Top

Ucraina, Yaroslav, 11 anni, si prende cura di madre e sorellina, senza gambe a causa delle bombe

L'8 aprile un missile a grappolo ha devastato la stazione di Kramatorsk. Tra i superstiti Yaroslav, con la mamma Natalia e la sorella Yana: ora sono nell'ospedale di Leopoli

Ucraina, Yaroslav, 11 anni, si prende cura di madre e sorellina, senza gambe a causa delle bombe
Yaroslav e la sua famiglia

globalist

13 Maggio 2022 - 14.34


Preroll

Una storia drammatica, un misto di angoscia, e orrore, ma anche di tenerezza. L’8 aprile, una mamma ucraina, Natalia, e i suoi due gemelli di 11 anni, Yaroslav e Yana, si erano recati alla stazione di Kramatorsk per prendere un treno per fuggire a Leopoli. Mentre la mamma e la bambina prendevano un tè offerto dai volontari, Yaroslav era rimasto a sorvegliare i bagagli.

OutStream Desktop
Top right Mobile

In quel minuto si è scatenato l’inferno. Sulla stazione ferroviaria dove erano ammassate migliaia di persone in attesa di partire, è caduto un missile che la commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino Lyudmyla Denisova ha identificato come un missile a grappolo ad alta precisione Iskander: 59 i morti, almeno 10 bambini, centinaia i feriti, auto in fiamme, detriti ovunque. Natalia e Yana hanno perso le gambe mentre Yaroslav si è salvato e ora si prende cura delle sue due donne.

Middle placement Mobile

“Quando ho aperto gli occhi tutto era coperto di sangue. Mia figlia non aveva più le gambe – ricorda Natalia -. e io non riuscivo più ad alzarmi”. Yaroslav non è stato ferito, salvato dal suo compito di piccolo guardiano dei trolley con le poche cose portate via da casa. Ora, nell’ospedale pediatrico di Leopoli dove si trovano da settimane, l’11enne si prende cura della mamma e della sorellina. Il papà è morto e il compagno della mamma è al fronte. “Va persino al negozio, vicino all’ospedale”, raccontano medici e infermieri.

Dynamic 1

Adesso i tre stanno progettando un futuro negli Stati Uniti e, in particolare, sono alla ricerca di riabilitazione e protesi affinché mamma e figlia possano camminare di nuovo. Insieme a Yaroslav.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage