L'ex presidente della Corte Suprema e 600 giuristi: "Londra viola il diritto internazionale dando armi a Israele"
Top

L'ex presidente della Corte Suprema e 600 giuristi: "Londra viola il diritto internazionale dando armi a Israele"

Tre ex giudici della Corte Suprema, tra cui l’ex presidente della Corte Lady Hale, sono tra gli oltre 600 avvocati, accademici e giudici senior in pensione che avvertono che il governo del Regno Unito sta violando il diritto internazionale continuando ad

L'ex presidente della Corte Suprema e 600 giuristi: "Londra viola il diritto internazionale dando armi a Israele"
Lady Hale ex presidente della Corte Suprema britannica
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Aprile 2024 - 10.19


ATF

Tre ex giudici della Corte Suprema, tra cui l’ex presidente della Corte Lady Hale, sono tra gli oltre 600 avvocati, accademici e giudici senior in pensione che avvertono che il governo del Regno Unito sta violando il diritto internazionale continuando ad armare Israele.

In una lettera al primo ministro, i firmatari, che includono anche ex giudici della Corte d’appello e più di 60 KC, affermano che l’attuale situazione a Gaza è “catastrofica” e che, data la conclusione della Corte internazionale di giustizia (ICJ), Se esiste un rischio plausibile che venga commesso un genocidio, il Regno Unito è legalmente obbligato ad agire per prevenirlo.

La lettera di 17 pagine, che equivale anche ad un parere legale, è stata inviata mercoledì sera e dice: “Mentre accogliamo con favore le richieste sempre più energiche del vostro governo per la cessazione dei combattimenti e il libero ingresso a Gaza di assistenza umanitaria, allo stesso tempo per continuare (per citare due esempi sorprendenti) con la vendita di armi e sistemi d’arma a Israele e continuare a minacciare di sospendere gli aiuti del Regno Unito all’Unwra è significativamente inferiore agli obblighi del vostro governo ai sensi del diritto internazionale”.

Leggi anche:  L'estremista di destra Ben-Gvir vuole la Striscia di Gaza: via i palestinesi sì a insediamenti ebraici

Ciò avviene mentre i parlamentari conservatori hanno esercitato pressioni su Rishi Sunak affinché agisse dopo che sette operatori umanitari internazionali, tra cui tre cittadini britannici, sono stati uccisi da un attacco aereo israeliano a Gaza lunedì. Fonti del partito ritengono che il ministro degli Esteri, David Cameron, abbia spinto il governo a inasprire il suo approccio nei confronti di Israele, ma ha incontrato resistenza da Downing Street.

Tre esponenti conservatori e un ex ministro ora alla Camera dei Lord hanno affermato che il Regno Unito dovrebbe smettere di esportare armi in Israele dopo l’attacco aereo, mentre i risultati di un sondaggio YouGov, condotto prima dello sciopero, suggeriscono che il governo e i laburisti non sono al passo con l’opinione pubblica. sentimento, con una maggioranza di elettori – dal 56% al 17% – a favore del divieto delle armi.

La lettera chiede al governo di lavorare per un cessate il fuoco permanente e di imporre sanzioni “a individui ed entità che hanno rilasciato dichiarazioni che incitano al genocidio contro i palestinesi”. Si afferma che il ripristino dei finanziamenti all’Unrwa – che erano stati ritirati dopo le accuse ancora da fondare di Israele secondo cui 12 membri del personale dell’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi sarebbero stati coinvolti negli attacchi del 7 ottobre – è necessario per “l’effettivo ingresso e la distribuzione dei migranti”. mezzi di sussistenza per i palestinesi di Gaza e, per estensione, la prevenzione del genocidio”.

Native

Articoli correlati