Top

Accoltella la zia e le strappa il cuore, orrore in Brasile

È successo a Sorriso, città dello stato brasiliano del Mato Grosso. L'uomo, un ragazzo di 28 anni, è un tossicodipendente

Lumar Costa da Silva, Maria Zelia da Silva
Lumar Costa da Silva, Maria Zelia da Silva

globalist

4 Luglio 2019 - 20.04


Preroll

Ha i contorni del racconto horror la storia di un brutale omicidio avvenuto in Brasile, a Sorriso, nello Stato occidentale del Mato Grasso: un uomo, Lumar Costa da Silva, è accusato di aver ucciso a coltellate la zia, Maria Zelia Da Silva, di averle strappato il cuore e averlo consegnato alla figlia della vittima. 
La donna è stata pugnalata a morte a casa del nipote, un tossicodipendente di 28 anni. L’uomo, che ha confessato il crimine alla sua stessa famiglia, è stato fermato dalle forze dell’ordine mentre camminava, con l’aria piuttosto sconvolta, per le vie della città.
Secondo i parenti della vittima, l’assassino viveva a San Paolo ed era andato a Sorriso ospite della zia. Quest’ultima, dopo aver scoperto che aveva problemi con la droga, gli avrebbe però chiesto di andarsene.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage