Leggi anche:  A Tel Aviv e in altri centri di Israele grandi manifestazioni per la liberazione degli ostaggi

Ma perché lamentarsi di Regev quando la persona di cui ha ripetuto le parole ha detto lo stesso con la sua voce durante la riunione di gabinetto di domenica? “Condanno ogni manifestazione di violenza tra di noi – disordini e violazioni della legge, l’investimento di manifestanti o l’aggressione di agenti di polizia, l’incitamento selvaggio alla violenza e all’omicidio sui social media”, ha detto Netanyahu. Quando paragona le manifestazioni democratiche all’investire i manifestanti, sta effettivamente dicendo che investire i manifestanti è lecito.

In questo governo, l’incitamento fa parte dell’agenda ufficiale. Il ministro David Amsalem continua a incitare contro il procuratore generale Gali Baharav-Miara, definendola “un nemico del popolo”. La scorsa settimana il deputato Galit Distel Atbaryan ha esortato Netanyahu a licenziare Barahav-Miara, affermando che “ogni giorno che rimane in servizio rappresenta un vero pericolo per la tua vita e per lo Stato di Israele”. Ed è meglio non sprecare parole per il recalcitrante figlio di Netanyahu a Miami.

Solo i tribunali sono autorizzati a decidere se Sirotkin è colpevole. Ma non abbiamo bisogno dei tribunali per sapere chi è il responsabile della diffusione del messaggio che il sangue dei manifestanti è a buon mercato: il blocco dell’incitamento, guidato dal capo incitatore Netanyahu, attraverso una macchina del veleno che opera senza sosta.

Netanyahu e i kahanisti del suo governo devono andarsene. Chiunque collabori con lui in un momento in cui continua a istigare i suoi seguaci contro le famiglie degli ostaggi e contro chiunque osi opporsi al governo più irresponsabile della storia di Israele, non può pretendere di avere le mani pulite quando l’incitamento finisce nel sangue e nella morte”.

Native

Articoli correlati