Cosa possiamo aspettarci da Putin dopo il 'plebiscito' russo
Top

Cosa possiamo aspettarci da Putin dopo il 'plebiscito' russo

Putin, 'rinforzato' dal plebiscito che ha messo in scena, si prepara a una grande offensiva di primavera, a partire da una maggiore mobilitazione, perché serviranno più soldati.

Cosa possiamo aspettarci da Putin dopo il 'plebiscito' russo
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Marzo 2024 - 01.41


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

Putin, ‘rinforzato’ dal plebiscito che ha messo in scena, si prepara a una grande offensiva di primavera, a partire da una maggiore mobilitazione, perché serviranno più soldati. La distruzione di un elicottero in Transnistria, che probabilmente è solo una provocazione, è un tentativo di allarmare ucraini e occidentali per costringerli a tenere le truppe sul confine con la Moldavia e nella vicina regione di Odessa.

Se gli ucraini due anni fa sono riusciti a respingere gli attacchi a Odessa e soprattutto a Kiev e Charkiv, è perché sono riusciti a cogliere di sorpresa le lunghe colonne russe. L’esercito russo pensava di arrivare facilmente e non si aspettava assolutamente di rimanere intrappolato. Ma oggi, ovviamente, i russi stanno imparando.

La prossima offensiva su larga scala assomiglierà più a quella che abbiamo conosciuto ad Adviivka, ovvero ripetuti attacchi alle trincee saldamente difese, che purtroppo finiscono per arrendersi, perché l’esercito russo non ha alcun rispetto per la vita dei propri soldati, che sacrifica senza remore, oltre ad attaccare le trincee ucraine sotto una pioggia di bombe.

Leggi anche:  Putin silura il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale Patrushev e gli affida un incarico marginale

Di fronte a questo, l’Ucraina sta preparando e moltiplicando le linee di difesa, impegnata in giganteschi lavori di ingegneria civile sui 1.000 km del fronte. Ma se è solo questo, non basterà, perché la Russia è pronta a sacrificare decine di migliaia di uomini per sfondare le barriere. Ecco perché servono ancora più armi, armi più potenti, per scardinare le linee dei rifornimenti. E ancora più uomini, per assicurarsi una svolta.

Nel 1914-18 la Francia perse 1,4 milioni di soldati per 39 milioni di abitanti e la Russia 1,7 milioni di soldati per 159 milioni di abitanti, cessando di combattere nel 1917. Il 22 agosto 1914, 27.000 soldati francesi furono uccisi dalle sole mitragliatrici tedesche. Il che portò a un cambiamento radicale nelle tecniche di combattimento. I carichi ravvicinati delle guerre napoleoniche divennero estremamente rari nel XX secolo, con la notevole eccezione del D-Day e delle onde d’assalto cinesi in Corea del Nord alla fine del 1950 e in Vietnam 4 anni dopo, a Dien Bien Phu.

Leggi anche:  Il Cremlino conferma che le esercitazioni con armi nucleari volute da Putin si svolgeranno nei tempi previsti

La guerra di Corea, tra l’altro, è come potrebbe essere il conflitto nei prossimi mesi. O un’offensiva alternativa e seppellita nelle trincee. Nel 1950, l’invasore del Nord aveva iniziato a conquistare gran parte del Sud, fino a quando non venne salvato dalle Nazioni Unite. Il Nord si era poi ritirato sul confine cinese e poi l’intervento cinese aveva respinto massicciamente le truppe ONU, prima che potessero tornare alla linea di demarcazione originale.

L’aviazione nordcoreana era composta principalmente da piloti e aerei russi e l’artiglieria era cinese, come a Dien Bien Phu, cosa che non si aspettava assolutamente dallo Stato Maggiore francese quando scelse di trasformare una ciotola in un bastione. L’uso della bomba atomica era stato escluso da tutti e l’allora Armata Rossa sovietica raggruppò 5 milioni di soldati, mentre più di 3 milioni di soldati dell’Esercito Popolare di Liberazione avevano combattuto in Corea.

Premettere che la Russia non possa essere sconfitta, a mio avviso, indica scarsa competenza – ricordo che rimane un paese appena più popolato del Giappone e meno popolato di Germania e Francia messe insieme – ed è un insulto intelligenza e coraggio. D’altra parte, occorre potenziare massicciamente gli aiuti all’Ucraina, triplicare o quadruplicare la produzione di armi e munizioni, combattere le operazioni di destabilizzazione dei nostri paesi e ridurre drasticamente il campo di trasmissione dei telegrafisti di Mosca nei nostri media e in rete.

Leggi anche:  Putin silura il segretario del Consiglio di sicurezza nazionale Patrushev e gli affida un incarico marginale

La guerra? La guerra è odiosa, ma il problema è che quando qualcuno vuole farla a te, ed è ovviamente il caso di Putin, non c’è altro modo che vendicarsi di lui e considerare che la legge del più forte e del più cattivo è l’unica che valga: sognando che i paesi della NATO si spingano molto più lontano nel proteggere i cieli ucraini dai missili, assicurando il confine bielorusso, prendendosi cura dei feriti, tutto ciò che potrebbe permettere alle truppe ucraine di concentrarsi sul fronte

Native

Articoli correlati