von der Leyen esclude di collaborare con gli 'amici di Putin": non vuole Salvini, Orban e Le Pen
Top

von der Leyen esclude di collaborare con gli 'amici di Putin": non vuole Salvini, Orban e Le Pen

Mercoledì Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha escluso di collaborare con gli “amici” del leader russo Vladimir Putin nel prossimo parlamento europeo

von der Leyen esclude di collaborare con gli 'amici di Putin": non vuole Salvini, Orban e Le Pen
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Febbraio 2024 - 16.21


ATF

Mercoledì Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha escluso di collaborare con gli “amici” del leader russo Vladimir Putin nel prossimo parlamento europeo, due giorni dopo aver annunciato che stava cercando un secondo mandato.

“Coloro che difendono i nostri valori contro gli amici di Putin, questi sono quelli con cui voglio lavorare”, ha detto la von der Leyen ai giornalisti a Bruxelles insieme al leader del suo Partito popolare europeo di centrodestra, Manfred Weber.

Secondo l’AFP, a von der Leyen è stato chiesto se, in caso di vittoria di un nuovo mandato, coopererebbe con una maggioranza parlamentare che includa i conservatori e riformisti europei di destra.

Pur sottolineando che le elezioni di giugno del blocco avrebbero cambiato la composizione dei gruppi politici nel Parlamento europeo, ha tracciato una linea rossa per quanto riguarda i partiti considerati filo-russi.

“È importante lavorare con gruppi filo-europei, filo-Nato, filo-ucraini, chiaramente sostenitori dei nostri valori democratici”, ha risposto. “Gli amici di Putin: impossibile”, ha detto.

Leggi anche:  Tassare i più facoltosi per un mondo meno inquinato: in tutti i sensi

I sondaggi suggeriscono che i partiti di estrema destra faranno grandi passi avanti nelle elezioni europee, arretrando i partiti di sinistra e di centrosinistra. Uno dei due blocchi di estrema destra del parlamento, Identità e Democrazia (ID), comprende una serie di partiti considerati favorevoli alla Russia. Tra questi il Raggruppamento Nazionale di Marine Le Pen in Francia e la Lega di Matteo Salvini in Italia.

Il secondo gruppo di destra, l’ECR, ha finora adottato una linea anti-Mosca, ma questa linea potrebbe attenuarsi se il partito Fidesz del leader ungherese filorusso Viktor Orbán si unisse a lui dopo le elezioni – come sta cercando di fare.

Native

Articoli correlati