Assad: non ci lasceremo intimidire, determinati nella lotta al terrorismo
Top

Assad: non ci lasceremo intimidire, determinati nella lotta al terrorismo

In un video su Twitter si vede il presidente siriano entrare nel palazzo presidenziale come se nulla fosse. Poi l'accusa ai paesi occidentali di aver fallito

Manifestazione filo Assad
Manifestazione filo Assad
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Aprile 2018 - 07.57


ATF

Si è dimostrato tranquillo e poi ha accusato gli aggressori: “La Siria non si lascerà intimidire dai raid della notte scorsa condotti da Stati Uniti, Regno Unito e Francia. “L’aggressione – ha scandito il presidente Bashar al Assad citato dalla Sana – renderà soltanto la Siria ed il popolo siriano più determinati nel continuare a combattere e distruggere il terrorismo in ogni angolo del Paese”.
E ha aggiunto: “I raid della scorsa notte riflettono il fallimento” delle potenze occidentali nel raggiungere i loro obiettivi in Siria dopo la sconfitta dei terroristi”.

Il video per ostentare tranquillità

Tranquillo e impassibile. Così appare il presidente siriano, Bashar al-Assad, in un video postato stamattina dalla presidenza di Damasco su Twitter dopo l’attacco militare congiunto di Usa, Francia e Gran Bretagna sulla Siria. Nel video, Assad entra nel palazzo presidenziale a Damasco con in mano la 24 ore, in una giornata apparentemente uguale a tutte le altre.
Poco dopo l’attacco, Damasco si è svegliata con manifestazioni di sostegno al regime. Nelle strade e nelle piazze punto di riferimento della capitale, si sono viste sventolare bandiere siriane, ma anche iraniane e russe, con caroselli di auto, che suonavano i clacson e lampeggiavano i fari, in segno di sostegno al regime e anche in aperta sfida alle potenze (Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna) che nella notte hanno condotto i raid aerei in territorio siriano. Lo ha riferito l’agenzia Associated Press.
“Le anime sante non saranno umiliate”, ha twittato la presidenza della Siria poco dopo l’inizio degli attacchi aerei. Nelle strade circolavano anche auto con altoparlanti che scandivano a tutto volume canzoni nazionaliste.

Leggi anche:  Raid israeliano su Damasco: uccise due persone

 

Native

Articoli correlati