Top

Il putiniano Salvini ci fa litigare con l'Ucraina: legittima l'annessione della Crimea

Per tutta risposta, l'Ucraina convoca l'ambasciatore italiano Davide La Cecilia: "condanniamo la posizione di Salvini, contraria alle norme internazionali"

Soldati russi in Crimea
Soldati russi in Crimea

globalist

22 Luglio 2018 - 14.53


Preroll

Davide La Cecilia, ambasciatore italiano a Kiev, è stato convocato dal Ministro degli Esteri ucraino a causa delle frasi di Salvini degli scorsi giorni, in cui il vicepremier ha sostenuto che l’invasione della Crimea da parte della Russia “è stata legittima, in quanto avvenuta in territori storicamente russi”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“C’è stato un referendum e il 90 per cento della popolazione ha votato per il ritorno della Crimea nella Federazione Russa. La rivoluzione di Maidan è stata falsa”, aveva inoltre aggiunto il vice premier.

Middle placement Mobile

“Condanniamo la posizione di Salvini” ha scritto il Ministro degli Esteri Ucraino in una nota, “come non basata su fatti reali e in contraddizione con i principi riconosciuti e le norme della legge internazionale”.

Dynamic 1

Nel frattempo le parole del Ministro dell’Interno suscitano reazioni anche in Italia: “Quella della Crimea è stata una invasione come l’Italia ha sempre sostenuto in tutte le sedi internazionali” ha scritto Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, e continua: “poiché Salvini ha spesso dettato la linea di governo, vorremmo sapere se il Premier Conte ha cambiato idea, e se adesso, invece di sostenere le ragioni della non aggressione, della pace e del diritto internazionale, stiamo con l’invasore cioè con la Russia. Per questo chiediamo che Conte venga a riferire in Parlamento”. 

 

Dynamic 2

 

 

Dynamic 3

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage