Top

Israele, attacco all'Iran tra narrazione e realtà

I caccia con la stella di David si alzano in volo e, passando per lo spazio aereo saudita, arrivano in Iran per scatenare l’inferno. Scenario irrealistico?

Israele, attacco all'Iran tra narrazione e realtà
Israel Air Force

Umberto De Giovannangeli

12 Dicembre 2021 - 12.33


Preroll

I caccia con la stella di David si alzano in volo e, passando per lo spazio aereo saudita, arrivano in Iran per scatenare l’inferno.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Non è la sceneggiatura di una serie Netflix, ma uno scenario realistico. 

Middle placement Mobile

Preparativi in atto

Dynamic 1

Il ministro della difesa Benny Gantz ha detto di aver ordinato all’esercito israeliano di prepararsi alla possibilità di un attacco militare all’Iran. Lo riferisce il quotidiano israeliano Haaretz. Secondo una fonte della difesa, citata anche dal quotidiano, Gantz, attualmente negli Usa per convincere l’alleato ad aumentare la pressione su Teheran, ha informato Washington di questo passo. “Nessun progresso sul nucleare” I colloqui di Vienna sul nucleare iraniano non hanno prodotto “alcun progresso” e le potenze mondiali “capiscono che quella degli iraniani è una presa in giro, ha detto nel corso di un briefing in Florida Benny Gantz, sempre citato dal quotidiano Haaretz. È proprio questo tema la principale fonte di tensione tra Israele e Iran. Baerbock: nessun progresso in vista, il tempo sta scadendo Non c’è alcun progresso in vista nei negoziati sul nucleare iraniano e “il tempo sta scadendo”. Lo ha dichiarato ai cronisti la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, durante il G7 di Liverpool. “Negli ultimi giorni è apparso evidente che non c’è alcun progresso”, ha sottolineato Baerbock, “a causa dell’offerta del governo iraniano, i negoziati sono tornati indietro di sei mesi”.  

Un passo indietro nel tempo. Il 26 settembre scorso da Vienna arriva l’annuncio dell’Aiea (l’Agenzia internazionale per l’energia atomica) che l’Iran non rispetta in pieno l’accordo raggiunto solo due settimane fa sulla manutenzione delle apparecchiature di sorveglianza dell’agenzia delle Nazioni Unite. Secondo l’agenzia, l’Iran ha permesso agli ispettori di sostituire le schede di memoria nella maggior parte delle apparecchiature, come concordato il 12 settembre, ma non ha permesso che ciò accadesse in un laboratorio che produce componenti per centrifughe presso il complesso TESA Karaj, contrariamente a quanto divulgato nel comunicato congiunto del 12 settembre scorso: “Agli ispettori dell’Aiea è consentito riparare le apparecchiature identificate e sostituire i loro supporti di memorizzazione, che saranno tenuti sotto il sigillo congiunto dell’Aiea e dell’Aeoi (l’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran, ndr) nella Repubblica islamica dell’Iran. I modi e i tempi sono concordati dalle due parti”. 

Dynamic 2

Analisi dettagliata

E’ quella contenuta in un articolo su Haaretz del più autorevole analista militare israeliano: Amos Harel.

Dynamic 3

Scrive Harel: “È così scoraggiante che ho quasi smesso di leggere i giornali”, ha detto questa settimana un alto funzionario della difesa israeliana. Si riferiva alla copertura un po’ isterica dei negoziati sul progetto nucleare iraniano.

I media israeliani, in loro difesa, non sono gli unici responsabili della situazione. Anche qui i media si sono basati su una drammatica successione di dichiarazioni di persone di alto livello. Così si è creata in Israele l’impressione errata che i colloqui di Vienna stessero sicuramente per finire con un cattivo risultato per Israele – e che Israele stesse quasi certamente per attaccare gli impianti nucleari iraniani per porre fine al progetto. La realtà è ben diversa. Per cominciare, lo stato dei colloqui, anche se critico, non è terminale (e Israele è ambivalente sull’esito auspicabile). In secondo luogo, le minacce di attacco non fanno più molta impressione nella comunità internazionale, specialmente dopo la rivelazione dell’ampia spaccatura in Israele sulla trascuratezza dell’opzione militare durata anni. Realisticamente, un attacco aereo israeliano sull’Iran – un argomento inerente a un feroce dibattito professionale – avrebbe potuto essere possibile un decennio fa. Ora, con le Forze di Difesa Israeliane che iniziano solo a rinfrescare i piani operativi, ci vorranno probabilmente anni prima che questa opzione sia presa in seria considerazione.

Dynamic 4

E anche allora entrambe le prospettive dovranno essere esaminate a fondo: il successo e il rischio che l’attacco scateni una guerra regionale in cui il fronte interno israeliano subisca un assalto senza precedenti da parte di Hezbollah. In altre parole, la pistola che Israele brandisce non ha quasi munizioni al momento.

Tra l’insediamento di Joe Biden a gennaio e le elezioni presidenziali iraniane a giugno, l’Iran e le potenze hanno tenuto sei round di colloqui per un ritorno all’accordo del 2015 che l’amministrazione Trump ha buttato via nel 2018. Un anno dopo il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo, l’Iran ha iniziato a violarlo sistematicamente, portandolo vicino alla possibilità di fabbricare una bomba nucleare.

Dynamic 5

La rottura dei negoziati durante l’estate è derivata dal cambio di governo in Iran. Il nuovo presidente falco, Ebrahim Raisi, ha preso tempo. Quando i primi rappresentanti iraniani sono arrivati a Vienna, si è scoperto che era stata dettata loro una linea dura. I colloqui si sono interrotti senza un accordo e sono stati riconvocati giovedì. Nei media regna la confusione tra la necessità di accumulare abbastanza uranio arricchito per costruire una bomba e il completamento dell’intero processo, compresa l’installazione della bomba come testata nucleare su un missile balistico. Il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo e le sue conseguenze hanno portato l’Iran a poche settimane dal primo obiettivo, se Teheran decide di realizzarlo e di arricchire l’uranio a un livello superiore. In Israele si parla di preparativi iraniani per iniziare tale arricchimento (a un livello del 90%), ma non ancora di passi compiuti nella pratica.

Il raggiungimento del secondo obiettivo, la testata, potrebbe richiedere un altro anno o due. L’Iran potrebbe accontentarsi dello status di stato di soglia nucleare – che aumenterebbe il suo potere contrattuale a lungo termine senza rischiare un confronto più aspro con le potenze. Israele sta aspettando. Il fallimento del nuovo round di colloqui potrebbe portare a un graduale cambiamento nell’approccio di Washington. Se Biden conclude che non può convincere l’Iran a tornare all’accordo originale, e che “meno per meno” (un accordo limitato in cambio di una parziale revoca delle sanzioni) non è un’opzione praticabile perché farà il gioco del regime, potrebbe essere disposto a riconsiderare altre possibilità.

Questo è ciò che il ministro della difesa Benny Gantz cercherà di dire nei suoi incontri del fine settimana a Washington. Israele vuole vedere sanzioni più severe accompagnate da una segnalazione americana di una minaccia militare, come gli attacchi alle basi delle milizie sciite in tutto il Medio Oriente. Allo stato attuale delle cose, l’amministrazione propende per il negativo.

Un po’ tardivamente, l’IDF si sta rendendo conto che non stiamo parlando solo di una lotta contro il progetto nucleare, ma di una competizione strategica a lungo termine con gli iraniani. È una campagna complessa che non ha necessariamente un finale decisivo. Israele normalmente non pensa in questi termini, ma l’Iran è una potenza regionale, un vasto paese guidato da una potente coscienza storica e da una diversa concezione del tempo.

Negli ultimi decenni il regime estremista e brutale di Teheran ha mostrato una pazienza strategica e un’impressionante capacità di affrontare crisi e situazioni complesse. La campagna contro l’Iran è ampia e riguarda il carattere del regime, l’equilibrio militare, la spinta di Teheran per l’influenza regionale (mentre sostiene la sovversione e il terrorismo), e infine le sue ambizioni nucleari, la cui realizzazione potrebbe far pendere la bilancia a favore dell’Iran.

In questo contesto, il vanto di Israele sulla sua intenzione di rovesciare il regime non sembra serio. Potrebbe essere possibile contribuire a indebolire l’Iran, ma se il regime alla fine crollerà, sarà a causa di sviluppi interni.

Anche se i piani di bombardamento sono stati congelati, Israele non è rimasto seduto tranquillo sul fronte iraniano. Nell’ultimo decennio e mezzo, le misure prese contro l’Iran hanno incluso assassinii di scienziati nucleari, esplosioni di siti nucleari, attacchi informatici, attacchi alle navi iraniane, estesi attacchi aerei contro le milizie filo-iraniane in Siria, e un assalto sistematico ai convogli che contrabbandano armi dall’Iran a Hezbollah, per lo più attraverso la Siria. Quale di queste azioni ha prodotto risultati significativi? Parlando al New York Times, alti funzionari dell’amministrazione Biden hanno recentemente fatto un argomento interessante. Secondo loro, le esplosioni a Natanz che sono state attribuite al Mossad hanno solo spronato gli iraniani a far avanzare il processo di arricchimento dell’uranio a Fordow e a migliorare la difesa delle centrifughe, così che Israele non ha realmente ritardato il progetto. (Dopo gli incidenti a Natanz, le stime in Israele parlavano di un ritardo di due anni o addirittura di 10 anni nel progetto).

Sul fronte informatico, Israele gode di un notevole vantaggio su Teheran, ma è ancora vulnerabile agli attacchi, come si è visto recentemente negli attacchi che hanno colpito un ospedale israeliano e molti siti commerciali. La campagna marittima sembra essere stata congelata, poiché Israele ha scoperto di avere difficoltà a lanciare una coperta di sicurezza per coprire le navi civili di proprietà israeliana nel Golfo Persico e dintorni.

Il quadro diventa ancora più complicato per quanto riguarda gli attacchi in Siria come parte della “guerra tra le guerre”. L’IDF sta rivendicando un successo impressionante negli attacchi con i bombardamenti contro la base iraniana in Siria. Il numero di membri delle Guardie Rivoluzionarie in Siria rimane di gran lunga inferiore a quello che gli iraniani speravano, alcune basi delle milizie sciite sono state spostate verso est, e molte armi sono state distrutte.

Senza l’intervento israeliano, la situazione sarebbe molto peggiore. D’altra parte, solo un successo limitato è stato ottenuto nello sforzo contro il contrabbando che migliorerebbe la precisione dei razzi e dei sistemi antiaerei avanzati destinati al Libano.

Hezbollah sembra essere sulla soglia di una produzione significativa di kit di precisione per i suoi razzi in Libano. Questo sviluppo è stato considerato una linea rossa. Nel 2022, il dilemma israeliano diventerà più acuto: Bisogna attaccare i siti di produzione con il rischio di una guerra? D’altra parte, la vasta crisi politica ed economica del Libano non impone seri limiti allo spazio di manovra di Hezbollah?

L’ondata di accoltellamenti, sparatorie e attentati con auto nelle ultime settimane a Gerusalemme, e in misura minore in Cisgiordania, ha riportato l’arena palestinese nei titoli dei giornali, anche se si era un po’ calmata nei mesi successivi agli scontri di maggio con Gaza. Ciò che a malapena ottiene copertura nei media israeliani è il prezzo quotidiano della polizia dell’IDF per combattere il terrorismo e mantenere l’occupazione.

Poco meno di tre anni fa, un piccolo ‘incendio’ polemico divampò per un episodio in cui i soldati del battaglione Netzah Yehuda (precedentemente noto come Haredi Nahal, riferendosi alla Brigata Nahal) hanno preso a pugni due detenuti palestinesi, un padre e un figlio. L’incidente è avvenuto vicino a Ramallah dopo che una squadra di Hamas ha ucciso due amici dei soldati in un attacco a fuoco. Uno dei soldati ha filmato gli abusi sui detenuti con il suo telefono, e i sei soldati coinvolti sono stati condannati a brevi pene detentive.

Recentemente si è verificato un evento simile in cui soldati dello stesso battaglione sono stati presi in custodia e messi sotto processo. Purtroppo il pestaggio dei detenuti è stato un fenomeno ricorrente negli anni, ma in alcuni battaglioni ci sono più casi che in altri. A Netzah Yehuda, che fa parte della brigata di fanteria Kfir, molti dei cui soldati sono giovani Haredim – ultraortodossi – o ex Haredim provenienti da un ambiente difficile, questi casi sono piuttosto comuni.

Il col. (res.) Shlomi Tzipori, un avvocato della difesa militare, ha rappresentato uno degli accusati nel caso precedente e un altro imputato nel nuovo episodio. Dopo il primo processo, Tzipori ha scritto una lettera al capo di stato maggiore dell’IDF, Aviv Kochavi.

“Questo evento non mi ha sorpreso minimamente e non dovrebbe essere una sorpresa per chiunque abbia familiarità con la storia giudiziaria del battaglione e della brigata. Nel mio lavoro mi sono imbattuto in casi simili, non meno gravi, in cui soldati di Netzah Yehuda e Kfir sono stati processati per reati di abuso ed eccesso di autorità verso i residenti arabi”, ha scritto. “Credo che l’esercito non debba prendere sotto gamba un evento così grave. Dovrebbe essere indagato a tutti i livelli da un team di esperti, e i risultati e le conclusioni dovrebbero essere interiorizzati per prevenire il prossimo evento. Tutti i casi hanno un denominatore comune che va oltre la complessità della missione di polizia e la necessità di trattare con una popolazione civile ostile”.

Il lavoro, ha continuato Tzipori, viene assegnato a giovani soldati e ufficiali che non hanno esperienza o una formazione sufficiente. “L’IDF non può nemmeno esimersi dal sostenere, dopo tali eventi, che si tratta di “erbacce selvatiche”. I soldati che ho incontrato non sono così”, ha scritto Tzipori. La sua raccomandazione a Kochavi è stata di comportarsi come nel caso di Evyatar Yosefi, il paracadutista annegato nel torrente Hilazon durante un’esercitazione di navigazione: nominare una squadra per esaminare a fondo l’evento. “È inconcepibile che i rappresentanti del sistema giudiziario incontrino i combattenti per la prima volta solo quando sono sotto processo come imputati”, ha scritto Tzipori.

Recentemente ha chiesto al nuovo imputato che rappresenta se è stato informato nel battaglione su come trattare le persone dopo che sono state arrestate, messe in detenzione e non costituiscono più una minaccia. L’imputato ha detto di sì; i suoi comandanti gli hanno detto di non lasciare segni che dimostrino che un detenuto è stato picchiato, perché se si scopre che sono stati colpiti, la prigione militare si rifiuta di accettare i palestinesi.

Tzipori ha chiesto all’accusa di considerare cosa è stato fatto negli ultimi due anni e mezzo per migliorare la preparazione dei soldati alle missioni di arresto. Il procuratore militare ha risposto che questa questione non faceva parte del materiale investigativo del dossier. Tzipori vuole ora convocare Kochavi a testimoniare nel processo, dando seguito alla lettera che gli aveva inviato due anni e mezzo fa”.

Così Harel. 

Morale della storia: Israele usa la narrazione dell’attacco per forzare l’amministrazione Biden nel negoziato con l’Iran. E’ la diplomazia delle armi, tanto cara a Tel Aviv.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage