Anche il vescovo di Ivrea contro Halloween: "E' una festa macabra e deprimente”
Top

Anche il vescovo di Ivrea contro Halloween: "E' una festa macabra e deprimente”

Così il vescovo di Ivrea, monsignor Edoardo Cerrato, attraverso il sito internet e il settimanale della diocesi eporediese, «Il Risveglio popolare».

Halloween
Halloween
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Ottobre 2019 - 09.33


ATF

«Macabro e deprimente». Così il vescovo di Ivrea, monsignor Edoardo Cerrato, attraverso il sito internet e il settimanale della diocesi eporediese, «Il Risveglio popolare», si è scagliato contro Halloween, ormai diventata una ricorrenza più o meno partecipata anche in Italia.

Come racconta Alessandro Previati su La Stampa: «Val la pena continuare a dire e a scrivere che Halloween non è una festa, ma qualcosa di macabro, di avvilente, di deprimente, sconfortante, demoralizzante, sconsolante – dice il vescovo – lo abbiamo detto e l’ho detto più volte anch’io in questi anni e non ho motivo di cambiare idea».

Per Cerrato «non vale neanche la pena di continuare a ricostruire quale è la sua origine, il suo significato, il suo sviluppo: le ragioni commerciali e quelle che portano non pochi a tentare di divertirsi con questa manifestazione di bruttezza sono estranee alla ragione». Per il vescovo di Ivrea è necessario tornare a celebrare oggi, 31 ottobre, la festa dei Santi: «Se in qualche realtà ecclesiale si “celebra”, nella Vigilia dei Santi, questa festa degradante, beh speriamo che, se non la fede, il buon senso e il buon gusto prima o poi si risveglino». 

Leggi anche:  Chiesa e aborto: a margine del fermo no c'è uno spiraglio che rappresenta la vera novità
Native

Articoli correlati