Trump incriminato per le carte segrete sottratte dalla Casa Bianca
Top

Trump incriminato per le carte segrete sottratte dalla Casa Bianca

L'ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato incriminato per aver detenuto documenti segreti conservati a Mar-a-Lago e che sarebbero stati sottratti dalla Casa Bianca.

Trump incriminato per le carte segrete sottratte dalla Casa Bianca
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Giugno 2023 - 12.26


ATF

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato incriminato per aver detenuto documenti segreti conservati a Mar-a-Lago e che sarebbero stati sottratti dalla Casa Bianca.

L’annuncio è stato fatto personalmente dal tycoon, il quale è stato citato in giudizio e dovrà comparire martedì al tribunale di Miami alle 15:00 per rispondere a sette accuse. Trump ha commentato dicendo: “Questo è un giorno oscuro per l’America; siamo un Paese che sta affrontando un declino serio e rapido”, denunciando un presunto tentativo di “interferire nelle elezioni” con la “bufala degli scatoloni”.

Le accuse

 L’ex presidente degli Stati Uniti è stato accusato formalmente dal Dipartimento della Giustizia nel quadro delle indagini sui documenti classificati trovati nell’estate 2022 nella sua residenza privata a Mar-a-Lago, in Florida. Fra le accuse ci sarebbe anche la violazione dell’Espionage Act per aver trattenuto volontariamente documenti legati alla difesa nazionale e non averli consegnati ai responsabili. Le indagini sono state coordinate dallo staff del consigliere speciale Jack Smith, nominato dal dipartimento della Giustizia, e da due gran giurì basati a Washington e in Florida.

Leggi anche:  Trump invoca il voto degli Evangelici e promette di proteggere i cristiani dalle discriminazioni negli Usa: ma quali?

Il primo caso nella storia Usa

 Donald Trump diventa così il primo ex presidente nella storia americana ad affrontare accuse federali. Accuse che, secondo il New York Times, mettono gli Stati Uniti in “una posizione straordinaria, dato che Trump non solo è un ex presidente ma è anche il front runner alla nomination repubblicana alle elezioni 2024 che potrebbe trovarsi ad affrontare Joe Biden, la cui amministrazione sta ora cercando di incriminarlo”.

La replica: “Con la bufala degli scatoloni interferiscono nel voto”

 “Vanno contro un presidente popolare” con la “bufala degli scatoloni. Questa è un’interferenza nelle elezioni al livello più alto. Sono un uomo innocente”: cosi’ Donald Trump in un video postato su Truth interviene sull’incriminazione per le carte segrete portate via dalla Casa Bianca. “Vogliono distruggere la mia reputazione perché vogliono vincere le elezioni”, osserva. E lo speaker della Camera, il repubblicano Kevin McCarthy, sostiene che sia “inconcepibile per un presidente incriminare un candidato che lo sfida. Joe Biden ha tenuto documenti classificati per decenni”.

Leggi anche:  Progressisti, liberali, conservatori: un 'Fronte Popolare' per evitare che Trump torni alla Casa Bianca

L’inchiesta

 L’indagine sulle carte segrete di Trump è iniziata nel 2021, quando gli Archivi nazionali hanno notato che l’ex presidente non aveva consegnato tutti le carte all’uscita della Casa Bianca. Ne è partito un contenzioso sfociato poi nella perquisizione dell’Fbi a Mar-a-Lago lo scorso anno e, ora, nell’incriminazione.

Native

Articoli correlati