6 tendenze marketing da seguire nel 2024 per aumentare la brand awareness
Top

6 tendenze marketing da seguire nel 2024 per aumentare la brand awareness

Ogni anno, tendenze e novità del settore guidano il mondo del marketing che risulta essere sempre più competitivo.

6 tendenze marketing da seguire nel 2024 per aumentare la brand awareness
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Gennaio 2024 - 01.59


ATF

Ogni anno, tendenze e novità del settore guidano il mondo del marketing che risulta essere sempre più competitivo. Oggi, per fare in modo che la propria azienda spicchi, non basta un business plan con obiettivi chiari ma è nettamente necessario investire nella pubblicità, digitale e non solo. 

Nonostante l’anno sia appena partito, gli esperti del settore hanno già condiviso su blog specializzati e profili LinkedIn quelli che sembrano essere i leitmotiv che ci porteremo per i prossimi mesi… un po’ come per la palette cromatica lanciata da Pantone. Ti piacerebbe migliorare la tua strategia? Scopri con noi quali sono le tendenze marketing da seguire nel 2024 per potenziare la forza del tuo brand.

Gadget per eventi: un evergreen che non passa mai di moda

Il primo trend che vogliamo affrontare è quello dei gadget personalizzati: questi strumenti, solitamente impreziositi da un logo o da un claim, vengono distribuiti gratuitamente a fornitori, clienti e dipendenti. 

Durante fiere di settore o eventi, le aziende che investono in questa tipologia di prodotti sono sempre di più: le persone tendono ad avvicinarsi più facilmente agli stand, condividere la propria email o i propri contatti se hanno qualcosa in cambio. 

Ma quali sono i prodotti più amati? In cima alle richieste ci sono strumenti utili nella quotidianità, come ad esempio gli ombrelli di Gift Campaign che puoi acquistare a prezzi competitivi e personalizzare con logo e colori. In alternativa, estremamente apprezzati, i gadget tech tra cui le powerbank o le soluzioni green e sostenibili come le borracce che comunicano un’intenzione precisa dell’impresa.

Leggi anche:  Guida pratica al noleggio a lungo termine per privati

Rispetto all’anno 2023 appena concluso, il settore mostra una crescita importante avendo messo in evidenza tutti i vantaggi effettivi che i brand riescono ad ottenere. Non solo gadget sostenibili ma anche una maggiore attenzione alle generazioni Z e ai Millennials con proposte ad hoc renderanno sempre più efficace l’investimento.

Sfruttare l’intelligenza artificiale ma senza abusarne

Lo scorso anno il fenomeno è effettivamente esploso e sembrava non si potesse parlare d’altro. Oggi la bolla sull’intelligenza artificiale si è già ridimensionata, e chi l’ha imparata a conoscere e sfruttare ha compreso quanto possa essere un supporto ma certamente non sostituire l’attività umana… almeno per il momento.

Quello che è il trend per il 2024 è l’utilizzo di un sistema di marketing potenziato dall’intelligenza artificiale, così da migliorare le performance e poter studiare in modo più ottimizzato una grande quantità di dati. Se c’è una cosa con cui l’AI va davvero forte è l’analisi approfondita, riuscendo persino a creare statistiche e report dettagliati.

Il content marketing diventa personalizzato

Nel 2024 segmentare il pubblico non sarà sufficiente, la tendenza è quella di andare verso una personalizzazione capillare che faccia sentire ogni utente speciale. Non basterà inviare newsletter con il nome del consumatore, sarà necessario studiare un piano ad hoc con contenuti mirati in grado di interessare le singole persone e non un target intero. 

Leggi anche:  Il futuro degli smartphone: Cosa possiamo aspettarci da loro nel prossimo decennio?

A guidare il trend troviamo aziende multinazionali esperte come Amazon o Netflix che hanno messo la cronologia di ricerca in cima ai dati utili per realizzare contenuti sponsorizzati o suggerimento di prodotti da acquistare.

Ancora una volta sarà l’anno dei video

Tra le tante tipologie di contenuti, il formato video continuerà a capitanare le tendenze. In modo particolare, rispetto ai filmati approfonditi di YouTube che si vedevano fino a qualche anno fa, prenderà sempre più diffusione il trend dello short video con proposte come i Reels su Instagram o gli inarrestabili TikTok

Il benessere del pianeta è al centro dell’attenzione

La sostenibilità è diventata una preoccupazione centrale per i consumatori. Nel 2024, le aziende che adottano pratiche di marketing green e dimostrano un impegno verso la sostenibilità attraggono maggiormente l’attenzione degli utenti; ci sarà un focus sull’uso di materiali riciclati nelle campagne pubblicitarie, la promozione di prodotti ecologici e la comunicazione trasparente delle iniziative di sostenibilità intraprese. Le attività che adottano questi principi non solo migliorano la loro brand awareness, ma contribuiscono altrettanto a un impatto sociale positivo.

Leggi anche:  Tutti gli sport che faranno il loro debutto alle Olimpiadi di Parigi 2024

Influencer marketing regolamentato

Non si parla d’altro, da inizio anno, che dell’importanza che gli influencer devono avere nella comunicazione etica. Se da una parte è vero che hanno un forte potere di persuasione e possono offrire un’alternativa alla classica pubblicità, dall’altra si stanno muovendo delle regole sempre più precise in materia così da tutelare i consumatori.

L’influencer marketing continua ad essere una forma di pubblicità efficace ma i brand dovranno siglare contratti più precisi e in linea con le nuove norme più etiche e soprattutto più attente all’informare i follower delle ADV. 

La SEO vocale acquisisce potere

Con l’aumento dell’impiego di assistenti come Alexa, Google Assistant e Siri, ottimizzare i contenuti per la ricerca vocale è diventato essenziale; le aziende stanno adattando le loro strategie SEO per includere parole chiave conversazionali e domande frequenti, mirando a comparire nelle risposte vocali, focalizzandosi su testi che rispondano direttamente alle domande dei consumatori. 

Le novità in ambito pubblicitario offrono nuove opportunità per chi desidera migliorare la propria brand awareness; studiare le possibilità digital in termini di tendenze ma puntare anche su una formula fisica con gadget da distribuire agli eventi, una strategia SEO e non dimenticare il mondo dei social può fare la differenza. 

Native

Articoli correlati