Top

Dario Parrini (Pd): "E' chiaro che la Francia non voglia Macron da solo al timone"

Per il Presidente della Commissione Affari Costituzionali il risultato del voto in Francia era prevedibile.

Dario Parrini (Pd): "E' chiaro che la Francia non voglia Macron da solo al timone"
Macron

globalist Modifica articolo

20 Giugno 2022 - 11.15


Preroll

«Francia, e ora? Alleanze o solitudine? Le regole della Quinta Repubblica (a cominciare dall’articolo 49.3 della Costituzione e dalla fiducia implicita fino a voto contrario) teoricamente permettono di lavorare anche a un governo di minoranza (sostenuto cioè da una schieramento che come il macroniano Ensemble dispone solo della maggioranza relativa dei deputati).

OutStream Desktop
Top right Mobile

Le opposizioni di Ensemble, peraltro, sono assai eterogenee e quindi poco sommabili. Ma seguire questa strada (la seguì Mitterrand, in condizioni un po’ diverse, nei primi cinque anni del suo secondo settennato coi Governi Rocard-Cresson-Beregovoy, dopo aver ottenuto solo la maggioranza relativa nelle elezioni del 1988…) non è detto che sia la cosa migliore. Forse per Macron la cosa migliore è cercare un accordo con settori moderati e europeisti dei gollisti e di socialisti e verdi. Cioè prendere atto che il Paese lo vuole al comando (del resto lo ha nettamente rieletto all’Eliseo il 24 aprile, e ieri è arrivato pur sempre primo con un margine di più di 100 seggi su Melenchon) ma non lo vuole solo al comando, e soprattutto lo vuole più attento alle disuguaglianze e al disagio sociale. Le elezioni di ieri mi pare dicano questo».

Middle placement Mobile

Lo scrive su Facebook il senatore del Pd Dario Parrini, Presidente della Commissione Affari Costituzionali.

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile