Sanders chiede ancora alla Casa Bianca di non dare più armi a Israele
Top

Sanders chiede ancora alla Casa Bianca di non dare più armi a Israele

Il senatore Bernie Sanders ha esortato ancora una volta il governo degli Stati Uniti a fermare il trasferimento di armi a Israele, affermando su X che “non dovrebbero esserci più soldi per la macchina da guerra di Netanyahu”.

Sanders chiede ancora alla Casa Bianca di non dare più armi a Israele
Bernie Sanders
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Marzo 2024 - 10.34


ATF

Il senatore Bernie Sanders ha esortato ancora una volta il governo degli Stati Uniti a fermare il trasferimento di armi a Israele, affermando su X che “non dovrebbero esserci più soldi per la macchina da guerra di Netanyahu”.

Sanders, senatore indipendente del Vermont, negli ultimi mesi è diventato più apertamente critico nei confronti della guerra di Israele a Gaza e del sostegno militare americano a Israele.

L’appello dell’Arabia Saudita

l ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, il principe Faisal bin Farhan, ha affermato che qualsiasi potenziale azione militare israeliana a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, avrebbe ripercussioni pericolose, si legge in una dichiarazione del ministero degli Esteri. Intervenendo nella notte durante una sessione straordinaria dell’Organizzazione dei Paesi Islamici (OIC) tenutasi a Jeddah, il principe Faisal ha anche ribadito l’opposizione del Regno allo sfollamento dei palestinesi dal territorio. 

La sessione straordinaria si è tenuta per discutere della guerra in corso a Gaza tra Hamas e Israele, iniziata in ottobre. Più di 30.000 palestinesi sono stati uccisi dall’assalto israeliano, lanciato dopo gli attacchi guidati da Hamas che hanno ucciso 1.200 persone il 7 ottobre. Il ministro degli Esteri saudita ha affermato che un numero crescente di paesi sta spingendo per un cessate il fuoco immediato a Gaza e che il sostegno per uno stato palestinese indipendente sta crescendo.

Leggi anche:  Scozia-Israele di calcio femminile si giocherà a porte chiuse

 «Abbiamo notato uno sviluppo positivo nelle posizioni di alcuni paesi e una comprensione della portata del disastro. Abbiamo anche assistito ad un aumento del numero di paesi che chiedono un cessate il fuoco immediato. Inoltre, abbiamo sentito da diversi paesi la loro disponibilità in linea di principio a riconoscere lo Stato di Palestina», ha affermato il ministro. Il principe Faisal ha affermato che la creazione di uno Stato per i palestinesi consentirebbe loro di garantire i propri diritti, vivere in sicurezza e determinare il proprio destino.

Native

Articoli correlati