Ucraina, Medvedev, ha incontrato a Pechino Xi Jinping: i due danno del colloquio versioni diverse
Top

Ucraina, Medvedev, ha incontrato a Pechino Xi Jinping: i due danno del colloquio versioni diverse

Il presidente cinese, Xi Jinping ha avuto un colloquio telefonico con il presidente tedesco, Frank-Walter Steinmeier, ha auspicato la pace in Ucraina e invitato l’Europa ad avere una politica più autonoma

Ucraina, Medvedev, ha incontrato a Pechino Xi Jinping: i due danno del colloquio versioni diverse
Medvedev e Xi
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Dicembre 2022 - 09.27


ATF

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev, ha incontrato a Pechino il presidente cinese Xi Jinping. I due hanno discusso di “questioni internazionali, compreso il conflitto in Ucraina e hanno riscontrato un’ampia coincidenza di vedute”. Il leader cinese ha inoltre auspicato che si arrivi una “soluzione politica pacifica” alla crisi ucraina.

Ma da Pechino invece sono arrivate parole importanti. Ma sarebbero più importanti se si traducessero in atti concreti, ossia un intervento serio su Mosca e il riaffermare con forza l’inviolabilità dei confini. Ma al momento La Cona ha scelto una linea ondivaga nella quale non condanna sul serio e non appoggia più di tanto.

La Cina ribadisce il proprio impegno per promuovere la pace in Ucraina e sottolinea che «crisi prolungate e complicate» non sono nell’interesse delle parti coinvolte nel conflitto.

Lo ha dichiarato il presidente cinese, Xi Jinping, nel corso del colloquio telefonico avuto oggi con il presidente tedesco, Frank-Walter Steinmeier.

«La Cina insiste nel persuadere la pace e promuovere i colloqui e ritiene che crisi prolungate e complicate non siano nell’interesse di tutte le parti», ha scandito il presidente cinese, citato in una nota dell’emittente televisiva statale cinese Cctv.

Leggi anche:  Medvedev, interferenze russe sulle europee: "I leader Ue sono solo tecnocrati nelle mani di Washington a parte Orban"

La Cina, ha aggiunto, ribadendo la posizione cinese espressa fin dai primi giorni dopo lo scoppio del conflitto, «sostiene l’Europa nel mostrare la sua autonomia strategica, guidando la creazione di un’architettura di sicurezza europea equilibrata, efficace e sostenibile e realizzando una pace duratura e una stabilità a lungo termine nel continente europeo».

Native

Articoli correlati