Top

La leader dell'opposizione bielorussa invoca l'Europa: "Lukashenko è un dittatore, aiutateci"

Svjatlana Cichanoŭskaja parla al Parlamento Europeo riunito per la situazione al confine con la Polonia: "Lukashenko tiene il paese nelle paura"


globalist

24 Novembre 2021


Preroll

Svjatlana Cichanoŭskaja, leader dell’opposizione bielorussa, ha parlato al Parlamento europeo invitando le autorità Ue a intervenire nel “perseguire i trasgressori dei diritti umani ai sensi della giurisdizione penale universale”. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Fate in modo che tutte le prove dei crimini del regime siano sul tavolo della Corte penale internazionale e della Corte internazionale di giustizia” ha continuato Cichanoŭskaja. 

Middle placement Mobile

La leader dell’opposizione ha attaccato duramente Lukashenko, non esitando a definirlo ‘dittatore’: “In questo momento in Bielorussia ci sono più prigionieri politici – 882 – che deputati in quest’aula. Cittadini imprigionati per aver esercitato diritti politici fondamentali. Imprigionati e torturati. A nome loro e dei cittadini bielorussi che credono nelle libertà e lottano per i diritti in cui crede anche l’Europa, mi rivolgo a voi”.

Dynamic 1

“Non abbiamo più tempo. Non bastano le parole di solidarietà, abbiamo bisogno che l’Europa ci aiuti. Lukashenko non deve essere chiamato ‘presidente’, perché non lo è. È invece un dittatore senza scrupoli, che fa uccidere chi gli si oppone, che tiene il Paese nella paura, chiude i media e usa i migranti per minacciare Polonia e Lituania, e con loro tutta l’Europa”. 

“I bielorussi – afferma Cichanoŭskaja – non sono sicuri nel loro Paese e nemmeno all’estero. E non lo sono neppure gli europei. Il regime ha dimostrato di poter arrestare cittadini bielorussi in voli internazionali, punire i cittadini e usare i migranti per minacciare l’Europa. Possiamo essere paralizzati dalla paura o prendere nelle nostre mani il nostro destino”.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage