Top

Zelensky, Israele, e quell'accostamento con l'Olocausto che brucia le coscienze

L’accostamento fatto dal presidente ucraino Zelensky tra l'invasione russa e l'Olocausto ha suscitato molte polemiche in Israele

Zelensky, Israele, e quell'accostamento con l'Olocausto che brucia le coscienze
Bennett

globalist

23 Marzo 2022 - 14.32


Preroll

Se c’è un Paese al mondo dove la parola “Olocausto” va maneggiata con la massima cura, e di più, quel Paese è Israele. La Shoah è elemento fondante dell’identità nazionale. E’ uno dei pilastri su cui è stato edificato lo Stato d’Israele, “focolaio nazionale del popolo ebraico”. La Shoah è materia di insegnamento nelle Accademie militari, L’Olocausto, per dirla con David Grossman, è “il cerotto d’Israele.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Si capisce quindi perché l’accostamento fatto dal presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, nel suo discorso su Zoom, tra la “soluzione finale” che a suo dire i Russi starebbero perpetrando ai danni del popolo ucraino, con lo sterminio degli ebrei da parte dei nazisti, abbia suscitato dibattito e polemica in Israele.

Middle placement Mobile

Quell’accostamento che fa discutere

Dynamic 1

La politica non aiuta da sola a spiegare le ragioni di questo nervo scoperto, iper sensibile, che interroga, scuote e struttura ancor oggi la psicologia di una nazione. C’è altro. E di più profondo. A darne conto, in un impegnato articolo su Haaretz, è una delle firme più autorevoli del giornalismo israeliano: Noa Landau.

Scrive Landau: “Il reclutamento da parte del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, alla “soluzione dell’Olocausto e delle sue lezioni nella lotta dell’Ucraina durante il suo discorso alla Knesset domenica sera non è piaciuto alle orecchie di Israele. Parlando a nome di tutti gli israeliani, o no, i politici si sono affrettati a criticare con rabbia le sue osservazioni – in generale per il fatto stesso che ha fatto questo paragone storico, e in particolare per la sua descrizione del popolo ucraino come se avesse scelto di salvare gli ebrei.

Dynamic 2

In realtà, è vero che l’Ucraina aveva alcuni Giusti tra le Nazioni, ma non erano rappresentativi. Zelensky ha anche ignorato il ruolo degli ucraini nel massacro di Babi Yar quando ha menzionato il bombardamento del memoriale, che non è mai avvenuto. Il ministro delle comunicazioni Yoaz Hendel si è affrettato a dire che “il paragone con le atrocità dell’Olocausto e della Soluzione Finale è stato oltraggioso”. Anche diversi altri ministri , voluti restare anonimi, anonimi hanno detto ai giornalisti che il paragone con l’Olocausto era distorto e sconvolgente. Il parlamentare Bezalel Smotrich (Sionismo Religioso) ha definito il paragone “oltraggioso e ridicolo”, mentre il suo collega alla Knesset,  Yuval Steinitz (Likud) ha detto che “se Zelensky avesse fatto quel discorso in tempi normali, la gente avrebbe detto che stava rasentando la negazione dell’Olocausto”.

Ma la repulsione degli israeliani per il paragone tra la guerra in Ucraina e l’Olocausto deriva ovviamente da molto di più della preoccupazione per la verità storica sull’estensione della collaborazione ucraina con la macchina di sterminio nazista o la verità più recente di ciò che è successo al memoriale. Deriva anche da una battaglia narrativa più profonda che ha infuriato per anni tra le persone che sottolineano le lezioni universalistiche dell’Olocausto (“mai più”) e quelle che sottolineano le sue lezioni specifiche per il popolo ebraico e israeliano (“mai più per noi”).

Dynamic 3

Per il grande blocco israeliano che favorisce la seconda opzione e vede l’Olocausto e le sue lezioni come la storia specifica del popolo ebraico e una parte inseparabile della narrazione sionista, l’assunzione dell’Olocausto nella lotta ucraina è una profanazione del sacro, anche se Zelensky è ebreo e in questo senso l’Olocausto non è meno “suo” che “nostro”.

Ma lo shock e l’indignazione israeliana per l’uso dell’Olocausto da parte di Zelensky come uno dei suoi argomenti di conversazione sarebbe molto più convincente se non sapessimo che Israele stesso ha usato questa stessa identica tattica fin dalla sua fondazione. Dopo tutto, usare l’Olocausto per la politica estera è qualcosa che Israele ha inventato per primo. E negli ultimi anni, questa politicizzazione israeliana dell’Olocausto negli affari internazionali si è molto intensificata.

Dynamic 4

Per esempio, durante gli anni di Benjamin Netanyahu come primo ministro, il Ministero degli Esteri ha cercato di creare un monopolio israeliano sulla definizione di antisemitismo nel mondo e di includervi l’antisionismo e il filopalestinese, in senso lato. Tra le altre cose, Israele ha incoraggiato i parlamenti stranieri a sancire la definizione di lavoro di antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Alliance nella legislazione. Questa definizione è diventata il centro di una feroce battaglia politica sul fatto che l’antisionismo o la critica a Israele sia necessariamente antisemita, ed è stata vista da molti liberali come una minaccia israeliana alla libertà di espressione nei loro paesi. La politicizzazione dell’Olocausto da parte di Israele includeva anche la connessione che il precedente governo aveva tracciato tra antisemitismo e boicottaggi politici, in particolare il movimento BDS. Questo problema è stato gonfiato quando il governo ha trattato anche i boicottaggi e le critiche agli insediamenti come antisemitismo.

Ad un certo punto, come esemplificato dall’incidente in cui l’ex ambasciatore (israeliano) all’’Onu Danny Danon si è scagliato contro l’attrice Emma Watson per aver espresso solidarietà con i palestinesi, qualsiasi individuo o organizzazione che non fosse di gusto del governo è stato considerato antisemita, in un lungo processo di svalutazione ed erosione del termine. D’altra parte, anche se Israele era impegnato a etichettare le critiche alla politica del governo nei territori come antisemite, stava anche abbracciando governi e organizzazioni di estrema destra che in realtà erano considerati antisemiti. Lo faceva perché questi governi e organizzazioni sostenevano le sue politiche. Quindi prima che i ministri del governo si scandalizzino per l’appropriazione dell’Olocausto da parte dell’ebreo Zelensky, dovrebbero chiedersi come hanno contribuito e stanno ancora contribuendo alla politicizzazione dell’Olocausto”.

Dynamic 5

Fin qui Landau.

Bennett contrariato

“Non credo che l’Olocausto dovrebbe essere paragonato a nessun altro evento. È stato un evento unico nella storia umana, con uno sterminio di un popolo metodico e su scala industriale in camere a gas. Un evento senza precedenti”. Il premier di Israele, Naftali Bennett parla a una conferenza del giornale Ynet – secondo quanto riporta la stessa testata – e risponde duramente al presidente ucraino sulla nuova Shoah di cui i russi sarebbero colpevoli.

Lo Yad Vashem e il “benefattore” imbarazzante.

Yad Vashem – scrive  il Wall Street Journal, tradotto in Italia da Dagospia – memoriale e museo ufficiale dell’Olocausto in Israele, è coinvolto in numerose polemiche dopo aver tentato di intervenire nelle sanzioni pianificate contro il miliardario russo israeliano Roman Abramovich, proprietario della squadra di calcio della Chelsea Premier League e sostenitore di lunga data del presidente russo Vladimir Putin.

 In una lettera all’ambasciatore statunitense Tom Nides, Yad Vashem, insieme al rabbino capo ashkenazita David Lau e al direttore dello Sheba Medical Center Yitshak Kreiss, ha chiesto che gli Stati Uniti non sanzionassero Abramovich, uno dei principali donatori del memoriale e di altre cause ebraiche. Hanno detto che sanzionarlo danneggerebbe le istituzioni ebraiche che fanno affidamento su di lui per le donazioni, ha affermato il presidente di Yad Vashem, Dani Dayan, che ha affermato che Abramovich era il secondo donatore privato del museo, dopo il defunto Sheldon Adelson e la sua vedova, Miriam.

“Il Sig. Abramovich ha contribuito a cause meritevoli per più di un decennio”, ha detto Dayan. “Per quanto ne so, il signor Abramovich non ha alcun legame con il signor Putin”. […]
La donazione era di “otto cifre”, secondo il portavoce di Yad Vashem Simmy Allen.

Quella sedia vuota

Altro capitolo molto delicato, di cui ha scritto, sempre sul giornale progressista di Tel Aviv, Sheren Falah Saab.

“La  Joint List ha agonizzato – e l’agonia è stata particolarmente angosciosa questa volta – per il discorso di domenica sera alla Knesset del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Uno dei tre partiti che compongono la Lista congiunta, Hadash, si è opposto a partecipare al discorso, che era su Zoom. Gli altri due erano ancora indecisi domenica mattina, ma alla fine hanno saltato anche loro.

Sabato, il membro della Knesset Hadash Ofer Cassif ha twittato: “Non parteciperò al raduno di domani a sostegno di Zelensky. Non prendo parte a guerre inutili che danneggiano civili innocenti, rafforzano i potenti e arricchiscono i signori della guerra. Non sostengo i nazionalisti persecutori dei comunisti in Ucraina, e no, non sostengo nemmeno Putin e i nazionalisti russi, che odiano i comunisti”.

La posizione di Cassif e l’opposizione degli altri membri della Knesset di Hadash sollevano parecchie domande. Come fanno esattamente le stesse persone che si oppongono all’occupazione israeliana e combattono giorno e notte per il diritto all’esistenza politica del presidente palestinese Mahmoud Abbas a Ramallah ad opporsi al discorso di Zelenskyy?

A quanto pare, anche in tempi di guerra e di crisi umanitarie, la Joint List non rinuncia a giocare a carte politiche. L’importante è essere contro. Contro ciò che non conta.

Cassif stesso ha scritto: “No alla guerra, sì alla pace”.

Se questo è il caso, perché non ascoltare ciò che Zelenskyy ha da

dire? Dopo tutto, l’invasione russa ha danneggiato milioni di civili ucraini che sono rimasti senza case o altri ripari, per non parlare delle donne e dei bambini che sono stati abbandonati.

Ma niente di tutto questo interessa alla Lista Comune, perché per quanto la riguarda, Zelenskyy è uno dei signori della guerra. Ma anche se supponiamo che sia vero, è importante non prendere le cose fuori contesto, come ha fatto Cassif.

Dobbiamo ricordare che questa guerra è stata imposta all’intero popolo ucraino. Non è solo la guerra di Zelensky e certamente non era quella che lui voleva. Di conseguenza, l’argomento di Cassif è ridicolo e non ha basi nella realtà.

È chiaro a tutti che il presidente russo Vladimir Putin ha iniziato la guerra, e non l’ha nemmeno fatto sul suolo russo. Ma Cassif ha scelto di chiudere gli occhi di fronte a questi fatti e di aggrapparsi ad argomenti ancora più ridicoli. “È molto triste che i bravi uomini di sinistra si facciano sviare da una falsa propaganda e si aspettino persino che io e i miei colleghi ci adeguiamo alle bugie che ci propinano con la forza”, ha scritto. “Sai cosa sta succedendo da anni in Ucraina ai russi del Donbass e ai comunisti? Sai che due leader della gioventù comunista sono stati recentemente rapiti dalle forze del regime e la loro posizione è sconosciuta?”.

Nel processo, Cassif ha rivelato i suoi doppi standard riguardo all’occupazione. Combatte per i diritti degli occupati solo quando sono dalla nostra parte. Anche se Hadash si è astenuto dal dire esplicitamente che si sta schierando con Putin, Cassif sta facendo il lavoro per lui.

Questi sono gli stessi membri della Knesset che si sono battuti per i diritti dei palestinesi e hanno aiutato i prigionieri nei momenti di difficoltà e durante gli scioperi della fame. Come hai potuto? Proprio tu, che sai meglio di chiunque altro cosa significa essere un popolo occupato e che senti gli effetti dell’occupazione ogni giorno. Come stai permettendo che questo accada?

L’unica cosa da dire a favore di Cassif è che ha preso pubblicamente posizione. Forse sarebbe meglio se anche il resto dei parlamentari della Joint List smettessero di evadere, agonizzare e deliberare e fossero semplicemente abbastanza coraggiosi, come il dittatore siriano Bashar al-Assad, da sostenere Putin esplicitamente. In questo modo ci risparmierebbero i tentennamenti sulle loro posizioni politiche e l’ipocrisia che assume ogni volta una forma diversa.

La storia ricorderà la decisione di Hadash di non ascoltare Zelensky, il cui popolo è stato occupato e massacrato dalla Russia. Ricorderà anche che Cassif era una delle persone motivate puramente dalla politica priva di qualsiasi valore morale”.

Così Sheren Falah Saab.

Resta il sapore amaro di una pagina tragica, la più tragica, della storia dell’umanità, utilizzata per battaglia politica e per legittimare ciò che con quel martirio ebraico non ha nulla a che fare.

Scrive Thomas l.Friedman, storico corrispondente del New York Times in Medio Oriente, nel suo libro  best seller Da Beirut a Gerusalemme (Arnoldo Mondadori Editore): “Oggi, sono sempre più numerosi i leaders locali che non sopportano più la luce di quei riflettori dai quali sono messi sul banco degli imputati, ma non sono affatto disposti ad affrontare la triste realtà dell’occupazione della West Bank e della Striscia di Gaza, e vanno pertanto alla ricerca di un paravento che li nasconda allo sguardo penetrante dell’occidente e permetta loro di mantenere lo status quo nei territori occupati, Il paravento è detto Olocausto, e da dietro la cortina dell’Olocausto gli israeliani gridano a tutto il mondo: ‘Non avete il diritto di giudicarci! Noi siamo le vittime di Auschwitz! Lasciateci in pace! Lasciateci in pace!…”.

E ancora: “Il romanziere David Grossman un giorno mi ha raccontato qual è stato il momento più memorabile delle sue nozze: ‘E’ arrivata mia zia Itka, che è una superstite di Auschwitz e sul braccio reca tatuato un numero. Si è presentata con un cerotto che glielo copriva. Le ho chiesto se si era fatta male. No, è stata la sua risposta, se l’era messo semplicemente perché non voleva turbare la gioia del momento e voleva evitare che gli invitati vedessero il numero. Vedi, quel cerotto è Israele, l’intera Israele campa su quel cerotto, e ognuno sa che sotto c’è un abisso, un olocausto nel quale si può precipitare da un momento all’altro”.

Il libro di Thomas L.Friedman è del 1989. Ma è come se fosse oggi.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile