Putin in crisi pensa ad allungare la settimana lavorativa ed è bufera
Top

Putin in crisi pensa ad allungare la settimana lavorativa ed è bufera

La settimana lavorativa russa rischia di subire una significativa estensione a causa del contesto economico generato dalla guerra in Ucraina.

Putin in crisi pensa ad allungare la settimana lavorativa ed è bufera
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Maggio 2023 - 15.35


ATF

Le sanzioni alla Russia indeboliscono chi le fa e favoriscono Putin? No. La settimana lavorativa russa rischia di subire una significativa estensione a causa del contesto economico generato dalla guerra in Ucraina. L’idea di passare a una settimana lavorativa di sei giorni è stata ampiamente dibattuta sia sui social media che sui mezzi di comunicazione ufficiali, mettendo in primo piano l’Associazione “Avanti”, un gruppo di imprenditori che promuove lo sviluppo del patriottismo aziendale.

I promotori di questa proposta hanno notato che fino al 2014, prima dell’imposizione delle sanzioni occidentali, l’economia russa aveva registrato una crescita costante. Tuttavia, negli ultimi anni, le pressioni si sono moltiplicate. “Il nostro sistema finanziario ed economico ha ancora bisogno di ulteriori investimenti”, sottolinea l’Associazione “Avanti”, facendo riferimento al periodo della Seconda Guerra Mondiale in Russia, quando si lavorava sei o addirittura sette giorni alla settimana per far fronte alle sfide economiche dell’epoca.

Gli imprenditori sostengono che i lavoratori russi, in passato, hanno contribuito con il loro impegno a far progredire il paese durante periodi difficili. Una volta superate tali difficoltà, la settimana lavorativa di cinque giorni è stata reintrodotta nel paese. Tuttavia, ora si ritiene che il contesto economico attuale richieda un ritorno a una settimana lavorativa più lunga, in modo da affrontare le sfide economiche e sostenere lo sviluppo del paese.

Leggi anche:  Il Cremlino conferma che le esercitazioni con armi nucleari volute da Putin si svolgeranno nei tempi previsti

Ma le opinioni sono divise su questo argomento. Il capo della commissione della Duma per il lavoro, la politica sociale e gli affari dei veterani, Yaroslav Nilov, ritiene che una settimana lavorativa di sei giorni possa portare a una diminuzione della produttività del lavoro, la salute dei lavoratori sarebbe a rischio. E in generale, secondo il deputato, un simile esperimento può portare all’effetto opposto: danneggiare l’economia. Del suo stesso avviso è il senatore Andrey Klishas, presidente della Commissione del Consiglio della Federazione per la legislazione costituzionale e la costruzione dello Stato.

C’è poi un aspetto chiaramente concettuale: l’idea della settimana lunga è inscindibilmente legata al “subbotnik” e dunque a Lenin per i russi: Vladimir Ilich gli dedicò infatti il suo famoso articolo “La grande iniziativa”, che descriveva come nel caos della guerra civile i “subbotniki” erano percepiti come espressione di un nuovo atteggiamento comunista nei confronti del lavoro. Ma Lenin è quella parte del passato sovietico che l’attuale Cremlino ha deciso di rimuovere, proprio perché resta inscindibilmente collegato a un altro concetto: quello della Rivoluzione, ovvero un’onda sovversiva che da sempre Vladimir Putin e il suo cerchio ristretto cercano di scongiurare.

Leggi anche:  Il Cremlino conferma che le esercitazioni con armi nucleari volute da Putin si svolgeranno nei tempi previsti

Alcuni osservatori non hanno mancato di notare poi che la settimana più lunga è in conflitto con l’idea di Dmitry Medvedev di una transizione graduale a una settimana lavorativa di 4 giorni. E sarebbe un segnale di “attacco ideologico” degli uomini d’affari contro il vicepresidente del Consiglio di sicurezza.

Particolarmente negativa è anche la reazione della squadra dell’oppositore in carcere Aleksey Navalny. “Una certa ‘Associazione per lo sviluppo del patriottismo imprenditoriale in Russia, Avanti’ ha avviato il passaggio a una settimana lavorativa di sei giorni” scrive in un post sui social. “La stessa frase ‘patriottismo imprenditoriale’ evoca un sorriso sarcastico: il capitale non ha patria. Nel presidio dell ‘associazione ci sono persone estremamente lontane dall’imprenditorialità, come il deputato Yevgeny Fedorov, combattente contro il colonialismo e gli alieni. Il presidio dell’associazione’, che chiede la violazione dei diritti del lavoro dei cittadini, è particolarmente piccante per l’appartenenza ad esso dell’ex deputato della Duma di Stato del Partito Comunista della Federazione Russa Pavel Dorokhin: questi sono i ‘comunisti’ che ora siedono in parlamento”.

Leggi anche:  Il Cremlino conferma che le esercitazioni con armi nucleari volute da Putin si svolgeranno nei tempi previsti

Ma a dare uno spaccato verosimile del Paese è il vicepresidente della Duma di Stato Boris Chernyshov: “metà del paese (almeno) ha lavorato per noi sette giorni su sette nell’ultimo anno. E tali proposte sono errate e innervosiscono solo le persone. L’industria della difesa, e quasi l’intera industria, lavora sette giorni su sette e 24 ore su 24.

I militari, i volontari, i dottori: tutti lavorano sette giorni su sette. Adesso c’è carenza di personale nel Paese e affinché le imprese lavorino su tre turni, la maggior parte dei dipendenti lavora sia sei che sette giorni alla settimana”.

In sostanza l’iniziativa non è popolarissima. Secondo un sondaggio diffuso oggi da un’agenzia di stampa russa e condotto dal servizio Superjob, l’82% dei russi si è espresso contro. Solo l’8% degli intervistati approva l’introduzione del termine di sei giorni. In merito è stato chiesto lunedì anche un parere al portavoce del presidente russo Dmitri Peskov: la risposta è stata che il Cremlino non ha una posizione. “No, nessuna”, ha risposto Peskov.

Native

Articoli correlati