Top

"Fauci come Mengele": la vergogna No vax non conosce limiti né confini

La conduttrice di Fox News Lara Logan ha paragonato il dottor Anthony Fauci, il massimo funzionario della sanità pubblica statunitense sulle malattie infettive, a Josef Mengele

"Fauci come Mengele": la vergogna No vax non conosce limiti né confini
La conduttrice Lara Logan

Umberto De Giovannangeli

3 Dicembre 2021 - 14.36


Preroll

Il direttore di Globalist, Gianni Cipriani, ha scritto di recente un editoriale di grande impatto culturale, etico oltre che politico, nel quale denunciava i ripetuti accostamenti, anche simbolici, operati dal movimento no vax con il nazifascismo. Un fenomeno globale, che ogni giorno porta alla luce un pozzo senza fondo di vergogna.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Fauci come Mengele

Middle placement Mobile

Da leggere in un sol fiato quanto scritto su Haaretz da Sam Sokol: “Il Museo di Auschwitz in Polonia ha attaccato la conduttrice di Fox Lara Logan martedì, in seguito ai commenti che ha fatto su Fox News, in cui ha paragonato il dottor Anthony Fauci, il massimo funzionario della sanità pubblica statunitense sulle malattie infettive, a Josef Mengele, il famigerato medico nazista che fu soprannominato ‘l’angelo della morte’. ‘E così, in quel momento, quello che si vede sul dottor Fauci, questo è quello che la gente mi dice, che lui non rappresenta la scienza per loro, lui rappresenta Josef Mengele, il medico nazista che ha fatto esperimenti sugli ebrei durante la seconda guerra mondiale e nei campi di concentramento’, Logan, l’ospite dello show omonimo Lara Logan Has No Agenda“sul servizio di streaming Fox Nation, ha fatto questa indegna uscita durante un’apparizione su Fox News Primetime lunedì. ‘E sto parlando di persone in tutto il mondo stanno dicendo questo perché la risposta della Covid, quello che ha fatto ai paesi di tutto il mondo, quello che ha fatto alle libertà civili, i tassi di suicidio, la povertà – ha cancellato le economie – il livello di sofferenza che è stato creato a causa di questa malattia è ora visto alla fredda luce del giorno, cioè la verità, e la gente vede che non c’è alcuna giustificazione per quello che viene fatto’. 

Dynamic 1

I n risposta, il museo, che mantiene il sito del famigerato campo di sterminio nazista nel sud della Polonia, dove oltre 1,1 milioni di ebrei sono stati uccisi durante l’Olocausto, ha dichiarato che ‘sfruttare la tragedia delle persone che sono diventate vittime di esperimenti criminali pseudo-medici ad Auschwitz in un dibattito sui vaccini, pandemia e persone che combattono per salvare vite umane è vergognoso’.

Tale retorica è ‘irrispettosa per le vittime’ così come ‘un triste sintomo di declino morale e intellettuale’, ha denunciato il museo in un tweet. Nel suo ruolo di medico ad Auschwitz, Mengele selezionava quali prigionieri sarebbero stati utilizzati per i lavori forzati e quali sarebbero stati inviati immediatamente alle camere a gas. Ha anche eseguito ciò che il memoriale israeliano dell’Olocausto Yad Vashem ha descritto come ‘orribili esperimenti medici pseudo-scientifici eseguiti sui prigionieri del campo, il cui scopo era quello di dimostrare la superiorità della razza ariana’.

Dynamic 2

Logan ha una storia di condivisione di teorie di cospirazione online, avendo twittato che i media tradizionali stanno riportando informazioni errate sulla pandemia al fine di ‘diffondere paura/panico che giustifica’ controlli più severi che garantiscono il crollo delle economie mondiali” e sostenendo che i suoi avversari ideologici hanno preso ‘una foglia dal libro di Goebbels/Nazi’.

Paragonare le campagne di vaccinazione e i mandati delle maschere all’Olocausto è diventato sempre più comune a destra, con molti attivisti che indossano stelle gialle sul modello di quelle indossate dagli ebrei durante l’Olocausto alle proteste anti-vaccino e altri incontri pubblici. L’American Jewish Congress ha affermato che un certo numero di legislatori repubblicani di estrema destra, come i deputati. Marjorie Taylor Greene, Paul Gosar e Scott Perry stanno usando l’antisemitismo come strumento per mobilitare l’estremismo per il proprio potere politico. All’inizio di luglio, meno di un mese dopo aver rilasciato delle scuse pubbliche per aver ripetutamente paragonato le protezioni contro il coronavirus all’Olocausto, la deputata repubblicana Marjorie Taylor Greene ha accusato l’amministrazione di Joe Biden di usare la vaccinazione come ‘uno strumento politico per controllare le persone’, twittando che gli americani ‘non hanno bisogno che le tue camicie brune mediche si presentino alla loro porta per ordinare le vaccinazioni’.

Dynamic 3

Diversi giorni dopo, la collega di Greene, la congressista repubblicana Lauren Boebert, ha paragonato gli sforzi di vaccinazione federale Covid-19 al nazismo, twittando che Joe Biden ‘ha schierato i suoi nazisti dell’ago’ nel suo distretto del Colorado.

Boebert ha anche usato in precedenza il termine ‘camicie marroni”’ per riferirsi all’applicazione di misure di salute pubblica da parte del governatore del Colorado Jared Polis, che è ebreo.

Dynamic 4

In agosto, volantini con immagini del luogotenente governatore delle Hawaii Josh Green con le parole ‘ebreo’ e ‘frode’ sono stati attaccati alle pareti durante le proteste fuori dalla sua casa di Honolulu contro le nuove misure di salute pubblica per fermare la diffusione del Covid-19.

Sempre in agosto, John Bennett, presidente del Partito Repubblicano dell’Oklahoma, ha pubblicato un video online in cui ha anche paragonato i requisiti del vaccino nelle aziende e negli spazi pubblici all’uso nazista delle stelle gialle per identificare gli ebrei, scatenando una diffusa condanna, anche da parte di repubblicani di alto profilo. Alcune settimane dopo, Heidi Sampson, una rappresentante repubblicana del Maine, è stata criticata dopo aver dichiarato pubblicamente che “abbiamo Josef Mengele e Joseph Goebbels che si reincarnano qui nello stato del Maine” in riferimento al governatore Janet Mills e sua sorella, che è l’attuale capo di MaineHealth, il più grande fornitore di assistenza sanitaria dello stato.

Dynamic 5

In un altro caso del genere, il repubblicano del Kentucky Thomas Massie ha twittato un meme che paragona le restrizioni Covid al trattamento dei prigionieri nei campi di concentramento durante l’Olocausto, con l’immagine di una mano sollevata in un pugno con un numero tatuato visibile sul polso.

La fotografia aveva come didascalia, in grassetto maiuscolo, ‘Se devi portare con te una tessera per avere accesso a un ristorante, locale o evento nel tuo paese… quello non è più un paese libero’. 

E in ottobre, il candidato repubblicano al Senato Herschel Walker ha cancellato un evento di raccolta fondi pianificato dopo che è emerso che l’ospite stava usando l’immagine di una svastica come foto del suo profilo sui social media.

La cancellazione è arrivata solo poche ore dopo che la campagna di Walker ha difeso l’uso dell’immagine che presentava diversi aghi disposti a forma di simbolo nazista, che ha descritto come ‘chiaramente una grafica di vaccinazione [Covid-19] anti-obbligatoria”’

Anche il centro israeliano Yad Vashem per la memoria dell’Olocausto ha denunciato i commenti di Logan. In una dichiarazione, il presidente dello Yad Vashem Dani Dayan ha affermato che la sua organizzazione ‘condanna fortemente l’uso – sia da parte di organizzazioni che di individui – dell’Olocausto, delle sue immagini e dei personaggi ad esso associati, per promuovere programmi e cause di qualsiasi tipo che sono totalmente estranei all’Olocausto’.

‘Manipolare l’Olocausto in questo modo’, ha detto, ‘banalizza le orribili atrocità che sono state perpetrate e denigra la memoria delle vittime e dei sopravvissuti’.

Così l’articolo di Haaretz. Fox news è il colosso reazionario della comunicazione televisiva americana, la rete televisiva prediletta da Donald Trump. 

Il suprematismo bianco viaggia anche sul web. Un recente studio del Simon Wiesenthal Center ha identificato più di dodicimila gruppi di odio xenofobo e antisemita sul web. La League of the South sul proprio sito avverte: “Se ci chiamerete razzisti, la nostra risposta sarà: e allora?”. 

Non vaccinati = ebrei”.

E ancora svastiche, stelle di David e la parola ‘dittatura’ scandita come slogan. Addirittura la richiesta di una nuova Norimberga. Nelle piazze anti green pass italiane serpeggia il paragone che in più di un’occasione ambienti contrari ai vaccini hanno azzardato tra la discriminazione subita dagli ebrei durante la Shoah e quella che secondo gli anti vax introdurrebbe il certificato verde per i non vaccinati. 
 Ad ottobre, a Napoli come a Genova e Roma in tanti hanno sfilato con appuntate sulle magliette delle stelle di David per ricordare le famigerate stelle gialle di stoffa che gli ebrei furono costretti a mostrare con il varo delle leggi razziali durante il nazismo. Un marchio distintivo che precedette e accompagnò tutta la persecuzione. Un segno doloroso che ora il popolo no vax mutua e di conseguenza appella tutte le disposizioni anti covid, prima le mascherine poi il lockdown e ora il green pass come frutto di una “dittatura”. Proseguendo ancora con la simbologia nazista, in piazza cartelli mostravano il green pass accostato a svastiche proprio per sottolineare quello che è considerato un “atteggiamento discriminatorio e lesivo della libertà costituzionale da parte del governo”. In alcune piazze si è levato anche il grido ‘Norimberga, Norimberga’, anche qui lugubre richiamo al processo ai gerarchi del Reich dopo la seconda guerra mondiale. A Roma il paradosso: accanto alle svastiche e al grido di ‘dittatura’ ha sfilato anche l’estrema destra.  La comunità ebraica è  intervenuta a più riprese per stigmatizzare il parallelo offensivo e improprio Shoah – Green pass. “Sta montando un clima di odio e di intolleranza molto pericoloso. Far riferimento alla Shoah con tanta superficialità, è un segnale di forte allarme. La politica inizi a moderare i toni”, avverte la presidente della Comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello. 
 E anche un sopravvissuto alla Shoah come Sami Modiano, una vita spesa a ricordate gli orrori dei campi di sterminio, è dovuto intervenire per dire che “è un paragone inaccettabile, la stella gialla è stato dolore, ha significato abbandonare la propria casa, è stata sofferenza. Nulla di ciò che ho visto è uguale a tutto questo, nulla”. 

Non solo in Italia

Il Green Pass Il e la “dittatura sanitaria” sono stati introdotti per colpa degli ebrei: è quanto va affermando in Francia la paladina della frangia no vax, Cassandre Fristot, che ha alimentato, in occasione delle proteste contro la certificazione verde in landa transalpina, la diffusione di cartelloni antisemiti. In particolare, la trentatreenne, supplente di tedesco a Hombourg-Haut, città della Mosella, finirà a processo a Metz per “provocazione pubblica all’odio razziale”, rischiando un anno di detenzione in carcere e un’ammenda pecuniaria pari a 45mila euro.

La donna, riporta Il Corriere della Sera” è un’ex militante del Front national, cattolica tradizionalista difesa da associazioni come l’Institut Civitas. Secondo la sua visione delirante, gli ebrei e “i loro amici” avrebbero trovato il modo “per controllare il mondo, attraverso la pandemia e le misure sanitarie nazionali”. Idee che hanno trovato spazio addirittura in tv sull’emittente CNews, che il 18 giugno scorso intervistò il generale in pensione Dominique Delawarde, che se la prese con una minoranza che controllerebbe il branco mediatico. Il presentatore gli ha chiesto di essere più preciso: “Qui? Mais qui?”. Lui ha risposto: “La comunità che lei conosce bene”, facendo allusione proprio agli ebrei.

Allarme nel Regno Unito

Molti No Vax starebbero facendo proprie teorie antisemite di stampo nazista per diffondere fake news sul coronavirus che viene spesso raccontato come un “complotto ebraico per conquistare il mondo. Lo afferma un report di un ente di consulenza indipendente, del governo britannico, che si occupa di antisemitismo.

Come racconta il Telegraph, l’analisi ha studiato 28 dei forum antivaxxer più popolari sui social media, incluso uno gestito dal fratello di Jeremy Corbyn, Piers, e ha scoperto che tutti avevano condiviso post antisemiti. Nel complesso, il rapporto ha rilevato che l’antisemitismo è presente nel 79% delle reti No Vax. “I cospirazionisti del Covid-19 hanno attribuito la ‘bufala’ ad una ‘élite globale’ di cui farebbero parte i Rothschild, i Rockefeller, George Soros, i sionisti, così come Bill Gates”, afferma il rapporto secondo cui molti utenti di Facebook e Twitter hanno usato argomenti antisemiti di vecchia data. “Molti di questi post suggeriscono che gli ebrei abbiano creato il coronavirus e che gli ebrei stiano tramando dietro le quinte per destabilizzare banche e paesi attraverso la diffusione del virus”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage