Top

Ucraina, come mai la lettera Z è diventata il simbolo dell'invasione russa?

Comparsa per la prima volta sui mezzi armati, ormai è presente anche sui gadgets, sulle auto e sui palazzi per manifestare appoggio alla Russia. Per Mosca Za pobedu sta per 'la vittoria'

Ucraina, come mai la lettera Z è diventata il simbolo dell'invasione russa?
carro armato

globalist

11 Marzo 2022 - 10.24


Preroll

Per la prima volta è stata notata su mezzi militari russi il 19 febbraio scorso, poi la lettera Z è divenuta il simbolo dell’invasione dell’Ucraina. Secondo il Guardian dal giorno dell’invasione russa in Ucraina, cioè dal 24 febbraio, sempre più mezzi militari russi sono stati corredati dalla lettera Z. Sono poi anche comparse altre lettere come

OutStream Desktop
Top right Mobile

Secondo gli esperti militari la teoria più accreditata per spiegare l’uso delle lettere è che stiano ad indicare l’area dove le truppe russe stazionano solitamente. “Z”, in quest’ottica, potrebbe indicare il termine Zapad, cioè Ovest.
Un’altra ipotesi è che le lettere siano state disegnate per evitare il fuoco amico. Il ministero della Difesa russo non ha commentato nessuna delle ipotesi formulate, ma piuttosto ha chiarito sulla sua pagina Instagram che la Z sta per Za pobedu (“per la vittoria”) mentre la “V” significa “il potere della verità”. Ma la Z non ha solo un significato militare.

Middle placement Mobile

Nelle ultime settimane la lettera è anche diventata un simbolo di supporto all’invasione russa in Ucraina.
Sempre secondo quanto scrive il Guardian, 3 giorni dopo l’invasione, il canale RT ha annunciato sui suoi social media che si stavano vendendo dei gadgets con la Z: magliette e felpe, per esempio, per mostrare il supporto alle truppe di Mosca.

Dynamic 1

Negli ultimi giorni inoltre, come scrive Sky News, il simbolo è stato visto anche sulle macchine dei cittadini russi. E come ricorda il New York Times, sono stati organizzati anche flash mob da giovani russi, che hanno indossato magliette con la Z e hanno ballato in mezzo a bandiere russe.

Al di fuori della Russia, il caso che ha fatto più scalpore è stato quello del ginnasta russo Ivan Kuliak, che ha mostrato la lettera Z durante la premiazione di una gara di Coppa del Mondo a Doha. Arrivato terzo alla prova alle parallele, è salito sul podio accanto al 18enne ucraino Illia Kovtun, vincitore della gara, mostrando la lettera a supporto di Mosca.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage