Silenzio della comunità internazionale, cinismo israeliano, tradimento dei "fratelli arabi": così muore Gaza
Top

Silenzio della comunità internazionale, cinismo israeliano, tradimento dei "fratelli arabi": così muore Gaza

Gaza muore, Nel silenzio complice della comunità internazionale. Nel disinteresse dei “fratelli coltelli” arabi. Gaza muore per i calcoli interni del governo più a destra della storia d’Israele.

Silenzio della comunità internazionale, cinismo israeliano, tradimento dei "fratelli arabi": così muore Gaza
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

15 Maggio 2023 - 19.26


ATF

Gaza muore, Nel silenzio complice della comunità internazionale. Nel disinteresse dei “fratelli coltelli” arabi. Gaza muore per i calcoli interni del governo più a destra della storia d’Israele.

Gaza muore

A darne conto sono due delle firme più autorevoli del giornalismo israeliano, profondi conoscitori della realtà palestinese e degli arabi israeliani: Jack Khoury e Odeh Bisharat.

Scrive Bisharat su Haaretz: “ Una volta esaurita la “banca dei bersagli” primaria delle Forze di Difesa israeliane, è toccato ai membri di livello inferiore della Jihad islamica essere colpiti. Se le cose continueranno a questo ritmo, nei prossimi round anche i vicini dei jihadisti saranno bersagli. Dopo tutto, perché hanno scelto di vivere lì? Al momento, grazie all’IDF, il detto “la mia casa è il mio castello” è diventato “la mia casa è la mia tomba”. Lo testimoniano Ali, 8 anni, Miar, 12 anni, Hajar, 5 anni, Lian, 10 anni, e Tamim, 5 anni, di benedetta memoria. La vanità porta alla vuota arroganza. Alti funzionari israeliani hanno cercato un cessate il fuoco senza impegnarsi a fermare gli omicidi mirati. Come disse una volta un poeta arabo: “Ogni malattia ha una cura, tranne la stupidità – che rende miserabili coloro che la affrontano”.


Ma tutto questo impallidisce di fronte alla richiesta del capo del Consiglio di sicurezza nazionale Tzachi Hanegbi che la Jihad islamica non faccia fuoco. In altre parole, una resa totale. Persino Napoleone era più modesto. Alla fine, la deprimente realtà ha raggiunto questo Bonaparte israeliano, portandolo ad adottare lo slogan “la quiete sarà soddisfatta dalla quiete”, come se non avesse appena affermato l’esatto contrario.


Per le prime 36 ore dopo che Israele ha bombardato Gaza, l’establishment della difesa è rimasto sbalordito. Come è possibile, si sono chiesti, che i palestinesi non abbiano risposto immediatamente? Non è il protocollo? Crudelmente, i palestinesi hanno aspettato fino a quando gli conveniva rispondere. Poi, tutti si sono potuti rilassare. Tutto è tornato alla normalità. La regolare routine di razzi e bombardamenti aerei era stata ripristinata.
L’assurdità della situazione è dilagante. Le due parti stanno combattendo una guerra di logoramento. Una possiede gli armamenti più avanzati del mondo, l’altra solo armi artigianali – eppure questo equilibrio di potere asimmetrico sembra funzionare. Dopo ogni bombardamento aereo israeliano, effettuato da decine di aerei, i palestinesi rispondono con missili saldati in un’officina del quartiere. Siamo di fronte a un nuovo Davide e Golia, in cui Davide combatte da solo – senza Hamas.


Ora è arrivato il momento di regolare i conti. Il Capo di Stato Maggiore dell’IDF Herzl Halevi chiede miliardi di shekel per il bilancio militare. Dopo tutto, le munizioni devono essere rifornite. Anche gli ultraortodossi chiedono maggiori finanziamenti, ma almeno i soldi che riceveranno non saranno intrisi di sangue palestinese.
Poiché i gazawi sono ora costretti a spendere ingenti somme di denaro per ripristinare tutto ciò che Israele ha distrutto, ho ingenuamente pensato che se i miliardi spesi per questa tornata di combattimenti fossero stati invece investiti nella riabilitazione e nella prosperità di Gaza – si sarebbe potuta aprire la strada alla riconciliazione. Ma una simile illusione è assurda nella logica del militarismo.

Leggi anche:  Gaza, il Qatar denuncia la mancanza di volonta politica per un accordo tra Hamas e Israele


Il militarismo è un’impresa che sostiene decine, forse anche centinaia di migliaia di persone, rendendo difficile rinunciare ai graditi scontri con i palestinesi. È un’importante fonte di reddito. Questo significa che la decisione di permettere al prigioniero della Jihad islamica Khader Adnan di morire per il suo sciopero della fame in prigione è stata calcolata? L’IDF sapeva che la sua morte avrebbe scatenato una conflagrazione. Ma gli affari sono affari.
L’editorialista Ben-Dror Yemini è sembrato spaventato dall’umanità e dalla debolezza del giornale per cui scrive, Yedioth Ahronoth, quando ha pubblicato un articolo a pagina otto sulle vittime degli attacchi aerei israeliani all’inizio della campagna, intitolato “10 vittime innocenti”. Ha dovuto rapidamente tranquillizzare i suoi lettori preoccupati per la pericolosa partenza del giornale. Per farlo, è ricorso a invocare il 1948, il poeta israeliano Natan Alterman e David Ben-Gurion. Il primo ministro israeliano avrebbe dovuto arrabbiarsi quando Alterman scrisse una poesia intitolata “Al zot”, che significa “A proposito di questo”, per protestare contro le vittime civili arabe durante la guerra d’indipendenza di Israele. Invece, la accolse con favore, chiedendo che venisse distribuita ai soldati. Ben-Gurion non aveva altra scelta e, nonostante questa facciata di empatia, centinaia di migliaia di palestinesi furono espulsi dai loro villaggi – compresi i miei genitori, che provenivano dal villaggio di Ma’alul in Galilea. Israele ha avuto entrambe le possibilità: Ha effettuato un trasferimento di popolazione ed è riuscito a mantenere una coscienza pulita. Ma il mondo è cambiato. Nessuna quantità di candeggina potrebbe pulire la coscienza di coloro che uccidono i bambini nei loro letti dalle loro fortezze”.


Il cinismo arabo

Così Jack Khoury sul quotidiano progressista di Tel Aviv: “Che finiscano tra un giorno o tra una settimana, i combattimenti a Gaza dimostreranno ancora una volta come i civili palestinesi di Gaza, e in larga misura i residenti delle comunità israeliane di confine, siano ostaggi di una politica che non ha una visione per il futuro. Cerca solo di preservare lo status quo e di ripetere sporadicamente lo stesso ciclo di violenza.


La fiducia in questa politica è sembrata essere convalidata nel 2019, dopo l’uccisione mirata di Baha Abu al-Ata, un alto dirigente militare della Jihad islamica, quando le Forze di Difesa israeliane hanno preso di mira principalmente questo gruppo e non Hamas. La stessa dinamica si è ripetuta lo scorso agosto, quando Hamas si è astenuto dal partecipare attivamente al lancio di razzi della Jihad islamica e l’IDF si è concentrato a colpire quest’ultima. Hamas afferma formalmente di far parte della “sala operativa congiunta” con la Jihad islamica. Tuttavia, continua a mantenere la sua politica di contenimento. Entrambe le parti sanno che ciò è dovuto agli interessi di Hamas, sia come parte di una politica di deterrenza israeliana sia come desiderio di Hamas di preservare i propri beni e aumentare il proprio potere. Questa politica è stata chiaramente dichiarata fin dalla guerra di Gaza del maggio 2021, durante la quale Hamas ha partecipato ai combattimenti. Da allora, utilizza una strategia basata sul mantenere il fronte di Gaza relativamente tranquillo, mentre la Cisgiordania esplode di violenza.

Leggi anche:  Gaza: il molo galleggiante costruito per portare aiuti non è alternativo all'apertura di tutti i valichi


Questa situazione rafforza ulteriormente la conclusione che Israele non ha interesse a una guerra decisiva a Gaza. Da un punto di vista politico, è lo scenario ideale per Israele: separazione politica tra Cisgiordania e Gaza, spaccatura tra le due leadership e controllo assoluto su una popolazione civile attraverso misure di soccorso e permettendo l’ingresso di merci, per le quali Israele si fa pagare. È un accordo conveniente e, finché non c’è una minaccia strategica immediata, un’operazione militare occasionale come quella che abbiamo visto questa settimana è apparentemente accettabile.


Il timore di vittime di massa inflitte ai civili israeliani è stato neutralizzato dalla tecnologia di difesa aerea. Le vittime palestinesi di massa non sono una preoccupazione significativa per la maggior parte degli israeliani. Nessuno vuole una guerra decisiva a Gaza – né Israele, né i Paesi arabi, né certamente l’amministrazione statunitense, democratica o repubblicana. Nessuno vuole che Gaza venga conquistata e che l’Autorità Palestinese venga riportata dentro con i carri armati. Non c’è nemmeno una vera pressione regionale per risolvere la spaccatura tra Fatah e Hamas. E di sicuro non c’è nessuno che preme per un’elezione che decida democraticamente chi governa i palestinesi a Gaza e in Cisgiordania. Un’elezione potrebbe esercitare pressioni per un serio processo diplomatico, quindi è meglio per tutti avere due entità, ciascuna nel proprio cantone. L’annuncio del cessate-il-fuoco sarà un’ulteriore prova del fatto che Hamas, come potenza al potere a Gaza, cerca contemporaneamente di evitare una guerra totale con Israele e di mantenere un potere deterrente nei suoi confronti. Hamas è disposto a convivere con questo modus operandi anche al prezzo di un duro colpo inferto da Israele ai vertici della Jihad islamica, presunta alleata di Hamas. I portavoce di Hamas hanno rilasciato dichiarazioni aggressive, sottolineando che le due organizzazioni lavorano nella stessa sala operativa. In pratica, però, a Gaza è chiaro che gli attuali combattimenti sono diversi dai precedenti conflitti più importanti, in cui Hamas si impegnava nel lancio di razzi ed era l’obiettivo degli attacchi israeliani. Dall’inizio degli scambi attuali, Israele ha preso di mira solo la Jihad islamica e organizzazioni più piccole come il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina. Anche se Hamas ha fornito un limitato supporto logistico o una consulenza, questo non è stato supportato da combattimenti, permettendo a Israele di ignorarlo.

Leggi anche:  L'Onu accusa Israele: "Non c'è nessun posto sicuro dove andare a Gaza"


Israele è libero di vantarsi del fatto che il mancato coinvolgimento di Hamas sia un risultato significativo, in quanto dimostra che il gruppo è stato scoraggiato. Tuttavia, l’organizzazione ha già stabilito il suo ruolo come parte dell’equilibrio della deterrenza. Non è potente come Hezbollah, ma le dichiarazioni israeliane secondo cui il fatto che Hamas sia rimasto fuori dai combattimenti è un risultato che dimostra che il gruppo è in grado di porre una sfida anche a un Paese forte come Israele.


Questa tornata di combattimenti non porterà ad altro che a un ulteriore rafforzamento delle regole del gioco. Al termine, ciascuna delle due parti tornerà allo status quo stabilito negli ultimi anni: ciascuna parte si asterrà dal sparare sull’altra, mentre i gazawi  riceveranno aiuti civili, aiuti del Qatar e progetti sostenuti dalle Nazioni Unite. Non c’è alcuna possibilità di andare oltre.


Hamas ha notevoli capacità militari e nel tempo ha sviluppato nuovi missili e altre armi. Ma è anche responsabile di una vasta popolazione civile, il che cambia il calcolo. Hamas si vanta di essere un gruppo di resistenza, ma in pratica sta adottando il modello dell’Autorità Palestinese. Lunedì il presidente dell’AP Mahmoud Abbas parlerà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Per tre decenni ha parlato dei confini precedenti al 1967. Ora verrà a parlare dei confini del 1948. Ha assistito alla cancellazione di ogni prospettiva di una soluzione a due Stati e alla perdita di interesse da parte della comunità internazionale, che è diventata in gran parte indifferente agli eventi di Gaza. I colloqui per raggiungere un cessate il fuoco ignorano l’AP e si svolgono a Doha, dove si trova il capo politico di Hamas Ismail Haniyeh, e a Beirut, dove si trova il leader della Jihad islamica Ziad al-Nakhalah. L’AP è formalmente responsabile degli affari palestinesi ovunque, ma non riscuote molto interesse. Sabato, dopo cinque giorni di combattimenti, l’ufficio di Abbas ha rilasciato una condanna che chiedeva soprattutto a Washington di intervenire immediatamente contro quella che definiva un’aggressione israeliana. La dichiarazione ha persino accusato esplicitamente l’amministrazione statunitense di responsabilità “a causa del suo silenzio nei confronti dei crimini israeliani e del mancato intervento immediato per fermarli”. Venerdì prossimo, Abbas arriverà in Arabia Saudita per parlare alla Lega Araba. Sa bene che l’ospite d’onore sarà il presidente siriano Bashar al-Assad, che sta tornando nell’abbraccio della Lega Araba, e che i palestinesi non saranno al centro dell’attenzione. Sia alla conferenza delle Nazioni Unite che a quella della Lega Araba, Abbas chiederà al mondo di fare qualcosa. Ma la verità è che non interessa più a nessuno. La formula  – conclude Khoury – è già nota: i palestinesi devono vivere, mangiare e mantenersi da soli, e garantire la tranquillità agli israeliani – o avranno problemi sia in Cisgiordania che a Gaza, senza alcuna speranza o visione per il futuro”.
Così muore Gaza.

Native

Articoli correlati