La donna che ha accusato Biden di violenza sessuale vuole chiedere la cittadinanza russa
Top

La donna che ha accusato Biden di violenza sessuale vuole chiedere la cittadinanza russa

La donna che ha accusato Joe Biden di violenza sessuale durante la corsa alle presidenziali del 2020 è apparsa martedì a Mosca, dove ha dichiarato di voler chiedere al Presidente Vladimir Putin la cittadinanza russa.

La donna che ha accusato Biden di violenza sessuale vuole chiedere la cittadinanza russa
Tara Reade che ha accusato Biden di violenza sessuale
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Maggio 2023 - 16.44


ATF

La donna che ha accusato Joe Biden di violenza sessuale durante la corsa alle presidenziali del 2020 è apparsa martedì a Mosca, dove ha dichiarato di voler chiedere al Presidente Vladimir Putin la cittadinanza russa.

Tara Reade, che ha lavorato nell’ufficio congressuale di Biden per un breve periodo nel 1993, ha detto di voler rimanere in Russia dopo che un legislatore repubblicano le ha detto che era in pericolo fisico.

In un’intervista in streaming con il gruppo Sputnik, Reade, 59 anni, ha dichiarato di essere arrivata in Russia come turista. Tuttavia, ha dichiarato: “Quando sono scesa dall’aereo a Mosca, per la prima volta dopo molto tempo mi sono sentita al sicuro, mi sono sentita ascoltata e rispettata”.

All’inizio del 2020, la Reade ha fatto parlare di sé affermando che l’allora senatore Biden l’aveva aggredita sessualmente in un corridoio di Capitol Hill nell’agosto del 1993, quando aveva 29 anni. La sua accusa è arrivata proprio mentre Biden stava intensificando la sua campagna contro il presidente in carica Donald Trump, che a sua volta ha dovuto affrontare accuse di abusi sessuali e stupri.

Leggi anche:  Eid: Biden chiede l'accordo sul cessate il fuoco per salvare i civili dagli orrori della guerra

Biden ha negato categoricamente le sue affermazioni. “Non è vero. Dico inequivocabilmente che non è mai, mai successo”, ha detto. La Reade ha detto di aver presentato una denuncia dopo il presunto incidente, ma non è stata trovata alcuna traccia.

Ma in un documento giudiziario del 1996 si legge che l’ex marito ha menzionato che lei aveva denunciato molestie sessuali mentre lavorava nell’ufficio di Biden. Non è chiaro se le sue accuse siano mai state oggetto di un’indagine formale.

Reade, che si definisce un’analista geopolitica, ha dichiarato nell’intervista a Sputnik che, dopo aver reso pubbliche le sue accuse nel 2020, è stata minacciata di prigione, di morte e di essere stata definita un’agente russo.

Seduta accanto a Maria Butina, una legislatrice russa arrestata e imprigionata a Washington nel 2018 come presunta spia, Reade ha detto all’intervistatore di aver “sempre amato la Russia”.

“Non vedo la Russia come un nemico, né lo vedono molti dei miei concittadini americani”, ha detto.

Leggi anche:  Biden dà all'Ucraina la priorità: via libera per nuovi sistemi di difesa aerea Patriot e i missili intercettori

Aveva una “grande” richiesta. “Vorrei chiedere la cittadinanza russa al Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin”, ha detto. “Prometto di essere una buona cittadina”, ha detto, aggiungendo che vuole anche mantenere la sua cittadinanza statunitense.

Native

Articoli correlati