Biden irritato con Netanyahu che ascolta più gli estremisti di destra che la Casa Bianca
Top

Biden irritato con Netanyahu che ascolta più gli estremisti di destra che la Casa Bianca

Il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e altri alti funzionari statunitensi sono sempre più irritati dal primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e dal suo rifiuto di accettare la maggior parte delle recenti richieste

Biden irritato con Netanyahu che ascolta più gli estremisti di destra che la Casa Bianca
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Gennaio 2024 - 01.34


ATF

Il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e altri alti funzionari statunitensi sono sempre più irritati dal primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e dal suo rifiuto di accettare la maggior parte delle recenti richieste dell’amministrazione relative alla guerra a Gaza.

Lo scrive Axios, citando quattro funzionari statunitensi con conoscenza diretta della questione.

«La situazione fa schifo e siamo bloccati. La pazienza del Presidente sta finendo», ha detto ad Axios un funzionario americano. «In ogni frangente, Netanyahu ha puntato il dito su Biden», ha detto ad Axios il senatore Chris Van Hollen, che è stato in stretto contatto con i funzionari statunitensi sulla guerra.

«Stanno supplicando la coalizione di Netanyahu, ma veniamo schiaffeggiati in faccia più e più volte». Biden non avrebbe più parlato con Netanyahu dal teso colloquio del 23 dicembre scorso, che Biden concluse con parole secche: «Questa conversazione è finita». Prima che Biden riattaccasse, Netanyahu aveva respinto la sua richiesta che Israele rilasciasse le entrate fiscali palestinesi che sta trattenendo.

Oltre alla questione delle entrate fiscali, Biden e i suoi consiglieri ritengono che Israele non stia facendo abbastanza per consentire l’arrivo degli aiuti umanitari a Gaza. Sono anche irritati dalla riluttanza di Netanyahu a discutere seriamente i piani per il dopoguerra e dal suo rifiuto del piano statunitense per un’Autorità Palestinese riformata che abbia un ruolo nella Gaza post-Hamas.

Leggi anche:  I professori del Morehouse College di Atlanta divisi sulla laurea honoris causa a Biden

I funzionari statunitensi sono ora sempre più preoccupati che Israele non rispetterà il suo calendario per la transizione verso operazioni a bassa intensità a Gaza entro la fine di gennaio, in particolare nella città meridionale di Khan Younis. Se Israele non ridurrà significativamente le sue operazioni a Gaza probabilmente – scrive Axios – diventerà sempre più difficile per Biden mantenere lo stesso livello di sostegno alla campagna militare israeliana. Pur ammettendo che è «inverosimile» pensare che Netanyahu possa accettare un accordo che apra la strada verso uno Stato palestinese, i funzionari statunitensi affermano di voler presentare una visione alternativa a quella che molti temono sarà una guerra senza fine a Gaza.

Nel frattempo, anche l’amministrazione Biden pensa a lungo termine e mantiene aperti i canali con altri attori politici in Israele. Durante la visita della scorsa settimana, Blinken ha tenuto un incontro separato con il ministro del gabinetto di guerra Benny Gantz, che secondo i sondaggi interni probabilmente vincerebbe facilmente le elezioni israeliane se si tenessero oggi. Blinken ha anche incontrato il leader dell’opposizione Yair Lapid e il ministro della Difesa Yoav Gallant, il principale rivale di Netanyahu all’interno del partito Likud del primo ministro.

Leggi anche:  Biden dice che Israele a Gaza ha usato le armi Usa senza mitigare i danni ai civili

Per ora, Netanyahu sembra «più disposto ad ascoltare» i ministri ultranazionalisti del suo governo – vale a dire Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich – che «ciò che dice il presidente degli Stati Uniti», ha detto il senatore Van Hollen ad Axios

Native

Articoli correlati