Benedizioni negate alle coppie gay, i preti austriaci: "Siamo inorriditi, Dio non si nega a nessuno"
Top

Benedizioni negate alle coppie gay, i preti austriaci: "Siamo inorriditi, Dio non si nega a nessuno"

Si unisce alla protesta anche il parroco tedesco don Tobias Schaefer, rettore della cattedrale di Worms: "Non posso negare la benedizione di Dio, chiunque la chieda"

Coppia gay
Coppia gay
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Marzo 2021 - 12.00


ATF

La comunicazione del Vaticano sul divieto per i sacerdoti di benedire le coppie omosessuali ha sollevato indignazione in tutot il mondo e non solo, come si potrebbe immaginare, negli ambienti Lgbtqi+: in Germania, don Tobias Schaefer, rettore della cattedrale di Worms, ha scritto sui social: “Se la Chiesa non può benedire ovunque le persone che desiderino una benedizione, non rinuncia al più appropriato dei suoi compiti? La benedizione non è uno strumento di giudizio morale, ma l’affermazione che Dio è lì, che cammina con noi. Nel bene e nel male”. La conclusione a questa riflessione è che don Tobias continuerà a fare come sempre a fatto. “Non posso negare, né negherò la benedizione di Dio” a chiunque la richieda.
Anche in Austria un gruppo di sacerdoti si è detto “sinceramente inorridito dal nuovo decreto vaticano che cerca di proibire la benedizione delle coppie dello stesso sesso. Questa è una ricaduta che avevamo sperato di aver superato con Papa Francesco”. 
“Noi – in solidarietà con tanti – non rifiuteremo in futuro nessuna coppia amorevole che chiede  la benedizione di Dio” ha detto Padre Helmut Schueller, il sacerdote che si è fatto portavoce di questi parroci austriaci, che ha rincarato la dose precisando che il gruppo vuole che le regole della Chiesa siano cambiate in modo che anche i preti possano sposarsi e che le donne possano diventare preti. Non solo. Ha affermato che violerà le regole attualmente in vigore dando anche la comunione ai protestanti e ai cattolici divorziati che si risposano.

Leggi anche:  Fanno sesso in chiesa vicino al confessionale, i fedeli chiamano la polizia: denunciata una coppia di 30enni
Native

Articoli correlati