Asset gonfiati: Donald Trump condannato a pagare 354 milioni di dollari
Top

Asset gonfiati: Donald Trump condannato a pagare 354 milioni di dollari

Il giudice Arthur Engoron ha emesso una sentenza contro Donald Trump e i suoi figli Donald Jr ed Eric, condannandoli a pagare una somma di 354 milioni di dollari in un processo civile a New York.

Asset gonfiati: Donald Trump condannato a pagare 354 milioni di dollari
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Febbraio 2024 - 22.27


ATF

Il giudice Arthur Engoron ha emesso una sentenza contro Donald Trump e i suoi figli Donald Jr ed Eric, condannandoli a pagare una somma di 354 milioni di dollari in un processo civile a New York. La sentenza è stata emessa per aver inflazionato i valori degli asset della loro holding familiare al fine di ottenere condizioni più favorevoli da parte di banche e assicurazioni.

Oltre alla multa di 354 milioni di dollari, Donald Trump è stato vietato per tre anni dal fare affari nello Stato di New York o assumere ruoli dirigenziali in qualsiasi azienda dell’area. I suoi figli, Eric e Don Jr, sono stati vietati dal fare affari a New York per due anni e condannati a pagare una multa di 4 milioni di dollari ciascuno.

Una nuova batosta giudiziaria per Donald Trump quindi, all’indomani della conferma del processo per il caso della pornostar Stormy Daniels. A prendere le redini del gruppo potrebbe essere ora Ivanka. Engoron ha invece annullato la sua precedente sentenza di settembre che ordinava lo “scioglimento” delle società di controllo della holding, spiegando che non è più necessario perché nominerà un “monitor indipendente” per supervisionare le attività della Trump Organization, che viene così in qualche modo commissariata. La decisione del giudice potrebbe inoltre privare il tycoon di tutte le sue riserve di cash, mentre è impegnato nella campagna per la nomination repubblicana. 

Leggi anche:  Trump ritiene Corte Suprema dell'Arizona si sia spinta troppo oltre nel reintrodurre la legge anti-abortista del 1864

Il legale di Trump: “Una palese ingiustizia”

 “Una palese ingiustizia”. Così uno degli avvocati di Donald Trump ha definito la condanna a pagare oltre 350 milioni di dollari per gli asset gonfiati nonché il bando per tre anni dal fare affari nello Stato di New York o ricoprire ruoli apicali. “New York non è più open for business”, ha attaccato il legale, secondo quanto riportato da Fox news. L’avvocato di Trump ha anche annunciato che l’ex presidente ricorrerà in appello contro la sentenza. “Sono stati compiuti errori catastrofici che speriamo la corte d’appello correggerà”, ha dichiarato il legale.

Native

Articoli correlati