Da EdiliziAcrobatica ad Acrobatica: il rebranding per celebrare i 30 anni
Top

Da EdiliziAcrobatica ad Acrobatica: il rebranding per celebrare i 30 anni

Ci sono aziende che sono diventate un punto di forza all’interno del settore di riferimento ed è questo il caso di EdiliziAcrobatica, che in occasione dei suoi 30 anni ha dato una ventata di freschezza con un rebranding, diventando Acrobatica.

Da EdiliziAcrobatica ad Acrobatica: il rebranding per celebrare i 30 anni
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Giugno 2024 - 10.58


ATF

Ci sono aziende che sono diventate un vero e proprio punto di forza all’interno del settore di riferimento ed è questo il caso di EdiliziAcrobatica, che in occasione dei suoi 30 anni ha deciso di dare una ventata di freschezza con un rebranding, diventando Acrobatica.

Si tratta dell’inizio di una nuova era per questa realtà: una novità che riflette l’evoluzione continua e la capacità di rispondere ai cambiamenti dell’ambiente circostante, ridefinendo le regole del settore. 

Il nuovo brand simboleggia però anche la promessa a mantenere l’essenza originaria dell’azienda, focalizzata sull’innovazione, l’inclusività e la crescita personale e professionale dei suoi membri.

Con il rebranding, viene rinnovato quindi il suo impegno a portare una rivoluzione positiva nel settore, rimanendo fedele ai suoi valori fondamentali e continuando a guardare al futuro con curiosità e determinazione.

Le ragioni dietro alla scelta del rebranding

Il 24 gennaio 2024 è stata presentata la nuova identità di Acrobatica, precedentemente nota come EdiliziAcrobatica. 

Questa trasformazione, gestita in collaborazione con l’agenzia Dentsu Creative, segna un passo cruciale nel percorso di internazionalizzazione dell’azienda, leader nel settore delle ristrutturazioni esterne su fune

Il rebranding, sviluppato in occasione del suo trentesimo anniversario, non è soltanto un cambio di nome, ma un riflesso della sua ambizione di definire un nuovo standard nell’edilizia, centrato sulla flessibilità e l’innovazione

Leggi anche:  Pubblicità sulle tovagliette dei ristoranti? Come renderle interessanti

Il nome che è stato scelto, “Acrobatica”, cattura di fatto la sua essenza dinamica, evocando il movimento libero e la capacità di adattamento nel tempo e nello spazio.

Nel processo non è stato elaborato solo il nome, ma l’attenzione è stata posta anche a un nuovo logo, che adesso integra visivamente edifici e case, simboli dei luoghi di intervento dell’azienda, e una tagline che esplicita le aree di business. 

L’identità visiva è stata quindi aggiornata mantenendo però i colori tradizionali, blu e giallo, ma con un tocco più moderno e l’introduzione di linee sottili, a rappresentare il lavoro su fune. 

È un’evoluzione che riflette la sua missione principale: rivoluzionare la cultura edilizia con un approccio più leggero, essenziale e sostenibile

Secondo Simona Filice, Group Brand & Marketing Officer di Acrobatica, questa nuova identità rispecchia l’impegno dell’azienda a prendersi cura non solo degli edifici, ma anche delle persone che vi abitano e lavorano.

Acrobatica: 30 anni di innovazione nel settore edile

Acrobatica è stata fondata nel 1994 da Riccardo Iovino, un ex skipper genovese abituato a scalare gli alberi delle barche a vela, e che ha trasmesso parte della sua passione nella creazione di un’azienda innovativa: un’impresa che si occupa di ristrutturazioni esterne con l’uso della fune.

Leggi anche:  Bronchogen: Una Panoramica dei Risultati della Ricerca

Oggi, sotto la guida di Anna Marras, il nome di Acrobatica è diventato un leader riconosciuto, con una presenza che si estende dall’Italia alla Francia, passando per il Principato di Monaco, la Spagna, gli Emirati Arabi, l’Arabia Saudita e il Kuwait. 

Quotata dal 2018 su Euronext Growth Milan e Paris, rappresenta un esempio di eccellenza imprenditoriale, con una crescita sostenuta anche nei periodi di crisi del settore edilizio.

Il suo successo è nato da un’ottica radicata nel valore delle risorse umane, con oltre 2.500 persone, e in un modello di business innovativo. La tecnica della doppia fune di sicurezza, è infatti un metodo mininvasivo, sicuro e sostenibile

Una metodologia che permette di mantenere la piena accessibilità agli edifici durante i lavori, rendendola ideale per strutture ad alta frequentazione come hotel, ospedali, centri direzionali e monumenti storici. 

Anche all’estero il suo impegno è ampiamente riconosciuto. Grazie al controllo del 51% di Enigma, è infatti impegnata nella manutenzione del Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo. 

Leggi anche:  L’Italia sempre più vecchia: ecco perché il montascale sarà fondamentale 

Tutto questo senza perdere di vista i principi fondamentali di un mondo moderno e che Acrobatica abbraccia appieno: secondo il Bilancio di Sostenibilità rilasciato dal 2022, infatti, risulta essere fortemente coinvolta nell’attenzione sostenibile, con un miglioramento del rating Sustainalytics a 11.8 nel 2023.

Infine, l’azienda è anche attivamente impegnata nel sociale e da anni sostiene SEA, Super Eroi Acrobatici, organizzazione di volontariato che porta momenti di gioia ai bambini ricoverati negli ospedali. Questo impegno a 360 gradi riflette la visione dell’azienda: un’edilizia che non si limita a migliorare gli edifici, ma che si prende cura delle persone e della comunità.

In conclusione

Acrobatica, celebrando i suoi 30 anni di attività con un rebranding significativo, si posiziona come un’azienda innovativa e dinamica nel settore delle ristrutturazioni esterne su fune.

Con un’importante presenza internazionale e un impegno costante verso la sostenibilità e l’innovazione, l’azienda continua a ridefinire il modo di fare edilizia, mantenendo al centro le persone e le loro esigenze. 

Per saperne di più sui servizi o per collaborare con Acrobatica, è possibile contattarli tramite il loro sito web.

Native

Articoli correlati