Il gioco d’azzardo dall’Antica Roma a oggi 
Top

Il gioco d’azzardo dall’Antica Roma a oggi 

Scopri come il gioco d’azzardo è passato dall’essere un semplice divertimento di strada a un business da diversi miliardi di euro con questo approfondimento sulla storia del gambling.

Il gioco d’azzardo dall’Antica Roma a oggi 
Preroll

globalist Modifica articolo

20 Giugno 2024 - 10.37


ATF

Tutte le strade portano a Roma, il detto lo conosciamo tutti, ma in pochi sanno che è davvero così: ogni storia parte davvero da Roma. Il più grande impero in Europa ha lasciato una tradizione che esisterà fino alla fine dell’umanità. Una tradizione che è presente in tutto, dale leggi all’architettura, al modo in cui scommettiamo online. Potrebbe sorprenderti scoprire che è nato tutto da un paio di dadi.

Da umili origini…

Il gioco d’azzardo non era un’attività sociale popolare e diffusa nell’antica Roma, era il pilastro dell’intrattenimento. I legionari in terre lontane, così come le loro controparti civili, si riunivano nei vicoli e intorno ai tavoli per passare il tempo utilizzando una semplice coppia di dadi. Erano fatti di osso, avorio e altri materiali durevoli e chiamati ” tesserae”. I dadi romani avevano 6 facce, come quelli moderni, con una variante chiamata “astragali” che aveva 4 facce piatte.

L’uso dei dadi per il gioco d’azzardo era molto lineare. Sebbene ogni gruppo di giocatori potesse inventare vari giochi sul momento, il più popolare era chiamato “alea”. Si trattava di lanciare i dadi e scommettere sul risultato, ad esempio su quali numeri sarebbero apparsi.

I giocatori che erano stufi dei giochi di base con i dadi potevano passare ai giochi da tavolo, come il Lodus Doudecim Scriptorum o “il gioco delle dodici linee”. Questo precursore del gioco del backgammon consisteva in un tabellone con tre file di 12 segni e pezzi che si muovevano in base ai lanci dei dadi. Un altro gioco da tavolo molto popolare era Tabula, che prevedeva lo spostamento dei pezzi in base al lancio di dadi fino all’eliminazione di tutti i pezzi dell’avversario.

Leggi anche:  Qual è l'importanza del piano di ammortamento in un prestito personale?

…a spettacoli sanguinosi

Sebbene non siano stati gli antichi romani a inventare le scommesse sportive, sono stati loro a elevarle. Le scommesse sportive più antiche riguardavano i piccioni da corsa addestrati, ma i Romani preferivano scommettere su persone in carne e ossa. Tali scommesse coinvolgevano anche gli dei, che potevano scegliere il loro gladiatore o corridore di bighe preferito.

I giochi gladiatori erano la base dell’intrattenimento romano e gli allibratori pullulavano in ogni colosseo dell’impero. Gli spettatori potevano quindi scommettere sull’esito dei combattimenti, su azioni specifiche durante il combattimento e su altri eventi correlati. Alcuni fortunati scommettitori potevano anche tornare a casa con souvenir e trofei.

Le corse più importanti a Roma erano quelle delle bighe, che si tenevano nel Circo Massimo. Il concetto era semplice. Ogni biga aveva i suoi piloti, che appartenevano a una determinata squadra. Si poteva scommettere sulle squadre, sui guidatori e anche sui singoli cavalli. 

Un rinascimento del gioco d’azzardo

Il Medioevo è stato un periodo di vita poco piacevole. La Chiesa aveva una presa di potere sull’Europa, con le sue politiche e le sue dottrine che dettavano ogni aspetto della vita quotidiana, compreso l’intrattenimento. I giochi con i dadi rimasero comuni e ricevettero persino la concorrenza dei giochi di carte, ma rimasero in gran parte attività clandestine. La Chiesa aveva condannato il gioco d’azzardo considerandolo peccaminoso e immorale, il che aveva portato a una serie di divieti e restrizioni.

Leggi anche:  Il credito d’imposta: un’opportunità per le Aziende di ottenere liquidità

Tuttavia, i governi non erano nuovi all’uso del gioco d’azzardo a loro vantaggio. La prima lotteria italiana si tenne nel 1449 a Milano con l’intento di finanziare una guerra contro la Repubblica di Venezia. Genova intuì subito il potenziale della lotteria e la incorporò nella sua politica fiscale: il Lotto si basava sulle scommesse su chi avrebbe governato lo Stato nei sei mesi successivi.

La città dei canali vide i benefici fiscali che i suoi vicini traevano dal gioco d’azzardo e decise di aprire il primo casinò pari. Si chiamava Ridotto e aprì a Venezia nel 1638, sotto il controllo dello Stato. Il sostegno del governo e la popolarità generale portarono alla nascita di giochi di carte come il blackjack e il poker.

Il Wild West

Non si può pensare al selvaggio West senza pensare immediatamente ai saloon e alle case da gioco. Questi luoghi nacquero per la prima volta in Europa, dove città famose per il gioco d’azzardo, come Monte Carlo, divennero icone del XIX secolo. Ma è stata l’America a rendere i casinò ciò che sono oggi.

Coloro che non avevano accesso ai casinò e alle case da gioco convenzionali frequentavano le sale da poker, le bische clandestine e le corse di cavalli illegali. Queste corse di cavalli divennero uno sport d’azzardo popolare nel XVIII secolo e la loro popolarità aumentò negli anni successivi. Tuttavia, scegliere un operatore autorizzato si dimostrò un’impresa ardua.

La legalizzazione del gioco d’azzardo

Il XX secolo fu il secolo della legalizzazione, e Las Vegas divenne un importante centro di gioco d’azzardo dopo la legalizzazione dei casinò negli Stati Uniti nel 1931. La legalizzazione arrivò nel momento perfetto, poiché le macchine da gioco elettroniche, come le slot machine, stavano per arrivare sul mercato e rivoluzionare l’industria del gioco d’azzardo. I Paesi di tutto il mondo seguirono questo esempio e ampliarono le loro lotterie nazionali introducendo leggi che consentivano le scommesse sui casinò e sugli sport. Il palcoscenico era pronto per la più grande evoluzione del gioco d’azzardo di sempre. 

Il nostro moderno Sistema di scommesse

Leggi anche:  L’Italia sempre più vecchia: ecco perché il montascale sarà fondamentale 

Internet ha reso l’accesso a ciò che vogliamo in qualsiasi momento una realtà quotidiana. I giocatori non sono più costretti a recarsi nei casinò tradizionali. Tutti coloro che hanno superato l’età minima prevista dalla legge possono giocare d’azzardo su qualunque cosa. Ora, però, abbiamo il problema della scelta.

Avere troppe opzioni tra cui scegliere è un incubo. Soprattutto quando si deve decidere dove puntare il denaro che ci siamo faticosamente guadagnati. Internet, dopo tutto, è pieno di truffatori e siti fraudolenti.

I certificati di enti normativi rinomati, i siti di recensioni e le varie misure di sicurezza delle più grandi aziende del pianeta riducono i rischi, ma non li eliminano. Il problema dei giocatori d’azzardo moderni non è se sono autorizzati a giocare, ma di chi si possono fidare. Fai in modo che le tue avventure online non si trasformino in statistiche tenendo presente la regola più importante del divertimento online: se non sembra vero, sicuramente non lo è.

Native

Articoli correlati