Top

Ucraina, ecco com'è andato l'incontro di Parigi tra Draghi e Macron

Nella cena dell'Eliseo, i due leader hanno fatto il punto sui prossimi vertici del G7 e della Nato, in programma a fine mese, e sul Consiglio europeo del 23 e 24 giugno a Bruxelles. Al centro dei temi affrontati, gli sviluppi della guerra in Ucraina.

Ucraina, ecco com'è andato l'incontro di Parigi tra Draghi e Macron

globalist

9 Giugno 2022 - 14.28


Preroll

L’incontro tra Emmanuel Macron e Mario Draghi si è tenuto all’Eliseo, ed è iniziato con un caloroso saluto e un abbraccio tra i due. La cena di lavoro si è poi conclusa poco dopo la mezzanotte. Il premier è arrivato per aprire oggi il meeting dell’Ocse che vede l’Italia presidente di turno e l’incontro era d’obbligo. Ma è stato anche un modo per sugellare l’asse Draghi-Macron che si sono mostrati uniti sul Recovery 2 ma divisi sull’ingresso di Kiev in Europa. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Nella cena dell’Eliseo, i due leader hanno fatto il punto sui prossimi vertici del G7 e della Nato, in programma a fine mese, e sul Consiglio europeo del 23 e 24 giugno a Bruxelles. Ma al centro dei temi affrontati, gli sviluppi della guerra in Ucraina e il sostegno a Kiev, la sicurezza alimentare, il rafforzamento dell’autonomia europea in materia di Difesa e di Energia, nell’ottica di una strategia energetica diversificata e di una minore dipendenza energetica dalla Russia. Proprio l’asse sull’energia, su cui c’è sintonia piena, per emanciparsi dal gas russo e dare una risposta economica comune alla crisi, è stato il primo punto in agenda. Ma alla fine i due hanno affrontato anche la questione più spinosa, quella dell’ingresso dell’Ucraina in Ue, che sarà al centro del Consiglio europeo di fine mese.

Middle placement Mobile

Il premier italiano è volato a Parigi dopo aver firmato i primi progetti bandiera del Pnrr con le Regioni, e oggi aprirà la ministeriale Ocse presieduta dall’Italia. Ma l’appuntamento più importante è strato proprio quello con il presidente francese, il cui obiettivo era preparare una agenda il più possibile condivisa in vista dei prossimi vertici della Ue, del G7 e della Nato. I due hanno contatti continui, Draghi è stato tra i primi a complimentarsi per la rielezione di Macron, che ora incontra faccia a faccia all’Eliseo mentre ancora non si vedono spiragli per quella pace in Ucraina che evoca in ogni sede.

Dynamic 1

Anche la prima mediazione turca sul grano, per ora, non dà i risultati sperati. Ma la sicurezza alimentare rimane cruciale, ripeterà il premier dopo avere tra i primi cercato di creare uno spazio diplomatico per lo sblocco dei porti nel Mar Nero, e resta un primo terreno di dialogo su cui cercare di sviluppare, poi, una concreta trattativa sulla fine del conflitto.

Se il sostegno a Kiev non è in discussione, però, quella necessità secondo Macron di “non umiliare la Russia” che tanto ha innervosito Volodymyr Zelensky, allontana la postura francese da quella italiana. Posizione che Draghi ha mantenuto saldamente atlantista, nonostante i malumori di una parte della sua maggioranza. Ma la vera distanza tra Italia e Francia si registra sulla risposta da dare alla richiesta ucraina di ingresso in Ue.

Dynamic 2

Draghi fin da subito ha schierato l’Italia a favore dell’allargamento (anche alla Georgia, come ha avuto modo di confermare alla presidente Solomè Zourabichvili): siamo in una fase nuova e nuovi ingressi sono anche uno strumento di autotutela per l’Unione, è il ragionamento che il capo del governo presenterà all’Eliseo. Con Macron che invece sponsorizza la creazione di una “comunità politica” con cui si potrebbe dare anche una prima risposta ai Paesi dei Balcani occidentali, candidati da anni.

Per l’ingresso rapido di Kiev continua a spingere anche il Parlamento europeo: “il suo posto è in Europa” ha ribadito la presidente del Pe Roberta Metsola insieme al presidente del parlamento ucraino (Rada). “Il nostro popolo sta combattendo per i valori europei” e si aspetta “un forte sì” il 24 giugno, le ha fatto eco Ruslan Stefanchuk.

Dynamic 3

La cena, fa sapere Palazzo Chigi, è stata comunque anche l’occasione per proseguire con il dialogo rafforzato sancito dal Trattato del Quirinale e per affrontare i dossier Libia e migranti oltre ai seguiti della Conferenza sul futuro dell’Europa che ha visto Draghi sulla stessa linea di Macron a chiedere ai 27 di avere “coraggio” e di superare il voto all’unanimità.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile