Palestina: annientare un popolo è anche negargli l'istruzione, radendo al suolo scuole e università
Top

Palestina: annientare un popolo è anche negargli l'istruzione, radendo al suolo scuole e università

Secondo quanto riportato, nei 70 giorni precedenti le forze israeliane hanno utilizzato l'edificio universitario come base militare e centro di detenzione per interrogare i detenuti palestinesi prima di inviarli verso destinazioni sconosciute.

Palestina: annientare un popolo è anche negargli l'istruzione, radendo al suolo scuole e università
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

11 Febbraio 2024 - 16.59


ATF

Annientare un popolo è anche cancellarne l’identità. Negandone l’istruzione. Come? Bombardando e radendo al suolo scuole, università, arrestando docenti e studenti, chiudendo le università – quelle ancora non ridurre in macerie – per mesi per “motivi di sicurezza”. 

Quelli che Globalist presenta sono due contributi di straordinaria significanza, etica oltre che politica e professionale, di due donne israeliane coraggiose, impegnate nel campo dell’istruzione.

La prima riflessione, su Haaretz,  è di Anat Matar,  docente presso il dipartimento di filosofia dell’Università di Tel Aviv e membro del gruppo Academia for Equality.

l 17 gennaio, l’ultima università rimasta intatta nella Striscia di Gaza è stata bombardata e completamente distrutta. Le Forze di Difesa Israeliane hanno utilizzato grandi quantità di esplosivo e non hanno lasciato traccia dell’Università Israa, a sud di Gaza City.

Secondo quanto riportato, nei 70 giorni precedenti le forze israeliane hanno utilizzato l’edificio universitario come base militare e centro di detenzione per interrogare i detenuti palestinesi prima di inviarli verso destinazioni sconosciute.

Quindi è chiaro che l’edificio universitario non era considerato pericoloso. È anche chiaro che l’esplosione è avvenuta all’interno dell’edificio e non è stata opera di un attacco aereo.

L’Idf ha dichiarato che l’incidente è oggetto di indagine, come se si trattasse di un evento insolito. Ma un’occhiata al contesto più ampio dimostra che non c’è stato nulla di veramente eccezionale in questo caso per quanto riguarda la politica distruttiva portata avanti dal 7 ottobre. Questa politica è una continuazione – molto intensificata – della politica di Israele nei confronti del mondo accademico palestinese.

Per oltre 40 anni, le università palestinesi hanno subito sistematiche vessazioni da parte dell’occupante israeliano. In diversi periodi è stata ordinata la chiusura dei campus, mentre durante i periodi di “routine” è stato vietato l’invito di docenti ospiti, così come le partenze all’estero per corsi di formazione e conferenze. Le restrizioni alla circolazione in Cisgiordania hanno ostacolato gli studi e gli stessi studenti e i membri dello staff sono stati spesso arrestati.

A Gaza la situazione è sempre stata peggiore, soprattutto a causa del blocco e del divieto di importare materiali da costruzione per ricostruire le aule distrutte da ogni assalto israeliano. Questo si aggiunge alle restrizioni sull’importazione di libri e altro materiale didattico. Anche la cooperazione tra le istituzioni accademiche della Cisgiordania e di Gaza è stata fortemente limitata.

Questo impedisce agli studenti di Gaza di completare i corsi nelle università della Cisgiordania, che sono meglio attrezzate. Questi studenti hanno inoltre limitate opportunità di lasciare l’enclave per partecipare a conferenze o per approfondire gli studi. Più volte gli studenti hanno ottenuto borse di studio da prestigiose università in Europa e negli Stati Uniti per poi essere relegati nella prigione di Gaza.

Dal 7 ottobre tutto questo è peggiorato a dismisura. In Cisgiordania, le lezioni si tengono principalmente online e non c’è praticamente vita nei campus a causa dei blocchi stradali che sono stati eretti intorno a tutte le comunità della Cisgiordania mentre i coloni aumentavano la loro violenza. Molti docenti e studenti sono stati arrestati e molti sono stati sottoposti a detenzione amministrativa, ovvero a una detenzione senza processo.

La distruzione delle università di Gaza è iniziata con il bombardamento dell’Università Islamica nella prima settimana di guerra ed è proseguita con gli attacchi aerei all’Università Al-Azhar il 4 novembre. Da allora, tutte le istituzioni accademiche di Gaza sono state distrutte, così come molte scuole, biblioteche, archivi e altre istituzioni educative.

Noi accademici israeliani dobbiamo far sentire la nostra voce contro la distruzione dell’istruzione superiore di Gaza.

È importante notare che è stato distrutto fino alle fondamenta il principale archivio municipale di Gaza, con i suoi documenti storici, così come la biblioteca municipale e due sedi – a Beit Lahia e a Gaza City – della biblioteca in lingua inglese Edward Said. Anche gli edifici storici e i siti archeologici sono stati bombardati e i potenziali reperti sono andati perduti.

Oltre alla distruzione delle infrastrutture, centinaia di studenti e molti membri della facoltà sono morti nei bombardamenti. Secondo le fonti, almeno 94 docenti delle università di Gaza sono stati uccisi durante la guerra.

Leggi anche:  Gaza, giornata di sangue: 40 palestinesi uccisi dai raid israeliani e molti altri sotto le macerie

Recentemente è emerso che Fadel Abu Hein, un professore di psicologia dell’Università Al-Aqsa conosciuto a livello internazionale, era tra i morti. Era specializzato in traumi infantili e aveva condotto ricerche sui traumi subiti dai bambini di Gaza durante i frequenti bombardamenti. Secondo le notizie riportate, è stato colpito da un cecchino.

Alla fine di novembre, la casa a Jabalya del presidente dell’Università Islamica, il fisico Prof. Sufyan Tayeh, è stata bombardata; lui e i membri della sua famiglia sono stati uccisi. All’inizio di dicembre, un missile guidato ha ucciso lo scrittore, poeta e ricercatore Refaat Alareer, che insegnava letteratura e scrittura creativa all’università. Anche sua sorella e altri membri della famiglia sono stati uccisi.

La vita accademica palestinese è stata quasi completamente distrutta e avrà bisogno di molti anni per essere ricostruita. Se e quando ciò avverrà, saranno necessarie nuove attrezzature, la ricostruzione degli edifici universitari e, soprattutto, il ritorno dei membri della facoltà e degli studenti sopravvissuti. Molti di loro sono segnati emotivamente e fisicamente e alcuni hanno perso i genitori.

Coloro che sono rimasti si stanno riprendendo da mesi di sfollamento, perdita, fame e malattie. I palestinesi di Gaza parlano ripetutamente del senso di perdita per la distruzione delle case, che significa anche la perdita di libri e altro materiale didattico.

La vita intellettuale è la linfa vitale di ogni società. La società palestinese è nota per il suo alto tasso di persone con un’istruzione superiore. Nonostante l’isolamento, l’occupazione e il blocco nel corso degli anni, questa società ha prodotto intellettuali e scienziati molto apprezzati come il sociologo Salim Tamari, l’economista Jihad al-Wazir, la drammaturga e artista Ibtisam Barakat, il regista Elia Suleiman e il politologo Khalil Shikaki.

Alcuni accademici palestinesi chiave sono stati bersaglio di assassini, mentre altri sono stati arrestati e imprigionati. La storia insegna che la distruzione dell’istruzione superiore a Gaza e la metodica vessazione degli studenti in Cisgiordania non sono “danni collaterali”, ma fanno parte della politica israeliana di cancellare non solo l’infrastruttura fisica ma anche quella spirituale.

Le istituzioni accademiche israeliane non menzionano questa distruzione e le sue ramificazioni per il futuro della società palestinese e israeliana. Al contrario, tutti i loro annunci elogiano le azioni dell’esercito durante la guerra, senza sollevare il minimo dubbio sulla correttezza dei metodi. I direttori delle università condannano i gruppi di accademici all’estero che esprimono rabbia per la catastrofe che Israele sta seminando a Gaza, compresa la deliberata cancellazione della vita spirituale e culturale.

Credo che noi accademici israeliani dobbiamo far sentire la nostra voce contro la distruzione dell’istruzione superiore di Gaza e il danno alle altre istituzioni educative e culturali. Non dobbiamo rimanere in silenzio di fronte all’uccisione di massa di studenti e colleghi o all’arresto di massa di altri.

In qualità di accademici, ricercatori, docenti e studenti, è nostro dovere alzare la voce contro le uccisioni e le distruzioni per chiedere al governo responsabile di rendere conto del proprio operato e per salvare chi e cosa può ancora essere salvato”.

I tormenti di una madre

Rebecca Bardach è una scrittrice e attivista nel campo della società condivisa ebraico-araba ed è esperta di rifugiati, migrazione internazionale e sviluppo. Di origine americana, vive a Gerusalemme con la sua famiglia.

Questo è il suo emozionante racconto, sempre per il giornale progressista di Tel Aviv: “Io e mia figlia di 12 anni eravamo sedute in silenzio al buio, mentre la mettevo a letto. Di solito colleghiamo le sue lucine, che emanano una luce morbida e colorata. Ma non quella sera. Erano passati più di 100 giorni dal 7 ottobre, dall’inizio della guerra e soprattutto dalla cattura degli ostaggi, tra cui nostro cugino Hersh Goldberg-Polin, di 23 anni. Il buio ci avvolse.

“Come stai?” Le chiesi.

“Non sto molto bene”, mi rispose con un filo di voce.

Le misi un braccio intorno alle spalle e la strinsi forte a me.

“Come stai?” mi chiese.

“Sì”, risposi, “anch’io non sto molto bene”.

Si è rannicchiata nel mio abbraccio e, quasi sussurrando, mi ha detto: “Credo che nessuno stia tanto bene in questo momento”.

Leggi anche:  L'opera della street artist Laika contro il "genocidio" di Israele: "C'è bisogno di pace, a tutti i costi"

Infatti.

Tutti sono traumatizzati. E mentre tutto si trascina – gli ostaggi, gli sfollati, gli attacchi da Gaza, da Hezbollah e dagli Houthi, i cari che sono stati richiamati come soldati, i funerali, la morte e la distruzione a Gaza, l’incertezza su cosa significhi “il giorno dopo” e su quando o come ci arriveremo – il trauma si trasforma, si diffonde, cresce e si approfondisce.

Se i nostri occhi possono vedere l’enorme portata dell’atrocità, i nostri cuori possono contenere due dolori contemporaneamente?

Come possiamo contenere un dolore così profondo e implacabile?

Quando, nei primi giorni di guerra, le scuole sono riprese a Gerusalemme, io e l’insegnante di mia figlia abbiamo concordato che avrebbe dovuto incontrare lo psicologo della scuola, visto che nostra cugina era ostaggio di Gaza. Ma forse è meno semplice di così, perché la bambina frequenta Hand in Hand, una scuola ebraico-araba che fa parte di una rete di scuole di questo tipo nel paese. Si tratta di un’eccezione alla norma, in quanto le scuole in Israele sono tracciate in base a criteri di comunanza, per cui ebrei e arabi, ebrei religiosi e laici studiano separatamente.

E si dà il caso che lo psicologo della scuola sia arabo. Questo renderebbe più difficile per mia figlia parlare del 7 ottobre e di quello che è successo a nostro cugino? Essendo cresciuta nella scuola, non ci ha pensato. Quando è tornata a casa da scuola quel giorno, ha riferito che si erano incontrate, che la donna era gentile e che la loro conversazione era stata utile.

Quella sera la psicologa, che non avevo mai incontrato prima, mi contattò:

“Il mio cuore è con te.

Oggi ho parlato con tua figlia.

Voglio condividere il fatto che sono con te.

Se vuoi parlare sono disponibile”.

Il mio cuore è con te”.

Queste parole mi hanno riempito di lacrime per giorni.

E lei non è stata un’eccezione. Anche altri colleghi, colleghi genitori e amici arabi ci hanno contattato per comunicarci il loro orrore e il loro dolore per la nostra cugina. So che c’è chi ha avuto la sensazione che i propri alleati interconfessionali e intercomunitari si siano allontanati in questo momento di crisi, ma questa non è stata la mia esperienza. Mi sono sentita profondamente osservata. La loro empatia è stata un abbraccio che ha offerto un autentico conforto.

Questo è il potere dell’empatia. Vedere il dolore degli altri e sentire che il tuo dolore è visto. Eppure l’empatia sembra essere dolorosamente assente ovunque. Così tante persone – israeliani, palestinesi, persone estranee che urlano da bordo campo – sembrano incapaci di riconoscere che ci sono molteplici esperienze di questa guerra, e con esse molteplici traumi. Ognuno di essi è reale, ognuno è rilevante, ognuno deve essere affrontato.

In questo contesto, i cittadini arabi palestinesi di Israele si trovano in una posizione particolarmente complicata, poiché fanno parte sia della società israeliana che del popolo palestinese. Molti hanno parenti, amici e colleghi – sia arabi che ebrei – che sono stati tra le vittime e gli eroi del 7 ottobre e che sono gazawi o vivono in Cisgiordania. È più probabile che sentano le notizie sia dai media israeliani che dai social media palestinesi e arabi e da fonti di notizie come al-Jazeera.

Sono tra i pochi a vivere la sofferenza di entrambe le parti.

Per questo motivo, amici e colleghi arabi sia a Gerusalemme che in tutto il Paese mi parlano spesso dell’impossibile situazione in cui si trovano. Inorriditi dalle azioni di Hamas, ma sottoposti a continue pressioni per condannarle ripetutamente da parte degli ebrei israeliani; inorriditi dalla morte e dalla distruzione a Gaza, ma costretti al silenzio per paura di essere percepiti e penalizzati come sostenitori di Hamas. Questa combinazione di empatia vietata ed empatia richiesta non può che amareggiare e allontanare.

Questa sfida alle relazioni tra ebrei e arabi all’interno della società israeliana è più sentita in quegli spazi che sono integrati, per scelta o per difetto. Ed è proprio in questi spazi che le persone si impegnano di più per trovare la propria strada, perché la quotidianità della vita spinge ad andare avanti – insieme.

Leggi anche:  A Gaza è strage continua: 8 morti nei raid di Israele su Rafah e Jabalia 

Spesso le persone chiedono a mia figlia, con la fronte aggrottata e un certo tono, “Come va a scuola?”. Ovvero, nella sua scuola dove ebrei e arabi studiano insieme. Vivere in un terribile conflitto violento rende molti incapaci di immaginare una relazione intercomunitaria motivata dalla collaborazione.

Ma lei è abituata a questo tipo di domande, con i suoi aspetti parlati e non parlati. Per lei una buona giornata è determinata da due cose: ridere molto con i suoi amici e imparare qualcosa di interessante. E per lei questo è la maggior parte dei giorni, sia prima della guerra che dopo.

Un giorno difficile, quando la sua tristezza per un nostro cugino tenuto in ostaggio a Gaza era troppo grande da contenere, ha iniziato a piangere in silenzio nel bel mezzo di una lezione. In seguito, i suoi amici, ebrei e arabi, si sono precipitati da lei, l’hanno abbracciata e l’hanno presa in braccio per unirsi a loro in un gioco. Mi rendo conto di quanto tutto questo sia prezioso.

Ovviamente la guerra influisce sulle cose. Alcuni insegnanti, genitori ed ex alunni ebrei sono stati chiamati alle armi. Un insegnante ebreo ha una famiglia tenuta in ostaggio a Gaza; un insegnante arabo ha un ex studente ebreo tra quelli liberati dalla prigionia di Hamas. Un genitore ebreo ha dei cari che sono stati massacrati il 7 ottobre; un genitore arabo ha dei cari che sono stati uccisi negli attacchi aerei a Gaza. Ognuno va in giro con il proprio dolore personale. Discutere apertamente di tutto non è sempre facile o del tutto fattibile in ogni circostanza.

Tutti si preoccupano di ciò a cui i nostri figli sono esposti e del futuro che li attende. Come si fa a costruire una società condivisa basata su idee di accettazione reciproca, uguaglianza e dialogo quando questo tsunami di guerra, violenza e odio minaccia di spazzarci via tutti? Ma ogni mattina bambini e insegnanti si presentano a scuola. Imparano matematica e letteratura e fanno lezione di ginnastica. Come sempre, imparano l’ebraico e l’arabo e le festività ebraiche, musulmane e cristiane. A volte parlano della guerra o di come la stanno affrontando. So che ogni fascia d’età viene affrontata e trattata in modo diverso e, soprattutto, ci si concentra su un luogo che nutra i bambini. Ma ogni giorno la comunità scolastica di Hand-in-Hand trova il modo di affrontare, o condividere, e a volte di annaspare, nell’incomprensibile situazione che ci circonda.

Qui, venire a scuola è un impegno esistenziale quotidiano per capire come vivere insieme.

Mentre cerchiamo tutti di cavarcela in questo inferno in cui ci troviamo, l’empatia sembra un misero strumento con cui lavorare. Come può contrastare l’orribile violenza che ci sta travolgendo?

Eppure, quando parlo con amici e colleghi arabi, l’esperienza di connettersi, condividere, vedere, ascoltare ci permette di comprendere le esperienze vissute dagli altri.

Questo non è sufficiente a risolvere tutto da solo – nessuno di noi si illude. Ma è un primo passo essenziale per fare leva sulle altre cose di cui c’è disperatamente bisogno.

Il mio cuore è con te. Queste parole non sono state solo un conforto, ma un dono di fede – fede nella nostra comune umanità. L’empatia è importante. Gli atti di solidarietà arabo-ebraica che sono così straordinariamente evidenti nella scuola e nella comunità condivisa di cui fa parte la mia famiglia e nei più ampi circoli della Società Condivisa che ho conosciuto grazie ad essa, sono l’effetto dell’empatia al lavoro. È sia l’ancora necessaria per rimanere a terra nella tempesta, sia la luce di cui abbiamo bisogno per continuare a lavorare per qualcosa di migliore”.

Rebecca Bardach. Anat Matar. La speranza di un futuro di dialogo e di riconoscimento reciproco, non solo politico, statuale ma anche e per certi versi soprattutto culturale, passa per persone come loro. E ce ne sono ancora, nonostante tutto, in Israele. In Palestina.

Native

Articoli correlati