Il tour della disperazione: Israele ordina ai palestinesi di andare via da Khan Younis
Top

Il tour della disperazione: Israele ordina ai palestinesi di andare via da Khan Younis

Israele ha lanciato un nuovo avvertimento ai palestinesi della città meridionale di Khan Younis affinché si allontanino dalla linea di fuoco e si avvicinino agli aiuti umanitari

Il tour della disperazione: Israele ordina ai palestinesi di andare via da Khan Younis
Preroll

globalist Modifica articolo

18 Novembre 2023 - 09.25


ATF

Dopo aver ordinato agli abitanti di Gaza Nord di andare a sud (a piedi e senza un posto dove andare) di andare a sud tra un bombardamento e l’altro, ora i palestinesi devono spostarsi anche da sud in una sorta di tour della disperazione.

Israele ha lanciato un nuovo avvertimento ai palestinesi della città meridionale di Khan Younis affinché si allontanino dalla linea di fuoco e si avvicinino agli aiuti umanitari, nell’ultima indicazione che intende attaccare Hamas nel sud di Gaza dopo aver sottomesso il nord, riferisce Reuters.

“Chiediamo alle persone di trasferirsi. So che non è facile per molti di loro, ma non vogliamo vedere i civili coinvolti nel fuoco incrociato”, ha detto venerdì a MSNBC Mark Regev, assistente del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Una mossa del genere potrebbe costringere centinaia di migliaia di palestinesi fuggiti a sud dall’assalto israeliano a Gaza City a trasferirsi nuovamente, insieme ai residenti di Khan Younis, una città di oltre 400.000 abitanti, peggiorando una terribile crisi umanitaria.

Leggi anche:  Israele-Yemen, cui prodest?

Israele ha lanciato volantini su Khan Younis dicendo alle persone di evacuare nei rifugi, suggerendo che le operazioni militari erano imminenti.

Regev ha detto che le truppe israeliane dovrebbero avanzare nella città per cacciare i combattenti di Hamas dai tunnel sotterranei e dai bunker, ma che non esiste una simile “enorme infrastruttura” nelle aree meno edificate a ovest.

“Sono abbastanza sicuro che non dovranno spostarsi di nuovo” se si spostassero verso ovest, ha detto, riferendosi alle persone della zona.

 Chiediamo loro di trasferirsi in un’area dove si spera ci siano tende e un ospedale da campo.

Poiché le aree occidentali sono più vicine al confine di Rafah con l’Egitto, gli aiuti umanitari potrebbero essere portati “il più rapidamente possibile”, ha detto Regev.

Native

Articoli correlati